“Dal Comune di Catanzaro richiesta di 2milioni e mezzo alla Regione per la messa in sicurezza del quartiere Janò”

I consiglieri Celia e Scarpino: "L’amministrazione Fiorita si conferma in prima linea sul fronte della prevenzione del dissesto ambientale"
comune catanzaro eventi a pagamento

“Dal Comune di Catanzaro una richiesta di due milioni e mezzo di euro alla Regione Calabria per interventi di mitigazione del rischio idrogeologico per frane e alluvioni nel quartiere Janò”.
Lo rendono noto i consiglieri comunali Fabio Celia e Francesco Scarpino, nell’evidenziare che “l’amministrazione Fiorita si conferma in prima linea sul fronte della prevenzione in tema di dissesto ambientale, attivando la procedura per l’inserimento della proposta progettuale nella piattaforma ReNDiS (Repertorio Nazionale degli interventi per la Difesa del Suolo).

 La richiesta di fondi è corroborata da un documento di fattibilità delle ipotesi di interventi in un’area della città che da troppo tempo richiede di poter tornare alla normalità, dopo i primi drammatici eventi alluvionali risalenti al 2010. Nel corso degli anni non sono mancati sopralluoghi, stanziamenti di fondi e lavori che, però, non hanno contribuito a risolvere definitivamente i disagi che vivono i residenti della zona. Ora l’amministrazione Fiorita – che fin dall’inizio ha cercato di mantenere alta l’attenzione sulla vicenda e di individuare possibili soluzioni – ha confezionato un pacchetto di interventi che verrà portata all’attenzione del Dipartimento Protezione civile della Regione.

 La richiesta di fondi è corroborata da un documento di fattibilità delle ipotesi di interventi in un’area della città che da troppo tempo richiede di poter tornare alla normalità, dopo i primi drammatici eventi alluvionali risalenti al 2010. Nel corso degli anni non sono mancati sopralluoghi, stanziamenti di fondi e lavori che, però, non hanno contribuito a risolvere definitivamente i disagi che vivono i residenti della zona. Ora l’amministrazione Fiorita – che fin dall’inizio ha cercato di mantenere alta l’attenzione sulla vicenda e di individuare possibili soluzioni – ha confezionato un pacchetto di interventi che verrà portata all’attenzione del Dipartimento Protezione civile della Regione.

L’obiettivo primario

“L’auspicio è che si riesca, dunque, a disporre delle risorse necessarie per far uscire Janò e la sua comunità da un’emergenza perenne, riuscendo a completare la messa in sicurezza del territorio e a restituire serenità e dignità ai residenti”, proseguono Celia e Scarpino. “E’ un obiettivo primario che nessuno ha dimenticato e che ha visto tutta la squadra del settore gestione del territorio, con a capo l’assessore Raffaele Scalise e il dirigente Giovanni Laganà, lavorare in silenzio con la speranza di portare a casa il risultato. Janò può e deve rappresentare il simbolo di una Catanzaro che si risolleva una volta per tutte, dalle ferite della natura e del passato, per garantire un territorio più sicuro e sostenibile”.

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
L'appuntamento è per domenica 16 giugno e al centro dell'iniziativa ci sarà la terza età. Il titolo è già tutto un programma: "Siamo tutti anziani"
Secondo quanto raccontato da "Basta vittime sulla statale 106": il conducente della vettura sbalzato fuori dall'abitacolo e incastrato nel guardrail
Ci sono anche due deputati calabresi tra i parlamentari sanzionati dall'ufficio di presidenza della Camera dei deputati
Soddisfazione da parte del presidente di Coldiretti Calabria Franco Aceto: "Ma non basta, la mobilitazione continua"
l'inviato
Centinaia di chilometri di arenile ubicati a ridosso della statale 18 invasi da erbacce, rifiuti e liquami fognari
L'Intervista
Il testo licenziato dal Senato - spiega il governatore della Calabria al Corriere della Sera - è un buon testo, ma deve essere migliorato”
I messaggi social con la firma delle “Brigate Rosse” diretti a due cosiddetti "diarchi fascisti": "Siete condannati a morte"
La Cgil incalza di fronte all'ennesimo episodio "Bisogna prendere provvedimenti drastici e urgenti affinché i colleghi vengano tutelati"
Accolte le istanze dei difensori del 31enne, di Spadola. Il Tribunale di Messina ha ritenuto inammissibile la richiesta della Dda
Accusati in concorso tra di loro di peculato, erano stati arrestati nell'ambito di un'inchiesta della Guardia di finanza. Accolte le le richieste della difesa
RUBRICHE

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved