Assalto al caveau della Sicurtransport, tre rinvii a giudizio

Sicurtransport Catanzaro

di Gabriella Passariello

Nove imputati hanno optato per il giudizio abbreviato

Nove imputati hanno optato per il giudizio abbreviato

Nove all’abbreviato e tre rinvii a giudizio per i dodici imputati accusati di aver preso d’assalto il 4 dicembre 2016 il caveau dell’istituto di vigilanza Sicurtransport,  riuscendo a portare  8 milioni e mezzo dalla sede della società. Il gup del Tribunale di Catanzaro Claudio Paris ha ammesso al rito abbreviato Annamaria Cerminara (collaboratrice di giustizia), 41 anni, di Catanzaro; Carmine Fratepietro, 40 anni, Andria; Matteo Ladogana, 46 anni, di Cerignola; Mario Mancino, 42 anni, di Cerignola; Dante Mannolo, 39 anni, di Cutro; Alessandro Morra, 37 anni, di Cerignola; Giovanni Passalacqua, 53 anni di Catanzaro; Leonardo Passalacqua, 45 anni, di Catanzaro e Pasquale Pazienza, 49 anni, di Botonto. Il processo nei loro confronti proseguirà il prossimo 29 aprile, mentre ha rinviato a giudizio Cesare Ammirato, 70 anni di Catanzaro; Massimiliano Tassone 50 anni di Catanzaro e Nilo D’Urso 42 anni di Rossano, che compariranno di fronte al Tribunale collegiale di Catanzaro il 7 marzo.
Le accuse per gli imputati vanno a vario titolo dal concorso in rapina aggravata, detenzione, porto illegale di armi anche da guerra, alla ricettazione, con l’aggravante della mafiosità per aver agevolato la ‘ndrangheta.

L’inchiesta. Le indagini che hanno portato all’operazione denominata “Keleos”, sono state coordinate dalla Procura distrettuale antimafia di Catanzaro e condotte dal Servizio centrale operativo della Polizia di Stato e dalle Squadre Mobili di Catanzaro e Foggia. Gli investigatori hanno accertato l’esistenza di uno stretto collegamento tra pugliesi della zona di Cerignola (Foggia), “specializzati” nel settore e basisti calabresi. Questi ultimi, secondo le ipotesi di accusa, si sarebbero occupati di reperire le informazioni dal basista e di procurare le auto ed il mezzo cingolato, oltre che della logistica della permanenza clandestina a Catanzaro del commando composto dai malviventi pugliesi. La rapina era stata pianificata da molto tempo e la banda armata entrata in azione ha sfondato la parete di recinzione e il muro blindato del caveau grazie ad una grossa macchina cingolata dotata di martello pneumatico. I rapinatori, imbracciando fucili, hanno anche utilizzato strumenti per schermare i luoghi dalle onde radio facendo irruzione nel deposito tanto da costringere il personale di turno a rifugiarsi in una stanza appartata dell’edificio.

Il collegio difensivo. Nel processo sono impegnati, tra gli altri, gli avvocati Giovanni Merante, Gregorio Viscomi, Giuseppe Fonte, Nicola Carratelli, Aldo Casalinuovo ed Enzo De Caro

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
Sul posto sono presenti, oltre ai soccorritori, le squadre di Anas e delle Forze dell’Ordine per la gestione della viabilità in loco
La difesa ha dimostrato il non coinvolgimento nei fatti contestati e la totale inconsapevolezza di essere partecipe di un disegno criminoso
Accolta l'istanza difensiva all'esito dell'interrogatorio di garanzia in cui l'indagato si è avvalso della facoltà di non rispondere
Il progetto che ha partecipato alla call europea ha trai partner anche la Umg di Catanzaro, l'Università Mediterranea di Reggio, e la Regione Calabria
Il presidente Mancuso: “Il Consiglio si dota di una tecnologia emergente nell’ambito della sperimentazione ingegneristica”
Il comune nel Cosentino mira a diventare una meta ambita per gli amanti dell'arte, della cultura e della gastronomia
L'assessore regionale ai Trasporti Emma Staine: “Attuare un sistema di trasporti intermodale che possa agevolare il rilancio del territorio”
Iscritti sul registro i vertici di Endered Italia. L'inchiesta è partita dalla denuncia di un altra azienda a proposito delle gare per le convenzioni
I nuovi dettagli dall'inchiesta: dall'ex direttrice ai colleghi la "mobilitazione" per aiutare la candidata privilegiata a superare gli esami
L’iniziativa del Coordinamento provinciale a sostegno del popolo palestinese partirà da Piazza Matteotti
RUBRICHE

Calabria7 utilizza cookie, suoi e di terze parti, per offrirti il miglior servizio possibile, misurare il coinvolgimento degli utenti e offrire contenuti mirati.

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved