Vigile spara e uccide ex collega. Non si esclude il movente a sfondo passionale

L’uomo, di 57 anni, che ha sparato con la pistola d’ordinanza si è fatto arrestare senza opporre resistenza
latitante arrestato

Una donna di 33 anni, ex vigilessa, è stata uccisa da un collega di 60 anni, nella sede della Polizia locale con un colpo sparato con una pistola di ordinanza. La vittima, in passato in servizio al comando dell’Unione dei comuni. E’ al vaglio degli investigatori la sua posizione: da capire se lei fosse o meno ancora dipendente del Comando della polizia locale.

Non si esclude il movente passionale. L’ex comandante Giampiero Gualandi ha ucciso la collega nella sede della polizia locale alla Casa gialla in via Goldoni. L’uomo, 57 anni, ha sparato con la pistola d’ordinanza. Per la vittima, in servizio a Sala Bolognese e in passato al comando dell’Unione dei Comuni di Terre d’acqua, non c’è stato nulla da fare. L’ex comandante di Anzola si è fatto arrestare senza opporre resistenza. Una delle ipotesi, ancora da verificare, è che all’origine del gesto ci sia la fine di una relazione sentimentale tra la vittima e l’assassino.

Non si esclude il movente passionale. L’ex comandante Giampiero Gualandi ha ucciso la collega nella sede della polizia locale alla Casa gialla in via Goldoni. L’uomo, 57 anni, ha sparato con la pistola d’ordinanza. Per la vittima, in servizio a Sala Bolognese e in passato al comando dell’Unione dei Comuni di Terre d’acqua, non c’è stato nulla da fare. L’ex comandante di Anzola si è fatto arrestare senza opporre resistenza. Una delle ipotesi, ancora da verificare, è che all’origine del gesto ci sia la fine di una relazione sentimentale tra la vittima e l’assassino.

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
I messaggi social con la firma delle “Brigate Rosse” diretti a due cosiddetti "diarchi fascisti": "Siete condannati a morte"
La Cgil incalza di fronte all'ennesimo episodio "Bisogna prendere provvedimenti drastici e urgenti affinché i colleghi vengano tutelati"
Accolte le istanze dei difensori del 31enne, di Spadola. Il Tribunale di Messina ha ritenuto inammissibile la richiesta della Dda
Accusati in concorso tra di loro di peculato, erano stati arrestati nell'ambito di un'inchiesta della Guardia di finanza. Accolte le le richieste della difesa
Il gup nelle motivazioni della sentenza: "era a conoscenza dei rapporti tra 'ndrangheta e servizi segreti"
I genitori hanno scoperto casualmente un anno fa della malattia del figlio, dopo una serie di accertamenti
"Il mio ginecologo mi ricorda che devo controllare una cisti ovarica. Da lì parte uno tsunami. Risonanza, ricovero, operazione. Ciao ovaie"
Prende il posto di Bruno Trocini. Da giocatore ha indossato la maglia amaranto tra il 1988 e il 1990 ai tempi di Nevio Scala
I tempi? Appena la vice presidente Princi sarà proclamata in Europarlamento. Il governatore conferma: "Ho intenzione di alleggerirmi di alcune competenze"
Accolto l'appello della difesa. Nessuna pericolosità sociale: "non esistono elementi da cui desumere l'appartenenza alla 'ndrangheta"
RUBRICHE

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved