Calabria7

“Vietato ingresso a cani e non vaccinati”, il cartello del pub scatena l’ira dei no-vax

non vaccinati

Una birreria torinese è entrata nel mirino dei no-vax più agguerriti. La colpa è di una fotografia, fatta circolare in una chat di area, in cui all’ingresso compare una lavagnetta con scritto “Vietato l’ingresso ai cani e ai non vaccinati”. Gli internauti, svolgendo una vera e propria indagine, hanno individuato il locale e ne hanno pubblicato il nome, l’indirizzo e il numero di telefono. Così, in poche ore, i più scalmanati hanno dato vita a un bombardamento social di insulti, inviti al boicottaggio e minacce: “Qui ci vogliono le molotov” o anche “Vien voglia di dar fuoco al locale”.

Il post di chiarimento

Sulla pagina Facebook ufficiale della birreria è stato pubblicato, pochi istanti fa, un post in cui si precisa che quella scritta è stata male interpretata perché in realtà si trattava di “una provocazione a questa situazione di m….” Nel nostro pub – conclude il messaggio di chiarimento – sono tutti i benvenuti. Non avete colto il senso di equiparare la triste era nazista con quella di oggi“. Ma la giustificazione non è piaciuta: “La pezza è peggio del buco”. Tra i commenti c’è anche molta indignazione per la citazione dell’era nazista, tra l’altro a pochi giorni dalla Giornata della Memoria. L’ennesimo accostamento alla Shoah, stavolta parafrasando il celebre “Vietato l’ingresso agli ebrei e ai cani” contenuto nel film da Oscar “La vita è bella” di Benigni

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Covid, bimbo di 10 anni muore a Roma. “Aveva patologie importanti”

Alessandro De Padova

La moglie è indagata per caporalato: si dimette il capo immigrazione del Viminale

Alessandro De Padova

Mosca stila una lista di ‘Paesi ostili’, c’è anche l’Italia

Click to Hide Advanced Floating Content
Click to Hide Advanced Floating Content