Calabria7

“Votantonio”, gli scenari sulle Regionali e l’ombra di una commissione d’accesso a Catanzaro (VIDEO)

votantonio

Nuova puntata di “Votantonio. Chiacchiere di libertà”, programma autogestito in onda sulla pagina Facebook di Calabria7, condotto dal tandem Vincenzo MeranteLuca Marino e prodotto da “Città del Vento” e “Tag Magazine”. Ospiti del salotto Arturo Bova, già presidente della Commissione regionale contro la ‘ndrangheta, Libero Notarangelo, vicepresidente della commissione sanità in Consiglio regionale, e Filippo Pietropaolo, capogruppo di Fratelli d’Italia in Consiglio regionale.

Il Recovery Fund e la pandemia nella gestione Santelli

La discussione si apre subito con l’argomento caldo del Recovery Fund. Notarangelo la definisce una “opportunità storica che deve essere colta, un banco di prova importante per Governo e Regioni”. Proprio l’emergenza sanitaria ha impegnato sin da subito la giunta Santelli e, a parere di Pietropaolo, “bloccato un percorso che era stato avviato in maniera produttiva. Ne hanno risentito tutti, specie il settore turistico e della ristorazione”.

L’imprenditore Giovanni Caglioti fa luce sull’esiguità delle misure economiche a sostegno delle imprese e i colpevoli ritardi della cassa integrazione. Notarangelo, a tal proposito, sostiene che “ci sono ancora dei colpevoli ritardi. Per quanto riguarda le risorse che sono state mandate alle Regioni, nella fattispecie i famosi decreti Riparti Calabria 1 e 2, più della metà dei fondi a disposizione non sono stati distribuiti e questo non si può annoverare tra i successi della giunta regionale in carica. Mi auguro che si possa rimediare a tutto questo”.

La reazione di Pietropaolo non tarda ad arrivare: “Non so se tutti sono scontenti, in Calabria c’è stato un minore ingresso di turisti ma molti più turisti italiani hanno visitato la nostra regione. Si poteva fare di più, è stata un’esperienza complicata ma con molti aspetti positivi”.

Regionali alle porte

La lente d’ingrandimento si sposta sulle imminenti elezioni regionali. C’è incertezza sul candidato presidente del centrodestra ma Pietropaolo spera vivamente che “il candidato sia di Fratelli d’Italia. Wanda Ferro ha una passione politica che dimostra da molti anni, rappresenta la consecutio dell’esperienza di Jole Santelli”. Tengono banco anche le numerose riunioni del centrosinistra. Bova afferma a chiare lettere che l’obiettivo di Articolo 1 è quello di “creare un grande tavolo che riesca ad assorbire partiti tradizionali e nuove forme politiche. La Calabria – dice – ha una occasione unica nella storia, dobbiamo uscire dall’idea dei gruppi di potere”. Notarangelo è sulla stessa scia d’onda: “Il punto cruciale non è il nome del candidato ma i cardini del programma che si vuole proporre. Servono competenza e rinnovamento”.

Commissione antimafia al Comune di Catanzaro?

Da tempo si paventa l’ipotesi di un accesso della commissione antimafia al Comune di Catanzaro. Una eventualità “gravissima per Catanzaro e i catanzaresi – afferma Pietropaolo – Nella nostra città le Regionali influenzano da sempre il Consiglio comunale”. Un rischio troppo grande in un momento delicatissimo, che a parere di Bova potrebbe essere evitato con un “atto d’amore di Abramo verso la sua città. Così contribuirebbe a ricreare l’empatia con i cittadini. E’ inaccettabile subire il il predominio di Cosenza e Reggio Calabria”. (a.b.) 

 

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Regionali, Pd: Zingaretti commissaria federazioni Cosenza e Crotone

Matteo Brancati

Regionali, Vono: “Unità e confronto per il bene della Calabria”

Mirko

Regionali, Laboratorio Riformista Calabrese presente a Lamezia

Mirko
Click to Hide Advanced Floating Content
Click to Hide Advanced Floating Content