Xylella fastidiosa: la Calabria è indenne ma bisogna vigilare

Estate torrida Coldiretti

In base alle ultime rilevazioni il contagio della Xylella che già ha provocato con 21 milioni di piante infette una strage di ulivi, lasciandosi dietro un panorama spettrale, dalla Puglia avanza inesorabilmente verso nord ad una velocità di più di 2 chilometri al mese. “La Calabria ad oggi – afferma Franco Aceto presidente di Coldiretti Calabria – è indenne e non c’è nessun contagio della Xyella, ma – aggiunge – occorre vigilare non sottovalutando nulla e monitorare attentamente e costantemente la situazione coinvolgendo Università, Carabinieri Forestali, Centro di ricerca per l’olivicoltura e l’industria olearia, Istituto Fitopatologico, ARSAC,  Associazioni dei Produttori, Tecnici. Insomma, non bisogna – prosegue – commettere gli errori, avere incertezze e fare lo scaricabarile che dall’autunno 2013, data della prima segnalazione di anomali disseccamenti su un appezzamento di olivo a Gallipoli ha fatto estendere la malattia senza che sia stata applicata una strategia efficace per fermare il contagio che ha avuto effetti disastrosi sull’ambiente, l’economia e sull’occupazione. Per questo – aggiunge Aceto – propongo che la Regione istituisca immediatamente un Osservatorio operativo permanente che attraverso una strategia condivisa chiara, sia capace di scambiarsi informazioni, tenere sotto sorveglianza la situazione con la possibilità di prendere provvedimenti e cautele immediate atte ad evitare il pericolo di contagio e indicare specifiche tecniche di prevenzione”, ovvero misure fitosanitarie. Ricordiamo che oltre ai produttori sono interessati anche frantoiani e vivaisti. La Xylella  fastidiosa – informa Coldiretti – è un batterio che non produce spore e non si diffonde nell’ambiente in maniera autonoma nè per contatto, nè per diffusione aerea, ma esclusivamente tramite insetti vettori e materiale di propagazione, quindi le uniche modalità di diffusione del batterio sono l’utilizzo di materiale di propagazione infetto e la trasmissione attraverso insetti vettori, che nutrendosi della linfa di piante infette acquisiscono il batterio e lo trasmettono ad altre piante. Occorre  – continua – in questo frangente, oltre ad essere attenti al materiale di propagazione, fare attenzione alle lavorazioni, concimazioni, potatura  e interventi fitosanitari. La Coldiretti ricorda che la Calabria dopo la Puglia è la seconda regione italiana (la terza in Europa) produttrice di olio con oltre 84mila aziende ad indirizzo olivicolo, una superficie investita in olivo di oltre 189mila ettari e 215milioni di piante, una produzione media annuale di olio in di circa 260mila tonnellate con quasi il 50% biologico e un impiego di manodopera di 15milioni di giornate lavorative.

Redazione Calabria 7

Redazione Calabria 7

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
Confermato l'ordinanza di custodia cautelare nei confronti di Francesco Putortì, indagato per omicidio e tentato omicidio
L'appuntamento è per domenica 16 giugno e al centro dell'iniziativa ci sarà la terza età. Il titolo è già tutto un programma: "Siamo tutti anziani"
Secondo quanto raccontato da "Basta vittime sulla statale 106": il conducente della vettura sbalzato fuori dall'abitacolo e incastrato nel guardrail
Ci sono anche due deputati calabresi tra i parlamentari sanzionati dall'ufficio di presidenza della Camera dei deputati
Soddisfazione da parte del presidente di Coldiretti Calabria Franco Aceto: "Ma non basta, la mobilitazione continua"
l'inviato
Centinaia di chilometri di arenile ubicati a ridosso della statale 18 invasi da erbacce, rifiuti e liquami fognari
L'Intervista
Il testo licenziato dal Senato - spiega il governatore della Calabria al Corriere della Sera - è un buon testo, ma deve essere migliorato”
I messaggi social con la firma delle “Brigate Rosse” diretti a due cosiddetti "diarchi fascisti": "Siete condannati a morte"
La Cgil incalza di fronte all'ennesimo episodio "Bisogna prendere provvedimenti drastici e urgenti affinché i colleghi vengano tutelati"
Accolte le istanze dei difensori del 31enne, di Spadola. Il Tribunale di Messina ha ritenuto inammissibile la richiesta della Dda
RUBRICHE

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved