Calabria7

Zona arancione, gialla e rossa: ecco i cambi di colore delle regioni. La nuova mappa

Cambia la mappa ‘colorata’ delle tre zone d’Italia (gialla, arancione e rossa) in cui sono suddivise le Regioni in base ai 21 parametri decisi dal governo in accordo col Comitato tecnico scientifico. Suddivisione che comporta un diverso livello di restrizioni per far fronte alla seconda ondata (qui il bollettino Covid del 12 novembre). Oggi il ministro della Salute Roberto Speranza ha ricevuto sul tavolo il report settimanale dell’Istituto superiore di Sanità, con il fondamentale indice di contagiosità Rt, ma anche con gli altri indicatori necessari per la classificazione. Toscana e Campania passano in zona rossa. Emilia Romagna, Marche e Friuli Venezia Giulia vanno in area arancione. Secondo la bozza del report settimanale della Cabina di regia ministero della Salute- Iss, l’Rt nel periodo 22 ottobre-4 novembre è sceso a 1,43.

Le nuove zone rosse

Oltre alla Toscana passa dunque in zona rossa la Campania. Nella regione la situazione è difficile (qui il caso del morto al Cardarelli), ma abbastanza incredibilmente era stata inserita in zona gialla. La situazione è complicata specie per quanto riguarda la tenuta delle strutture ospedaliere. Tanto che potrebbe essere previsto anche l’invio dell’esercito e della Protezione civile per implementare la risposta ospedaliera. La Campaniaè passata a zona rossa. Oggi è intervenuto anche il governatore Vincenzo De Luca: “La Campania era per chiudere tutto a ottobre, il Governo ha fatto un’altra scelta, ha deciso di fare iniziative progressive, di prendere provvedimenti sminuzzati, facendo la scelta della cosiddetta risposta proporzionale. Una scelta totalmente sbagliata, perché il contagio non aumenta in modo lineare, ma esponenziale. Questo governo fa solo caosa, vada a casa”.

Da giallo ad arancione

Emilia Romagna, Friuli Venezia Giulia e Marche lasciano quindi la zona gialla. Le prime due già nei giorni scorsi erano state ritenute “a rischio”. Proprio per scongiurare un eventuale ‘declassamento’ ieri (giovedì) i governatori Bonaccini (Emilia Romagna) e Fedriga (Friuli) hanno giocato d’anticipo (assieme a quello del Veneto, Zaia) e adottato diverse, ma simili, ordinanze più restrittive. Ma sembra che anche questo non basti. E si parla delle possibilità che anche le Marche passino nella zona arancione con maggiori limitazioni.

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Mamma e figlia di 3 anni da due giorni senza cibo chiedono aiuto in Questura

Maria Teresa Improta

Coronavirus: anche Cosenza vuole il farmaco usato contro l’artrite

manfredi

Bimbi costretti a cantare l’inno della Roma a scuola dalla maestra, è polemica

Alessandro De Padova
Click to Hide Advanced Floating Content
Click to Hide Advanced Floating Content