Calabria7

“L’ombra dei clan dietro al ritiro della Ventura”, l’informativa dei carabinieri e la figuraccia del PD

Oggi il quotidiano Domani in un articolo firmato da Enrico Fierro e Giovanni Tizian racconta i retroscena del ritiro della candidatura di PD e M5S alla presidenza della Regione Calabria dell’imprenditrice Maria Antonietta Ventura. “La candidata – ricordano i due giornalisti dalle colonne del Domani – ritirata è presidente del consiglio di amministrazione della Franco Ventura costruzioni ferroviarie srl, un colosso degli appalti pubblici, in Calabria, Puglia, Campania, con commesse anche all’estero. L’azienda di famiglia, appunto, sulla quale però le ombre sono numerose seppure senza mai aver portato a indagini dell’antimafia. Di certo, però, esistono delle informative dei carabinieri inviate alcuni anni fa alla procura antimafia di Catanzaro in cui gli investigatori descrivono i rapporti tra la società Ventura e le aziende della famiglia Giardino, originaria della Calabria, provincia di Crotone, ma residente da anni in Veneto, nell’area del Veronese”.

I rapporti con la famiglia Giardino

“Una famiglia, i Giardino, – spiegano Tizian e Fierro – sospettata di connessioni con le cosche più potenti della ‘ndrangheta calabrese e dell’Emilia Romagna. I documenti investigativi ottenuti da Domani riportano peraltro incontri diretti e intercettazioni telefoniche tra Maria Antonietta Ventura, la candidata del “passo di lato”, e i Giardino, in particolare con Domenico. La galassia societaria dei Giardino riconduce al ferro, materiale necessario nella realizzazione delle ferrovie, settore dove la società dei Ventura spicca. Dai documenti ottenuti risulta un rapporto commerciale tra Ventura e Giardino. L’11 luglio 2017 per esempio è
avvenuto un incontro in Calabria tra Domenico Giardino e Maria Antonietta Ventura. Nei giorni successivi tra i due sono stati registrati «innumerevoli contatti tra Domenico Giardino e la signora Maria, ovvero la Ventura Maria Antonietta», c’è scritto nei documenti ottenuti. Contatti registrati anche con un altro Giardino, Stefano, figlio di Domenico: Maria Ventura e Stefano Giardino parlano sempre di affari, di mezzi da acquistare. Insomma, condividono business e progetti”.

La cosca Arena di Isola Capo Rizzuto

“Per capire l’ambiente familiare da cui proviene l’interlocutore della donna scelta come candidata dall’ex presidente del consiglio Giuseppe Conte e dal partito democratico è utile ricordare che la moglie di Domenico Giardino – su legge sul Domani – è imparentata con la famigerata cosca di ‘ndrangheta Arena di Isola Capo Rizzuto, provincia di Crotone: un clan che negli anni ha investito molti denari in settori economici
vari dalle energie rinnovabili al mega centro di accoglienza per migranti di Isola, struttura poi travolta da un’inchiesta giudiziaria dell’antimafia. C’è anche un rapporto, rivelano i documenti, con il gruppo di ‘ndrangheta Nicoscia, anche questo della zona di Isola Capo Rizzuto. Peraltro l’incontro e i contatti tra la società Ventura e i Giardino avvengono anche dopo le prime inchieste su alcuni membri della famiglia sospettata di contiguità con la ‘ndrangheta. In un’informativa dei carabinieri letta da Domani i detective scrivono: «Nonostante i pregiudizi penali a carico di molti dei componenti della famiglia Giardino, sono emersi innumerevoli spunti investigativi in merito a infiltrazioni in appalti pubblici grazie al favore di società compiacenti nel settore della manutenzione e costruzione di reti ferroviarie, prime tra tutte la Ventura Mineraria»”.

Nessuno si è informato sui rapporti della candidata con i clan

“I rapporti ambigui con imprese in odore di clan, – affermano Tizian e Fierro –  il provvedimento del prefetto (interdittiva antimafia) ricevuta dalla Fersalento, altra società di cui fa parte l’azienda Ventura. Insomma, troppi fari accesi su un’impresa leader nel settore degli appalti ferroviari. Titoli di coda per un film iniziato male e finito peggio. Sconcerto al Nazareno. Nella sede del Partito democratico l’aria è pesante, con Letta
che aveva annunciato la sua presenza in Calabria, a San Lucido, dove il marito della Ventura è sindaco, per una grande kermesse elettorale. Il passo indietro della candidata del centrosinistra in Calabria era di facile previsione se solo il Partito Democratico avesse raccolto informazioni maggiori sull’imprenditrice calabrese. Eppure non l’ha fatto, ha scelto la donna a capo di un gruppo aziendale con più di qualche ombra e legami con famiglie collegate, colluse, contigue alla ‘ndrangheta. «Una Caporetto – dice un dirigente del Pd calabrese – che porta le firme di Enrico Letta, Giuseppe Conte, e Francesco Boccia. Ora sarà impossibile trovare un candidato credibile. Neppure il primo sventurato che passa accetterebbe di immolarsi alle prossime elezioni. Rischiamo la nullità politica, se arriveremo terzi sarà un miracolo». La scelta del candidato in Calabria è stata un festival del dilettantismo politico. Candidati bruciati, un “casting” per scegliere la figura da contrapporre alla destra e al civismo di sinistra di Luigi de Magistris. Infine
era arrivata Ventura, donna e imprenditrice. Fortemente voluta da Giuseppe Conte, pugliese come lei, che nella conferenza stampa sulla rottura con Grillo ha trovato lo spazio per dire che l’avrebbe sostenuta fino in
fondo “anche da privato cittadino”. Scelta sponsorizzata da Francesco Boccia, e accettata da Enrico Letta.
Nessuno di loro, però, si è preoccupato di verificare se nel curriculum aziendale gravassero indizi e sospetti di rapporti con personaggi o aziende collegate alle cosche”.

Partito Democratico e Cinque Stelle senza candidato

“E adesso per Pd e Cinquestelle di osservanza “contiana” è la debacle totale, a quattro mesi dalle elezioni – scrive il Domani – perdono un candidato che esce di scena su un tema sensibile in Calabria come quello dei rapporti tra imprese e organizzazioni mafiose. Non c’è un candidato e il Pd non può chiedere ai nomi già bruciati di tornare in campo: la promessa Nicola Irto, lo storico Enzo Ciconte, Paola Militano, direttrice di Corriere della Calabria. E la disperazione è tale che in alcuni ambienti del Pd stanno pensando di richiamare in servizio Mario Oliverio. È l’ex presidente della giunta regionale, non ricandidato alle scorse elezioni per i suoi guai giudiziari. E Oliverio è già in campo, fa conferenze stampa, si appella all’elettorato e ha in corso un suo tour per presentare un libro. Mario c’è, il vecchio che resiste, l’usato garantito. Oliverio è stato rinviato a giudizio per una serie di appalti a Cosenza (metropolitana leggera e nuovo ospedale) insieme a Nicola Adamo, altro big del Pd, e Pietro Ventura, fratello di Maria Antonietta, e socio dell’impresa di famiglia. Tutto si tiene in Calabria. Dove Luigi de Magistris, da mesi in campagna elettorale, sceglie di non speculare sulle vicende del centrosinistra: «Non serve. I problemi degli altri partiti non mi interessano. In questo momento penso agli elettori del Pd e dei Cinquestelle, ai tanti bravi militanti, agli amministratori locali. A loro lancio un appello: se volete salvare la Calabria, se volete cambiare una volta e per tutte il sistema, noi ci siamo». Una cosa è certa: i democratici insieme a Conte avrebbero dovuto ascoltare il territorio e studiare di più il fascicolo Ventura, che ora rischia di travolgere il centrosinistra alla vigilia della campagna elettorale, che promette scintille”.

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Vaccini anti-Covid, somministrazione a dipendenti “AZ” sul luogo di lavoro

Mirko

Caffè corretto, Cgil invita al confronto contro la criminalità (SERVIZIO TV)

Matteo Brancati

Catanzaro, Rotundo: “Viale Cassiodoro invasa da odore nauseabondo”

Matteo Brancati
Click to Hide Advanced Floating Content
Click to Hide Advanced Floating Content