Calabria7

Omicidio Bergamini, la difesa: “Siamo partiti col piede giusto”

Omicidio Bergamini, a 32 anni dalla morte si va in tribunale

Si è conclusa la prima udienza del processo Bergamini. Il presidente della Corte d’assise Paola Lucente, a latere Marco Bilotta, ha rigettato le eccezioni della difesa, che aveva chiesto anche l’annullamento del procedimento, e ha fissato un fitto calendario di udienze, tanto che la difesa ha chiesto e ottenuto la possibilità di cambiamenti per altri impegni già calendarizzati.

Prossima udienza il 25 novembre

La prossima udienza si svolgerà il 25 novembre, per poi proseguire con altre 11 udienze entro fine febbraio, stante circa 200 testimoni da sentire. “Non abbiamo mai pensato che il processo potesse essere annullato – ha detto l’avvocato della famiglia Bergamini, Fabio Anselmo, alla fine del dibattimento – siamo partiti col piede giusto. C’è una bella sinergia con la pubblica accusa, sono stati accolti tutti i nostri testimoni”.

Le analogie con il processo Cucchi e la protesta della difesa

Anselmo ha portato anche un’analogia con il processo Cucchi, nel corso del dibattimento, e la difesa ha protestato. “Il processo Cucchi fa paura, lo capisco, perché le problematiche medico-legali sono simili – ha detto Anselmo – la differenza è che in questa vicenda Bergamini la verità è stata nascosta fin dall’inizio”. I legali della difesa non hanno voluto rilasciare dichiarazioni.

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Beni confiscati alla criminalità, la Regione li affida alle associazioni di inclusione sociale

bruno mirante

In fiamme cassonetti rifiuti di azienda natanti nel Catanzarese

manfredi

Paura a Catanzaro, auto in testa-coda su viale De Filippis

Mirko
Click to Hide Advanced Floating Content
Click to Hide Advanced Floating Content