La lettera di commiato del sindaco di Tropea: “Legge incostituzionale e il Parlamento fa finta di nulla”

"Punto di non ritorno per politica e istituzioni nazionali. Ecco come potrebbe essere modificata una legge che così com'è viola tutti i principi costituzionali e giuridici"

In attesa delle motivazioni che hanno portato allo scioglimento del Consiglio comunale di Tropea per infiltrazioni mafiosa, il sindaco Giovanni Macrì rende nota una lettera di commiato scritta lo scorso 7 febbraio, mai pubblica e mai diffusa: “Pensavo in cuor mio – sostiene – di non sradicare del tutto, nella mia comunità già avvilita per questa infamia immeritata, quella speranza necessaria, preziosa e sempre indispensabile per andare avanti, nonostante tutto e tutti”. All’indomani della decisione adottata dal Consiglio dei ministri dopo la relazione negativa della Prefettura di Vibo, il primo cittadino ha cambiato idea rendendo pubblico ciò che aveva scritto un paio di mesi fa:  “La scandalosa vicenda di Tropea rende adesso un punto di non ritorno per la Politica e le Istituzioni nazionali, di modifica di una legge (quella sullo scioglimento dei comuni per presunte infiltrazioni mafiose) che rappresenta un’aperta violazione di tutti i principi costituzionali e giuridici della nostra Repubblica Democratica”. afferma Macrì.

La lettera del sindaco di Tropea

La lettera del sindaco di Tropea

Di seguito il testo integrale della lettera scritta di proprio pugno lo scorso 7 febbraio dopo che la Prefettura di Vibo aveva inviato a Tropea la commissione d’accesso agli atti e nell’ambiente già circolava con insistenza l’ipotesi di un probabile scioglimento del Consiglio comunale. 

Mie care Principesse, miei cari Principi, 

a breve potrebbe concludersi la mia esperienza da Sindaco del posto più bello del mondo.  Ho dato il massimo e non ho nessun rimpianto anche perché i risultati raggiunti, frutto dell’impegno e della condivisione di ogni azione con la parte sana e matura della nostra comunità, mi hanno ampiamente gratificato di tutto quello che penso di aver dato. 

Non è stato un sacrificio perché l’onore di guidare la mia città verso la riconquista del ruolo e dello spazio che le competeva nel mondo, ha prevalso sulla fatica, sul sudore versato e sulle umiliazioni che ho dovuto patire lungo questo difficile percorso, l’ultima delle quali potrebbe essere quella finale.  Una legge vergognosa, fascista, reminiscenza della Santa Inquisizione e del maccartismo più sfrenato, verosimilmente getterà alle ortiche l’impegno di cinque anni, un lavoro la cui bontà ha trovato riscontro in risultati oggettivamente visibili edampiamente certificati anche a livello internazionale. 

Fatti e non mera fuffa, che solo chi è in male fede e molto mediocre ovvero affetto da seri disturbi del comportamento non riuscirà mai a vedere e giammai a comprendere.   Una legge in bianco che delega alla sensibilità o per meglio dire all’insensibilità, del burocrate di turno il potere incontrollato di gestire le sorti di una comunità senza doverne pagare poi il prezzo.  È necessario che il legislatore, soprattutto i parlamentari del Sud, intervengano sollecitamente per correggere questo ulteriore gap che i Sindaci del Sud Italia e le loro comunità pagano senza alcuna ragione e senza alcun controllo.  Non si tratta di eliminare una legge, ma semplicemente di correggerne le evidenti criticità ispirandosi alla logica, ai più elementari principi dello stato di diritto ed alla Costituzione della Repubblica.

Basterebbero poche righe a risolvere le gravi illegittimità della norma. Questo vuole essere il mio contributo che cercherò di sottoporre a chi ha il potere di intervento.

1) La procedura inizia su impulso della prefettura compente, ma è necessario che la richiesta si fondi su una relazione puntuale ed attenta che ponga le basi ed i confini entro i quali la commissione deve poi svolgere il proprio lavoro di talchè un mese di indagine, con un eventuale altro mese di proroga da concedersi, non in automatico ma sulla base di una richiesta rigorosamente motivata, è oltremodo sufficiente.

2) Terminata questa fase di esame, la relazione in integrale (IN INTEGRALE!), qualora l’indagine dia esito positivo perché ha accertato l’infiltrazione mafiosa (e non delle semplici irregolarità e/o illeciti di altra natura), va trasmessa all’ente sottoposto a controllo che, entro il termine perentorio di x giorni potrà proporre ricorso all’autorità giudiziaria che sarà il solo organismo che, in caso di opposizione, potrà determinare lo scioglimento degli organi elettivi del comune al termine dell’istruttoria, salvo ritenere necessaria l’applicazione di una misura cautelare che non potrà superare gli x giorni.

Questi, in estrema sintesi, i correttivi che, a mio sommesso avviso, potrebbero contribuire a rendere una legge miope e di matrice squisitamente inquisitoria, che alla fine fa solo gli interessi della criminalità organizzata a scapito di quelli della parte sana della comunità, accettabile e giusta. 

Non si tratta di proposte insensate o, addirittura, eversive e in odore di mafia, ma logiche e oltremodo legittime. Si ha forse paura di sottoporre un’analisi fatta da funzionari dello Stato al vaglio di un organismo tecnicamente superiore, terzo, e competente come l’autorità giudiziaria?  E, poi, che qualcuno me lo spiegasse, come è possibile che la relazione prefettizia, nella redazione integrale, non viene, per principio e con motivazioni censurate senza soluzione di continuità dalla giustizia amministrativa, tempestivamente consegnata alla controparte in modo da far perdere ulteriore tempo nella proposizione e definizione del ricorso?  Cosa si nasconde dietro questa prassi censurata sistematicamente come illegittima? Forse la vergogna per quello che contiene?  La mia è una semplice proposta per cercare di riaprire un dibattito che, sistematicamente, chissà perché, si conclude senza mai dare alcuna parvenza di risposta. Non ci resta quindi che arrenderci ad un esito che l’esperienza ci dice avere una conclusione scontata.

Ovviamente non mi arrenderò e difenderò il mio onore e la mia comunità fin tanto che ne avrò la forza ed il diritto per lo consentirà.  Nel frattempo, perché tempo ne passerà per aver un giudizio anche in virtù di quella prassi illegittima nel non consegnare le carte che ho sopra denunciato, è necessario che ognuno di noi si prenda cura della città, del nostro posto, a cominciare dal proprio uscio.  Non ci sarà più il sindaco a raccogliere i mozziconi o a sistemare un albero piuttosto che una buca o, addirittura, la siepe di un privato, a controllare un cantiere, a preparare la strada per conquistare un riconoscimento, a rompere le scatole perchè le cose si muovano, quindi sarà fondamentale che ognuno di noi faccia quanto meno la propria parte per non vanificare nel giro di qualche mese i risultati conseguiti anche a livello culturale e di comune sentire. Qualcuno si sentirà libero di fare i propri comodi, altri cercheranno – come purtroppo spesso accaduto – di ottenere ciò che gli è stato legittimamente negato per ragioni di interesse generale e di diritto.   Qualcuno, mentalmente disturbato, penserà di avere chissà quale spazio e qualcun altro ancora, che grida alla legalità, salvo poi richiederne la pratica solo per gli altri, cercherà di infiltrarsi giocando la carta del mio carattere apparentemente arrogante e della vanità del proprio interlocutore.  Spero di essere smentito dai fatti, ma se così non dovesse essere assicuro il mio massimo impegno, sino all’esaurimento di tutti gli strumenti che mi dà il diritto, nella cura e nella tutela, sia pure in modo differente, del posto che amo.

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
L'appuntamento è per domenica 16 giugno e al centro dell'iniziativa ci sarà la terza età. Il titolo è già tutto un programma: "Siamo tutti anziani"
Secondo quanto raccontato da "Basta vittime sulla statale 106": il conducente della vettura sbalzato fuori dall'abitacolo e incastrato nel guardrail
Ci sono anche due deputati calabresi tra i parlamentari sanzionati dall'ufficio di presidenza della Camera dei deputati
Soddisfazione da parte del presidente di Coldiretti Calabria Franco Aceto: "Ma non basta, la mobilitazione continua"
l'inviato
Centinaia di chilometri di arenile ubicati a ridosso della statale 18 invasi da erbacce, rifiuti e liquami fognari
L'Intervista
Il testo licenziato dal Senato - spiega il governatore della Calabria al Corriere della Sera - è un buon testo, ma deve essere migliorato”
I messaggi social con la firma delle “Brigate Rosse” diretti a due cosiddetti "diarchi fascisti": "Siete condannati a morte"
La Cgil incalza di fronte all'ennesimo episodio "Bisogna prendere provvedimenti drastici e urgenti affinché i colleghi vengano tutelati"
Accolte le istanze dei difensori del 31enne, di Spadola. Il Tribunale di Messina ha ritenuto inammissibile la richiesta della Dda
Accusati in concorso tra di loro di peculato, erano stati arrestati nell'ambito di un'inchiesta della Guardia di finanza. Accolte le le richieste della difesa
RUBRICHE

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved