Violenza ‘ndranghetista nella Sibaritide, l’iniziativa di Libera Calabria: “Ora basta!”

L’associazione ricorderà il piccolo Cocò Campolongo nella “lunga scia di sangue” che ha colpito anche donne e bambini

Una passeggiata della legalità contro la violenza della ‘ndrangheta nella Sibaritide, che culminerà in una serie di interventi: è l’azione organizzata dall’Associazione Libera Calabria a Cassano all’Ionio, sabato 17 febbraio alle ore 10.00, presso lo slargo dell’ex caserma dei carabinieri. La passeggiata terminerà in piazza Matteotti, dove seguiranno gli interventi, le cui conclusioni sono affidate a Don Luigi Ciotti, presidente di Libera, e del Gruppo Abele.

“Rompere il muro del silenzio”

“Rompere il muro del silenzio”

Questo, secondo Libera, è un modo per “rompere il muro del silenzio che per troppo tempo ha sovrastato, spegnendo la fiamma dell’indignazione rispetto al susseguirsi di fatti di violenza che si sono verificati in tutta l’area della Sibaritide. Un’escalation criminale che non ha risparmiato niente e nessuno e non ha conosciuto sosta: incendi, intimidazioni di ogni tipo e omicidi. Una lunga scia di sangue che ha lasciato a terra anche donne e bambini, contro ogni codice d’onore, vittime innocenti, come il piccolo Cocò Campolongo. Una storia atroce e dolorosa, quella di Cocò, che ci racconta della crudeltà e della violenza inaudita della criminalità organizzata”.

A distanza di dieci anni da quel brutale omicidio, Libera afferma di volere amplificare il monito di Papa Francesco contro gli adoratori del male, i mafiosi, che non sono in comunione con Dio e quindi sono scomunicati. Corriamo il rischio che quel silenzio assordante possa trasformarsi in paura, o ancora peggio in rassegnazione. Un pericolo da evitare in tutti i modi, per questo è arrivato il momento di dire basta: perché non vogliamo morire di ‘ndrangheta”.

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
Una circolare del ministero della Salute ha sollevato il problema rispetto a questa sostanza
Appuntamenti in favore delle famiglie e soprattutto dei più piccoli per trascorrere in serenità il fine settimana
Per lui non c'è stato nulla da fare. La Procura ha aperto un'inchiesta per ricostruire quanto accaduto
Nove tifosi della squadra rossoblù colpiti da Daspo, nei confronti di due indagati si ipotizza anche la rissa
Resta un disperso. Tre i feriti, due gravi, ma non in pericolo di vita
La domanda di partecipazione al concorso deve essere presentata entro le 12 del 2 marzo 2024
A bloccare i migranti sono stati i carabinieri che hanno anche sequestrato un barcone di 10 metri
Oltre 260mila euro di sanzioni amministrative irrogate e proposte di chiusura per 3 locali pubblici
Serie B
Vivarini gasa l'ambiente e chiede di stare uniti: "Remiamo per il bene della squadra e arriveremo bene alla fine campionato"
RUBRICHE

Calabria7 utilizza cookie, suoi e di terze parti, per offrirti il miglior servizio possibile, misurare il coinvolgimento degli utenti e offrire contenuti mirati.

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved