Violenza sulle donne: +24% le denunce per minacce online in un anno

I dati della Polizia Postale: la maggioranza delle persecuzioni sono messe in atto da ex coniugi, compagni e colleghi di lavoro

Nel 2022 sono state 347 le donne che hanno denunciato perché vittime di minacce online. Lo riporta il dossier della Polizia di Stato “Free and s@fe online – La lotta alla violenza di genere in rete”. Nei primi 10 mesi del 2023, le denunce sono state già 371: si tratta di un preoccupante incremento pari al +24%.”Le minacce – si legge nel report – sono spesso un primo passo per avviare una vera e propria persecuzione online”. Nel 2023, gli strumenti online più utilizzati per minacciare le donne sono stati, finora, i social network (50%), e le app di messaggistica (31%). “Avvicinarsi a strumenti per comunicare con la paura di subire attacchi verbali – si legge nel dossier – costituisce già un forte elemento di limitazione della libertà personale“.

Nel 2023, 826 casi di violenza di genere online

Nel 2023, 826 casi di violenza di genere online

I dati rilevati a livello nazionale nei primi dieci mesi del 2023 non sono rassicuranti: sono 826 i casi di violenza di genere online contro le donne gestiti dalla Polizia Postale. In queste condotte cibernetiche, in molti casi persone vicine alla cerchia di fiducia della donna cercano di invadere, contaminare e minacciare il suo mondo, controllandone ogni singolo aspetto. “È imponendo controllo psicologico, come nello stalking e nelle molestie sui social network, che si realizzano aggressioni che, pur non toccando fisicamente le vittime, ne travolgono la vita. E quando invece è la vita intima ad essere oggetto di manipolazioni e minacce, come nel revenge porn e nella sextortion, è proprio in quel momento che si compie l’aggressione concreta al senso di libertà e sicurezza delle donne contro il quale vogliamo fortemente agire”, si legge nel dossier.

Le vittime di stalking online

Nel 2022 sono state 101 le donne vittime di stalking online e, nei primi 10 mesi di quest’anno, sono stati già registrati 87 casi, eguagliando il numero complessivo di denunce raccolte nell’analogo periodo dello scorso anno. “La maggioranza delle persecuzioni in rete che colpiscono le donne sono messe in atto da persone che, non solo si conoscono nella vita reale, ma magari hanno condiviso percorsi di vita comune”, si legge nel dossier” . Alcuni esempi sono gli ex-coniugi, compagni di vita, colleghi di lavoro che, soprattutto attraverso i socialnetwork, “prolungano la forza lesiva della loro aggressione, usando la rete per insultare, diffamare o diffondere contenuti privati“.

Revenge porn online: denunciati 163 casi nel 2023

“Quello che talvolta nasce come un gioco sessuale consensuale tra adulti, può diventare lo strumento di una vendetta subdola e violenta che travolge la vita della vittima, distruggendone l’immagine pubblica, riaffermando con violenza la potenza dell’altro. È il caso del revenge porn, un fenomeno che aggredisce soprattutto le donne e per il quale risulta sempre complesso chiedere aiuto perché ci si sente responsabili di un errore di valutazione sulle intenzioni dell’altro, sulla genuinità dei suoi sentimenti”, si sottolinea inoltre nel dossier. Sono stati 191 i casi arrivati all’attenzione della Polizia Postale nel 2022. Quest’anno, al 31 ottobre 2023, i casi denunciati da donne per diffusione illecita di immagini o video a contenuto sessualmente esplicito, sono 163, con un andamento in linea con quello registrato nell’analogo periodo del 2022. (LaPresse)

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
l'inviato
La burocrazia da 14 anni blocca il progetto gratuito di ampliamento. Una società da tempo ha messo su un piatto d’argento 3 milioni di euro per i lavori
Il provvedimento del sequestro penale è stato assunto dalla capitaneria di porto di Soverato dopo i controlli effettuati
Tra gli altri interventi in fase di avvio, anche il ripristino della pavimentazione in corrispondenza di viadotti e sottopassi, pulizia delle cunette, taglio erba e ripristino della segnaletica orizzontale
I prodotti, nonostante il tentativo di renderli molto simili agli originali, si sono in realtà rivelati delle imitazioni di noti brand
Adesso rischiano una multa fino a 50mila euro. I granchi, nei bagagli insieme ad altro pesce, sono sopravvissuti a un viaggio di dieci ore
Il Comandante ha dialogato con i presenti e illustrato, anche mediante esempi concreti, le principali modalità utilizzate dai truffatori
L'incendio è scoppiato nel pomeriggio di ieri in un appartamento al quarto piano dell'edificio che contava 15 piani e 137 appartamenti
Le temperature rientreranno nelle medie del periodo con un crollo di 10 gradi, allerta della Protezione Civile in 9 regioni d'Italia
L'Intervista
L’azione sempre più incisiva della prefettura per impedire ai clan di infiltrarsi nel tessuto economico. Boom di interdittive antimafia: 18 nell’ultimo anno
Il rogo in contrada Scordovillo ha interessato cataste di rifiuti di vario genere (materiale plastico, gomme, carcasse di elettrodomestici, bottiglie di gpl etc.)
RUBRICHE

Calabria7 utilizza cookie, suoi e di terze parti, per offrirti il miglior servizio possibile, misurare il coinvolgimento degli utenti e offrire contenuti mirati.

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved