Calabria7

Why Not: bocciate le accuse di De Magistris

La sesta sezione penale della Corte di Cassazione ha annullato la sentenza della Corte d’Appello di Salerno che aveva dichiarato il non doversi procedere per intervenuta prescrizione per i reati di abuso d’ufficio contestati all’ex procuratore aggiunto di Catanzaro, Salvatore Murone (difeso da Mario Murone), e all’avvocato generale Dolcino Favi (difeso da Francesco Favi), i quali avevano adottato provvedimenti atti a sollevare dalle indagini “Why Not” e “Poseidone” l’ex pm Luigi De Magistris, adesso sindaco di Napoli.

Pertanto resta valida la sentenza di primo grado del tribunale di Salerno che aveva assolto i due magistrati catanzaresi.

“Il tribunale di Salerno, con sentenza resa irrevocabile dalla Corte di Cassazione, ha stabilito la doverosità dei provvedimenti tenuti dai magistrati Murone e Favi in quanto devono ritenersi illegittimi i comportamenti tenuti da De Magistris che hanno portato all’adozione dei provvedimenti di revoca e di avocazione”, ha commentato subito dopo il pronunciamento l’avvocato Mario Murone.

Come riporta l’AdnKronos, De Magistris ha così commentato: “Leggo dichiarazioni molto affrettate da parte degli imputati senza ancora leggere la motivazione. Però ci sono alcune cose chiare dalle quali non si può scappare: il fatto storico è ricostruito in via definitiva”.

“La Cassazione – aggiunge de Magistris – non può entrare nel fatto. La sentenza della Corte d’Appello di Salerno in cui si parla di condotte, seppur prescritte, di abuso d’ufficio, quindi di sottrazioni illecite delle inchieste Why not e Poseidone, al fine di danneggiarmi e avvantaggiare gli indagati, è un fatto storico acclarato e la storia non può essere cambiata, qualunque sia la motivazione della Corte di Cassazione”.

Articoli Correlati

“Riapertura della funicolare al 15 giugno: speriamo sia la volta buona”

Carmen Mirarchi

Musica, cantautore catanzarese Montalto pubblica secondo brano

Matteo Brancati

Sanità, iniziato a Cosenza processo a cinque dirigenti

manfredi