Picchiato con spranghe, preso a calci e pugni e derubato: quattro arresti nel Crotonese

Uno di loro è finito in carcere, gli altri tre ai domiciliari, con l'accusa di rapina, lesioni, porto di oggetti atti ad offendere e minacce
latitante arrestato

I carabinieri della Compagnia di Petilia Policastro hanno arrestato quattro persone – uno dei quali è finito in carcere e gli altri tre ai domiciliari – con l’accusa di rapina, lesioni, porto di oggetti atti ad offendere e minacce.I provvedimenti sono stati disposti dal gip del Tribunale di Crotone su richiesta della Procura. 
    L’indagine che ha portato all’emissione delle misure cautelari è scattata nella notte del 23 febbraio scorso in seguito alla segnalazione di una rapina ai danni di un cittadino algerino domiciliato a Petilia Policastro.

Spranghe e coltelli

Spranghe e coltelli

Dalla ricostruzione dei militari che hanno operato in stretta sinergia con la Procura di Crotone, è emerso che i destinatari della misura quella notte, dopo aver sfondato la porta dell’abitazione della vittima e averla minacciata e picchiata con spranghe, coltelli, calci e pugni, l’hanno derubata di circa seicento euro in contanti. Nel corso dell’aggressione la vittima è riuscita a divincolarsi e a darsi alla fuga ma è stata raggiunta e ulteriormente picchiata e, prima di essere lasciata riversa a terra, derubata anche del suo smartphone.  Allertati da alcuni passanti che hanno notato l’accaduto, i militari sono giunti sul posto quasi nel’immediatezza e hanno trovato uno dei quattro arrestati che, malgrado la presenza dei carabinieri, continuava a proferire minacce di morte nei confronti del cittadino algerino. Sono stati così raccolti i primi elementi utili e analizzate sia le descrizioni degli aggressori fornite dalla vittima e dai testimoni che le immagini riprese dai sistemi di videosorveglianza pubblici e privati della zona. Individuati i possibili autori, i militari li hanno rintracciati nei pressi delle loro abitazioni e dei luoghi abitualmente frequentati. Uno di loro non è stato trovato in casa ma si è costituito successivamente in caserma. 
   

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
l'inviato
Centinaia di chilometri di arenile ubicati a ridosso della statale 18 invasi da erbacce, rifiuti e liquami fognari
L'Intervista
Il testo licenziato dal Senato - spiega il governatore della Calabria al Corriere della Sera - è un buon testo, ma deve essere migliorato”
I messaggi social con la firma delle “Brigate Rosse” diretti a due cosiddetti "diarchi fascisti": "Siete condannati a morte"
La Cgil incalza di fronte all'ennesimo episodio "Bisogna prendere provvedimenti drastici e urgenti affinché i colleghi vengano tutelati"
Accolte le istanze dei difensori del 31enne, di Spadola. Il Tribunale di Messina ha ritenuto inammissibile la richiesta della Dda
Accusati in concorso tra di loro di peculato, erano stati arrestati nell'ambito di un'inchiesta della Guardia di finanza. Accolte le le richieste della difesa
Il gup nelle motivazioni della sentenza: "era a conoscenza dei rapporti tra 'ndrangheta e servizi segreti"
I genitori hanno scoperto casualmente un anno fa della malattia del figlio, dopo una serie di accertamenti
"Il mio ginecologo mi ricorda che devo controllare una cisti ovarica. Da lì parte uno tsunami. Risonanza, ricovero, operazione. Ciao ovaie"
Prende il posto di Bruno Trocini. Da giocatore ha indossato la maglia amaranto tra il 1988 e il 1990 ai tempi di Nevio Scala
RUBRICHE

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved