“Zia corri, papà ha accoltellato mamma”. Il primo grido d’aiuto del figlio di Vincenza, uccisa dal marito

Il piccolo di 12 anni era in casa col fratellino di 6 durante il femminicidio. L'uomo l'avrebbe uccisa perché "era stato tradito"

“Ho commesso una fesseria… venite sopra, sono stato io…. Sta qui…”. Queste le parole che ha pronunciato martedì scorso nel tardo pomeriggio, Luigi Leonetti, 51 anni, di Andria, ai soccorritori del 118 che lui stesso aveva chiamato per avvisarli di aver ucciso a coltellate la moglie Vincenza Angrisano, 42 anni, nella loro abitazione a tre chilometri dalla città, sulla strada provinciale 231. E’ quanto si legge nell’ordinanza con cui il gip del tribunale di Trani Lucia Anna Altamura non ha convalidato il fermo di indiziato di delitto ma ha applicato la custodia cautelare in carcere per omicidio volontario chiesta dalla Procura della Repubblica nei confronti dell’uomo, reo confesso del femminicidio. Tre i fendenti sferrati al torace e all’addome. L’accusa è di omicidio volontario aggravato dal fatto di aver commesso il fatto ai danni della coniuge.

Il femminicidio alla presenza dei due piccoli figli

I sanitari lo hanno trovato vicino al cancello di accesso all’abitazione che faceva segno di entrare all’interno del recinto. Il corpo della donna era al primo piano sul pavimento del corridoio poco fuori il bagno. Secondo quanto riferito dai sanitari agli investigatori i due figli della coppia, di 6 e 12 anni, al momento dell’arrivo dei soccorsi erano nella loro stanza alla fine del corridoio con la porta semichiusa. Agli stessi soccorritori Leonetti ha riferito di averla accoltellata perché “era stato tradito dalla predetta”. Nell’ordinanza viene riportata anche la frase che il figlio più grande della coppia ha pronunciato durante una telefonata di allarme alla zia sempre quel pomeriggio: “Zia, papà ha accoltellato mamma…, ha ucciso mamma… corri …”.

Aggressioni anche nei giorni precedenti e il pensiero omicida

Leonetti, nelle sue dichiarazioni successive davanti al pubblico ministero, ha aggiunto che in occasione della precedente aggressione alla moglie alcuni giorni prima quando, rimproverandola di essere tornata tardi di sera, l’aveva picchiata costringendola a recarsi in ospedale per farsi medicare, aveva meditato “il proprio intendimento omicidiario, non nascondendo – scrive il gip – che questo pensiero aveva attraversato la sua mente”. (Adnkronos)

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
Gli atenei pubblici e il presidente della Regione insieme per offrire formazione di avanguardia e qualità, diritto allo studio a tutti, con i vantaggi economici non previsti dalle costose università private
L’ente bilaterale del turismo è un’associazione no profit che eroga servizi ai lavoratori e alle imprese aderenti allo stesso
Una circolare del ministero della Salute ha sollevato il problema rispetto a questa sostanza
Appuntamenti in favore delle famiglie e soprattutto dei più piccoli per trascorrere in serenità il fine settimana
Per lui non c'è stato nulla da fare. La Procura ha aperto un'inchiesta per ricostruire quanto accaduto
Nove tifosi della squadra rossoblù colpiti da Daspo, nei confronti di due indagati si ipotizza anche la rissa
Resta un disperso. Tre i feriti, due gravi, ma non in pericolo di vita
La domanda di partecipazione al concorso deve essere presentata entro le 12 del 2 marzo 2024
RUBRICHE

Calabria7 utilizza cookie, suoi e di terze parti, per offrirti il miglior servizio possibile, misurare il coinvolgimento degli utenti e offrire contenuti mirati.

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved