Calabria7

Vibo sotto shock per l’improvvisa morte del suo giovane maestro orologiaio

La città di Vibo è sotto shock per l’improvvisa e immatura scomparsa di quello che è stato un suo simbolo con la sua piccola attività sita tra via Dante Alighieri e via Popilia, nella zona centro del capoluogo, a due passi da Piazza Municipio. La sua cordialità e cortesia sono state sempre apprezzate dai vibonesi. La sua era una professione romantica ma mai passata di moda perché comprende ciò che ci accompagna ogni giorno: il tempo. Quel tempo che, purtroppo, per Giuseppe Fortunato, è finito. Se n’è andato questa notte per non meglio precisate cause. Pur avendo solo 44 anni, era comunque da decenni un riferimento per città con il suo caratteristico negozio di orologiaio. E’ stata la moglie Mariateresa ad accorgersi del decesso avvenuto nel sonno, verosimilmente per un malore.

Messaggi di cordoglio sui social

La notizia ha sconvolto un’intera comunità, nella quale “Peppe” era benvoluto e stimato. Appassionato di bici, era solito compiere delle escursioni in compagnia degli amici, amanti delle due ruote. Numerosi, infatti, i messaggi di cordoglio apparsi sui social. “Giuseppe – scrive il giornalista Salvatore Berlingieri – non era soltanto l’artigiano del tempo, come mi piaceva chiamarlo con affetto, era il maestro di una nobile arte, l’amico che ha la capacità di far ripartire il tempo quando si ferma”; “R.i.p. caro Peppe un amico come pochi… Pregherò per te e per la tua famiglia”. “La tua signorilità, il tuo sorriso e la tua umiltà rimarranno impressi in tutti noi. Eri una persona veramente speciale”. Anche sul gruppo FB “Sei di Vibo Se…” numerosi i commenti di dolore, cordoglio e sgomento per il maestro orologiaio che oltre alla moglie lascia due figli. (f.p.)

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

La lezione di Gratteri e il riscatto di Vibo: tra libri, cultura e movida segnali di vera rinascita

Mimmo Famularo

Di Lieto (Codacons): ” I social hanno incentivato una mentalità pericolosa”

Giovanni Caglioti

Coronavirus in Calabria, oltre 1500 casi positivi e altri 3 morti

Mirko
Click to Hide Advanced Floating Content
Click to Hide Advanced Floating Content