Calabria7

Villette abusive nel Catanzarese, la Procura chiude le indagini per 70 (NOMI)

di Gabriella Passariello- Procede a ritmo serrato la Procura di Catanzaro sul caso delle settantuno villette costruite a pochi metri dal mare in località Panajia, a Caminia di Stalettì, nel Catanzarese, senza la concessione demaniale marittima che viene rilasciata dalla competente Capitaneria di porto, in violazione dei vincoli paesaggistici. Il sostituto procuratore Graziella Viscomi ha chiuso l’inchiesta nei confronti di settanta indagati, con le accuse di abusivo utilizzo della autorizzazione alla navigazione temporanea, abusiva occupazione di spazio demaniale e inosservanza di limiti alla proprietà privata, invasione di terreni o edifici. Reati che avevano portato lo scorso dicembre il reparto operativo del Comando provinciale di Catanzaro guidato dal tenente colonnello Giuseppe Carubia, i carabinieri della sezione di Polizia giudiziaria, al comando del maggiore Gerardo Lardieri e la Capitaneria di Porto di Soverato sotto il coordinamento del tenente di Vascello Augusto Cipollone, a notificare un decreto di sequestro preventivo finalizzato alla confisca, vergato dal gip Giulio De Gregorio.

I nomi dei 70 indagati

Sotto inchiesta Claudio Aloisi, 57 anni, Catanzaro; Francesco Aloisi, 63 Catanzaro; Pasqualino Aloisi, 66 anni, residente a Napoli; Barbara Aversa, 95 anni, residente a Lamezia Terme; Carmela Aversa, 89 anni, Stalettì; Fiorina Aversa, 76 anni, residente a Pioltello; Marisa Aversa, 73 anni, residente a Limbate; Salvatore Aversa, 79 anni, residente a Lamezia Terme; Antonietta Calabretta, 72 anni, residente a Roma; Giuseppe Calabretta, 66 anni, Stalettì; Giuseppina Calabretta, 69 anni, residente a Roma; Antonia Camastra, 74 anni, Stalettì; Maria Carello, 88 anni, di Stalettì; Anna Elvira Casalenuovo, 64 anni, di Stalettì, Giuseppina Casalenuovo, 75 anni, Stalettì; Gregorio Casalenuovo, 64 anni, Stalettì; Mario Casalenuovo, 73 anni, di Stalettì; Rosario Casalenuovo, 74 anni, Stalettì; Splendora Casalenuovo, 70 anni, residente a Gasperina; Gregorina Cortese, 81 anni, di Stalettì;  Serafina D’Ambrogio, 81 anni, Stalettì; Anna Destito, 54 anni, residente a Soverato; Gesa Destito, 75 anni, residente a Conselve; Rosario Destito, 79 anni, Stalettì; Ottavia Doria, 71 anni, Catanzaro; Annamaria Fortunati, 73 anni, residente a Nichelino; Antonietta Frangipane, 59 anni, residente a Catanzaro; Gilda Frangipane, 59 anni, residente a Montauro; Guido Frangipane, 64 anni, residente a Stalettì; Maria Rita Angiolina Frangipane, 66 anni, residente a Stalettì; Nicola Frangipane, 68 anni, residente a Roma; Carmine Antonio Froio, 75 anni, Stalettì; Caterina Gentile, 65 anni, Stalettì; Serafina Giardino, 93 anni, residente a Pescia; Daniele Gori, 64 anni, Roma; Maria Annina Grande, 94 anni di Stalettì; Angela Laura Grillone, 56 anni, Stalettì; Maria Grillone, 79 anni, residente a Soverato; Maria Grillone, 67 anni, residente a Catanzaro; Cecilia Guzzetti, 96 anni, residente a Limbiate; Santina Iamello,45 anni, di Caminia; Paolo Lamonica, 54 anni, residente a Catanzaro; Rosetta Laugelli, 68 anni, Amaroni; Gregorio Mantella, 73 anni, residente a Stalettì; Attilio Miele, 89 anni, residente a Velletri; Angelo Gabriele Mirarchi; 74 anni, Stalettì; Anna Maria Grazia Mirarchi, 56 anni, residente a Lamezia Terme; Salvatore Mirarchi, 71 anni, residente a Lamezia Terme; Vera Morabito, 89 anni, Catanzaro; Rosario Mungo, 70 anni, Borgia; Italia Pedata, 67 anni, Catanzaro; Giovanni Pellegrino, 53 anni, residente a Stalettì; Maria Angelis Rachetta, 73 anni, residente a Lamezia Terme; Antonio Ranieri, 60 anni, Stalettì; Raffaelina Ranieri, 73 anni, di Stalettì; Antonio Riccelli, 61 anni, di Stalettì; Maria Richetta, 70 anni, residente a Lamezia; Rossella Rijillo, 55 anni, Stalettì; Giuseppina Rejillo, 52 anni, residente a Torbole Casagna;  Francesco Romeo, 85 anni, residente a Torino; Maria Carmela Sica, 66 anni, residente a Veroli; Antonia Tinello, 85 anni, residente a Stalettì; Antonio Vatrella, 88 anni, Stalettì; Antonio Vatrella, 71 anni, Stalettì; Irene Vatrella, 45 anni, di Stalettì; Gloria Vigorita, 42 anni, residente a Roma; Emanuela Voci, 68 anni, Stalettì; Giovanna Voci, 66 anni, Stalettì; Gregorio Giuseppe Voci, 69 anni, Stalettì;  Ettore Zaccone,75 anni, Girifalco.

“Lo scempio del territorio”

Case costruite tra i pali della luce, senza il rispetto della distanza minima di sicurezza tra l’una e l’altra in una zona balneare della cosca jonica di grande attrazione turistica. E’ quello che emerge dall’inchiesta della Procura di Catanzaro che evidenzia “che tutti i manufatti insistenti sulle aree interessate sono abusivi ed eretti in violazione della normativa urbanistica e paesaggistica”, su un’area, destinata all’uso pubblico, alla difesa del mare che il Piano stralcio per l’assetto idrogeologico regionale individua come area caratterizzata da livelli di rischi e pericoli connessi con l’erosione costiera, frana, alluvione e inondazione. Gli indagati, secondo gli inquirenti, non hanno alcun titolo edilizio che li legittima “a fare scempio del territorio con un’occupazione arbitraria”. Per la Procura è necessario sottolineare “la grave inerzia degli indagati che continuano nell’occupazione nonostante il giudizio civile abbia accertato la proprietà demaniale dell’area, le ordinanze di sgombero del Comune di Stalettì, le pronuncia del Tar favorevoli allo sgombero e l’emissione di decreti penali di condanna su richiesta di questo Ufficio”. Un dato che trova riscontro nelle valutazioni del gip che ritiene indispensabile “il recupero delle aree al Demanio bloccando la protrazione del reato e consentendo il pubblico uso dell’area di cui non c’è bisogno di sottolineare l’elevatissimo valore paesaggistico e la naturale destinazione all’uso collettivo”.

Dal sequestro alle demolizioni

Dal sequestro, poi si è passati allo sgombero e all’avvio delle demolizioni, con l’abbattimento di dieci costruzioni su cui era intervenuta una sentenza definitiva. L’area, come da contratto, dovrà essere riconsegnata al Comune entro il 16 agosto e l’Ente procederà a stilare un progetto per riqualificare la zona.

Il collegio difensivo

Gli indagati, tramite i loro avvocati (nel cui collegio difensivo compaiono i nomi dei legali Antonio Larussa, Sabrina Apollinaro, Francesco Iacopino, Luigi Parenti, Rita Ciciarello, Salvatore Strangis, Gianni Russano, Silvana Aversa, Gregorio Casalinuovo, Domenico Pietragalla) avranno venti giorni per chiedere di essere sentiti dal publbico ministero, rilasciare dichiarazioni spontanee, depositare memorie difensive e compiere ogni altro atto utile per l’esercizio del diritto di difesa, prima che il pm proceda oltre con una richiesta di rinvio a giudizio o di archiviazione.

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Elezioni regionali, Spirlì fissa la nuova data: “Calabria al voto l’11 aprile”

bruno mirante

Trasparenza: redditi e lavoro dei consiglieri comunali di Catanzaro/2

nico de luca

Concorsi a Isola Capo Rizzuto, 39 assunzioni al Comune

Giovanni Bevacqua
Click to Hide Advanced Floating Content
Click to Hide Advanced Floating Content