Blitz antidroga nel Vibonese, undici arresti e sette indagati a piede libero: ecco chi sono (NOMI)

Tra le persone arrestate dai carabinieri c'è anche Salvatore Ascone, il presunto assassino di Maria Chindamo, già imputato in Corte d'assise a Catanzaro

Sono complessivamente 18 gli indagati dell’inchiesta coordinata dalla Direzione distrettuale antimafia di Catanzaro culminata, nella notte appena trascorsa, nel blitz antidroga messo a segno dai carabinieri del Nucleo investigativo del Comando provinciale di Vibo Valentia tra Mileto, Filandari e Limbadi.
Tra le persone arrestate spicca Salvatore Ascone, detto “U pinnularu”, 58 anni, di Limbadi, già imputato dinnanzi alla Corte d’assise di Catanzaro per la scomparsa di Maria Chindamo. Coinvolto anche il figlio Rocco e l’operaio romeno Laurentiu Gheorghe Nicolae che risultano indagati a piede libero. Undici le persone per le quali il gip di Catanzaro ha disposto l’ordinanza di custodia cautelare, sette di queste si trovavano già in carcere. Tra di loro pure il boss di Zungri Giuseppe Antonio Accorinti, detto “Peppone”.

I nomi dei 18 indagati

Questi i nomi dei 18 indagati: Giuseppe Antonio Accorinti, 65 anni,di Zungri; Rocco Arena, 37 anni, di Rosarno; Rocco Ascone, 24 anni, di Limbadi; Salvatore Ascone, 58 anni, di Limbadi; Francesco Barbieri, 36 anni, di San Calogero; Angelo Bartone, alias “bombolo, 49 anni di Mileto; Bruno Cappellano, 56 anni, di Amato; Cono Rocco Fusca, 57 anni, di Cessaniti; Armando Galati, alias “u biondo”, 70 anni, di Mileto; Domenico Galati, 40 anni, di Mileto; Michele Galati, 44 anni, di Mileto; Francesco Mangone, 44 anni, di Mileto, Saverio Maesano, 46 anni, di Mileto; Giuseppe Navarra, 33 anni, di Rombiolo; Valerio Navarra, 31 anni, di Vibo Valentia; Laurentiu Gheorghe Nicolae, 35 anni, di Limbadi; Simone Rettura, 36 anni, di Mileto.
A vario titolo devono rispondere di associazione finalizzata al trasporto, alla detenzione, alla vendita e alla cessione di ingenti quantitativi di sostanza stupefacente del tipo cocaina, eroina, marijuana e hashish, nonché in ordine alla commissione di condotte di acquisto e cessione di sostanza stupefacente. L’attività investigativa è una prosecuzione dell’operazione Maestrale e si concentra su un vasto traffico di sostanze stupefacenti che – secondo l’accusa – sarebbe stato organizzato dopo la prima ondata di arresti dalle articolazioni di ‘ndrangheta dei Locali di Mileto e Zungri con canali di approvvigionamento anche in Albania e di rivendita nel Nord Italia e in Sicilia.

Chi va in carcere

Il gip Sara Merlini ha applicato la custodia cautelare in carcere per Giuseppe Antonio Accorinti, Salvatore Ascone, Francesco Barbieri, Angelo Bartone, Cono Rocco Fusca, Armando Galati, Domenico Galati, Michele Galati, Michele Silvano Mazzeo, Giuseppe e Valerio Navarra. Gli altri sette sono invece indagati a piede libero

LEGGI ANCHE | Nuovo colpo della Dda di Catanzaro alle ‘ndrine vibonesi: blitz antidroga dei carabinieri e 11 arresti

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
Nel corso dell'incontro sarà presentato il dossier elaborato dai circoli locali di Legambiente basato sulla campagna di monitoraggio effettuata su alcune aste fluviali
Messa in sicurezza l’area, è stato chiuso al traffico il tratto interessato dal rogo per il tempo necessario alle operazioni di spegnimento
Il governatore: "La nostra terra ha vitigni eccellenti e tante piccole cantine"
Ordinato sacerdote nel 1936 fu membro per sedici anni della Compagnia di Gesù, insegnando filosofia e teologia
Sul posto il personale medico del 118 ed i carabinieri per i rilievi del caso, assieme a squadre dell'Anas
Le osservazioni in vista della conferenza di impatto ambientale
L'aspirante primo cittadino parla anche delle "condizioni disagevoli per l’erogazione delle prestazioni" e del "sovraccarico di lavoro"
Il più grande festival della regione, dall’anima itinerante e dal respiro internazionale, sarà inaugurato lunedì 15 aprile
Intanto il ministro dell'Interno, Matteo Piantedosi, è in contatto con i prefetti delle città italiane
L'uomo non ha saputo specificare la provenienza del denaro che per gli investigatori sarebbe frutto di illeciti
RUBRICHE

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved