Regione, M5S:”Su nomine dirigenti Bova ha ignorato nostre denunce”

“Apprendiamo che la mancata adozione degli atti per il conferimento degli incarichi di funzione dirigenziale non generale della giunta calabrese ha determinato, udite udite, un intervento della commissione del consiglio regionale contro la ‘ndrangheta e la corruzione, a quanto pare decisa ad approfondire il caso”.

Lo affermano, in una nota, i parlamentari del Movimento 5 Stelle Bianca Laura Granato e Paolo Parentela, che obiettano: “Il presidente della stessa commissione, Arturo Bova, forse non ricorda che sul conferimento degli incarichi dirigenziali ed esterni il Movimento 5 Stelle ha presentato una montagna di denunce all’autorità giudiziaria, rispetto alle quali il Consiglio regionale calabrese, che ha doveri e poteri di vigilanza e controllo, non ha mai mosso un dito; per esempio circa la nomina illegittima di Santo Gioffrè al vertice dell’Asp di Reggio Calabria e quella di Franco Pacenza quale consulente del governatore Mario Oliverio, entrambe decretate dallo stesso presidente della Regione. Stavolta – sottolineano i parlamentari del M5S – la questione è altrettanto seria, perché si profilerebbe l’aggiramento delle misure anticorruttive previste dal Piano triennale di prevenzione della corruzione.

Lo affermano, in una nota, i parlamentari del Movimento 5 Stelle Bianca Laura Granato e Paolo Parentela, che obiettano: “Il presidente della stessa commissione, Arturo Bova, forse non ricorda che sul conferimento degli incarichi dirigenziali ed esterni il Movimento 5 Stelle ha presentato una montagna di denunce all’autorità giudiziaria, rispetto alle quali il Consiglio regionale calabrese, che ha doveri e poteri di vigilanza e controllo, non ha mai mosso un dito; per esempio circa la nomina illegittima di Santo Gioffrè al vertice dell’Asp di Reggio Calabria e quella di Franco Pacenza quale consulente del governatore Mario Oliverio, entrambe decretate dallo stesso presidente della Regione. Stavolta – sottolineano i parlamentari del M5S – la questione è altrettanto seria, perché si profilerebbe l’aggiramento delle misure anticorruttive previste dal Piano triennale di prevenzione della corruzione.

Se non bastasse, i dirigenti regionali ora interessati sarebbero sprovvisti dei necessari poteri per lo svolgimento delle loro funzioni, con tutte le pesanti ricadute sull’ordinaria amministrazione. Ci auguriamo – concludono Granato e Parentela – che almeno in questa vicenda la commissione regionale presieduta da Bova sia rapida e concludente e che, peraltro, il presidente del consiglio regionale, Nicola Irto, dia conto ai cittadini calabresi dell’avvenuta, o meno, restituzione alle casse pubbliche dei soldi che Gioffrè percepì nella lunga, illegittima permanenza alla guida dell’Asp di Reggio Calabria”.

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
Il membro Udc chiede la restituzione del medaglione sacro sottratto dalla chiesa di Bovalino. “Ogni reato deve essere considerato grave”
Il governatore ha partecipato alla Conferenza dei delegati calabresi al congresso del partito svoltasi a Lamezia Terme
L'iniziativa è partita dalla Casa del Popolo Thomas Sankara e ha visto l'adesione di diverse realtà e associazioni cittadine
La struttura, funzionante da 30 anni, custodisce 90 mila volumi e gestisce oltre 2 milioni di schede bibliografiche on line
Già in passato si erano verificati episodi simili ai danni dell’imprenditrice. Coldiretti Calabria: "Un vile atto e un gesto inqualificabile" 
Per l’8 Marzo la città ospita il cartellone "Il senso delle donne”, sostenuto dal Comune in collaborazione con le associazioni del territorio
Il gruppo provinciale per l’Ordine e la sicurezza pubblica si è riunito con la presenza della sottosegretaria all’Interno Wanda Ferro, tra altri
Le segreterie nazionali: “Riduzione preoccupante delle attività. La situazione sta degenerando in tutti i territori interessati, inclusa la Calabria”
Il caso
Dopo la vergognosa guerriglia post-derby le due Questure facciano subito luce su quanto accaduto. Ancora si attendono i Daspo dell’andata
A Lamezia Terme, il segretario generale del sindacato ha partecipato insieme a Roberto Occhiuto a un'iniziativa sullo sviluppo del Mezzogiorno
RUBRICHE

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved