Calabria7

Vigili del fuoco catanzaresi ad esercitazione internazionale in Sicilia (VIDEO)

Nella notte compresa tra il 31 maggio ed il primo giugno si è svolta in Sicilia un’esercitazione internazionale, legata al Progetto europeo EASeR, volta a testare nuove procedure operative mirate al superamento efficace degli effetti barriera in caso di eventi naturali catastrofici. Lo scenario è stato quello di Poggioreale (TP). Il Progetto EASeR (acronimo di Enhancing Assessment in Search & Rescue, ovvero Miglioramento della fase di Prima Valutazione nelle operazioni di Ricerca e Soccorso) è un progetto della Protezione Civile dell’Unione Europea che ha visto collaborare il Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco, il CNBOP-PIB (Centro Scientifico e di Ricerca Antincendio della Polonia) e l’FRB-MSR (Comando Regionale dei Vigili del Fuoco della Moravia e Slesia – Repubblica Ceca). Lo scopo del progetto è stato quello di identificare tutti gli elementi rilevanti utili a superare i problemi che i primi soccorritori incontrano negli scenari emergenziali complessi, con particolare riferimento ai terremoti. Al fine di migliorare l’efficacia delle operazioni di ricerca e salvataggio sono state redatte nell’ambito del progetto delle apposite procedure da proporre ai soccorritori a livello internazionale. Per meglio testare tali procedure e codici di comportamento durante le fasi dell’esercitazione, l’impiego anche di role player cioè figuranti opportunamente formati al fine di creare le difficoltà oggetto del test, impersonati da attori di una compagnia teatrale siciliana, ma anche dal Sindaco e dai cittadini di Poggioreale La nostra nazione è stata rappresentata da 6 unità vigilfuoco del Team U.S.A.R. Calabria, la cui performance è stata definita dagli osservatori internazionali “pronta ed efficace”.

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Catanzaro, scontro auto-moto a Lido: disagi alla circolazione

Matteo Brancati

Donna scomparsa nel Vibonese, appello fratello: “Pentitevi e confessate”

Andrea Marino

Coronavirus, controlli serrati sul lungomare di Catanzaro: una denuncia

Andrea Marino
Click to Hide Advanced Floating Content