Statale 106, Basta Vittime chiede la rimozione dei dirigenti Anas in Calabria: “Responsabili del disastro”

L'organizzazione di volontariato chiede da anni la rimozione degli attuali dirigenti e chiama la politica a prendersi le sue responsabilità

Immaginate un bambino che da anni sta male: ha la febbre, ha la tosse, non riesce in alcun modo a guarire. Entrambi i genitori soffrono e ritengono che il responsabile sia il farmacista che non fornisce i medicinali necessari a guarire il loro figlio dal pessimo stato di salute in cui versa. Poi c’è lo zio: con un megafono in mano, è sul balcone ed urla a squarciagola che va tutto bene, afferma che il bambino gode di un’ottima salute. Infine, c’è il nonno, seduto in un angolo, lasciato in disparte, ormai da anni mentre blatera che il problema vero è il medico. “È lui – afferma – il vero responsabile perché non ha capito cosa ha il bambino e prescrive farmaci che non servono”. Nonostante la sua saggezza, non lo ascolta nessuno.L’organizzazione di volontariato “Basta Vittime sulla Statale 106” utilizza una metafora per tornare a chiedere la rimozione degli attuali dirigenti di Anas Spa in Calabria ritenuti responsabili del progetto di ammodernamento che l’associazione definisce “indigeribile”.

Un progetto che, almeno a Corigliano-Rossano, mette tutti d’accordo nel dissenso, destra e sinistra. La candidata a sindaco Pasqualina Straface chiarisce in modo netto che chiederà una revisione di questo progetto poiché non è ammissibile che l’attraversamento sull’area urbana di Corigliano preveda un “ponte” di oltre un chilometro; il sindaco Flavio Stasi dichiara che nella prossima conferenza dei servizi già convocata per il prossimo maggio il Comune di Corigliano-Rossano darà un parere negativo sul progetto.

Un progetto che, almeno a Corigliano-Rossano, mette tutti d’accordo nel dissenso, destra e sinistra. La candidata a sindaco Pasqualina Straface chiarisce in modo netto che chiederà una revisione di questo progetto poiché non è ammissibile che l’attraversamento sull’area urbana di Corigliano preveda un “ponte” di oltre un chilometro; il sindaco Flavio Stasi dichiara che nella prossima conferenza dei servizi già convocata per il prossimo maggio il Comune di Corigliano-Rossano darà un parere negativo sul progetto.

Un progetto che è stato letteralmente bocciato dal Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici e che non si capisce quanto costerà. Nel 2021 costava 471 milioni di euro. Nel 2022 il costo era salito a 560 milioni di euro mentre nel 2023 il costo del progetto di fattibilità tecnico economico è stato fissato a 975 milioni di euro più IVA. “Praticamente più del doppio del costo stabilito 3 anni fa… E c’è da dire che non siamo ancora nelle condizioni di avere un progetto definitivo esecutivo che, semmai dovesse rispettare tutte le prescrizioni necessarie ad ottenere la verifica di ottemperanza, salirebbe certamente almeno a 2 miliardi”. Un progetto, infine, di 32 chilometri diviso in 2 lotti. E quando è stato chiesto di vincolare la realizzazione dell’opera al finanziamento ed all’approvazione di entrambi i lotti (al fine di non lasciare sul territorio incompiute), l’Anas Spa ha risposto testualmente: “Le risorse per la realizzazione del progetto sono autorizzate ai sensi dell’art. 1, comma 51, della legge 29 dicembre 2022, n. 197”. “Significa, semplicemente, che il vincolo non lo mettono…”, sottolinea l’associazione “Basta Vittime”. Così il Consiglio Direttivo dell’Organizzazione di Volontariato “Basta Vittime Sulla Strada Statale 106” si chiede: “ma cosa altro deve accadere prima che tutta la classe politica dirigente di Corigliano-Rossano chieda e pretenda la rimozione dei dirigenti di Anas Spa in Calabria, responsabili di questo disastro..?”

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
L'appuntamento è per domenica 16 giugno e al centro dell'iniziativa ci sarà la terza età. Il titolo è già tutto un programma: "Siamo tutti anziani"
Secondo quanto raccontato da "Basta vittime sulla statale 106": il conducente della vettura sbalzato fuori dall'abitacolo e incastrato nel guardrail
Ci sono anche due deputati calabresi tra i parlamentari sanzionati dall'ufficio di presidenza della Camera dei deputati
Soddisfazione da parte del presidente di Coldiretti Calabria Franco Aceto: "Ma non basta, la mobilitazione continua"
l'inviato
Centinaia di chilometri di arenile ubicati a ridosso della statale 18 invasi da erbacce, rifiuti e liquami fognari
L'Intervista
Il testo licenziato dal Senato - spiega il governatore della Calabria al Corriere della Sera - è un buon testo, ma deve essere migliorato”
I messaggi social con la firma delle “Brigate Rosse” diretti a due cosiddetti "diarchi fascisti": "Siete condannati a morte"
La Cgil incalza di fronte all'ennesimo episodio "Bisogna prendere provvedimenti drastici e urgenti affinché i colleghi vengano tutelati"
Accolte le istanze dei difensori del 31enne, di Spadola. Il Tribunale di Messina ha ritenuto inammissibile la richiesta della Dda
Accusati in concorso tra di loro di peculato, erano stati arrestati nell'ambito di un'inchiesta della Guardia di finanza. Accolte le le richieste della difesa
RUBRICHE

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved