Attivista curda arrestata a Crotone, salta l’incidente probatorio davanti al gup. Mancano i testi

Irreperibile il testimone che al momento dello sbarco aveva rilasciato dichiarazioni nelle quali indicava Maysoon Majidi come una scafista
Truffa su fondi agricoli, sigilli al patrimonio di due coniugi del Crotonese

Mancano i testimoni e l’incidente probatorio davanti al gup si chiude con un nulla di fatto. La procedura doveva servire a cristallizzare le testimonianze di due migranti nei confronti di Maysoon Majidi, l’artista ed attivista curda arrestata dalla Guardia di finanza di Crotone con l’accusa di essere la scafista dell’imbarcazione approdata il 31 dicembre sulla spiaggia di Gabella con 77 migranti a bordo. La donna si trova nel carcere a Castrovillari da gennaio dove potrebbe rimanere fino all’esito del processo. Accuse e detenzione ingiuste secondo diversi movimenti di diritti civili nei confronti, dicono, di una donna che è dovuta scappare dall’Iran dove era vista come oppositrice del regime. Durante l’udienza, davanti al tribunale si è svolto un sit-in del comitato Maysoon libera e della rete 26 febbraio per chiedere la liberazione dell’attivista curda. 


    In apertura di udienza, la gup Elisa Marchetto ha dovuto prendere atto di una comunicazione della polizia giudiziaria dell’irreperibilità del testimone che al momento dello sbarco aveva rilasciato dichiarazioni nelle quali indicava Maysoon Majidi come una scafista. All’uscita dal Tribunale, il difensore della donna, l’avvocato Giancarlo Liberati, riconoscendo che “la giudice si è comportata correttamente” ha mostrato come il testimone, Asan Hosenzadi, dichiarato irreperibile era contrattabile per telefono. Lo stesso avvocato ha fatto una videochiamata alla quale l’uomo ha risposto. “Secondo la squadra navale della Guardia di finanza di Crotone – ha detto il legale – il testimone è irreperibile. Lui si trova in un centro immigrazione, il Campo Tegel a Berlino e non ci vuole niente a contattarlo. L’avete appena visto. Strano che la polizia tedesca, ove sollecitata da quella italiana, non lo abbia trovato”. La sua presenza, a detta dell’avvocato, “è decisiva perché a noi ha spiegato di non aver mai accusato Maysoon” così come avrebbe fatto il coimputato turco “che si è accusato di essere lo skipper ed ha dal primo momento dichiarato che questa ragazza non c’entrava nulla”. 


    In apertura di udienza, la gup Elisa Marchetto ha dovuto prendere atto di una comunicazione della polizia giudiziaria dell’irreperibilità del testimone che al momento dello sbarco aveva rilasciato dichiarazioni nelle quali indicava Maysoon Majidi come una scafista. All’uscita dal Tribunale, il difensore della donna, l’avvocato Giancarlo Liberati, riconoscendo che “la giudice si è comportata correttamente” ha mostrato come il testimone, Asan Hosenzadi, dichiarato irreperibile era contrattabile per telefono. Lo stesso avvocato ha fatto una videochiamata alla quale l’uomo ha risposto. “Secondo la squadra navale della Guardia di finanza di Crotone – ha detto il legale – il testimone è irreperibile. Lui si trova in un centro immigrazione, il Campo Tegel a Berlino e non ci vuole niente a contattarlo. L’avete appena visto. Strano che la polizia tedesca, ove sollecitata da quella italiana, non lo abbia trovato”. La sua presenza, a detta dell’avvocato, “è decisiva perché a noi ha spiegato di non aver mai accusato Maysoon” così come avrebbe fatto il coimputato turco “che si è accusato di essere lo skipper ed ha dal primo momento dichiarato che questa ragazza non c’entrava nulla”. 


    Liberati ha annunciato la richiesta di domiciliari per l’attivista: “In carcere è dimagrita 14 chili. Ho preannunciato al gup che chiederà la sostituzione della misura cautelare anche se il pm ha già preannunciato parere contrario. Cercherò di presentare una istanza molto circostanziata per mettere nelle condizioni il pm di valutare ancora la sussistenza di gravi indizi che in verità io non vedo sin dall’inizio. Abbiamo già individuato un’associazione che ha dato la sua disponibilità ad accogliere Maysoon e possiamo adottare tutte le cautele del caso. La ragazza non ha nessun interesse a scappare perché sarebbe come confermare la sua colpevolezza. Lei vuole rimanere in Italia, vuole essere assolta in un processo equo con le prove a suo favore e non fuggire”. 

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
L'appuntamento è per domenica 16 giugno e al centro dell'iniziativa ci sarà la terza età. Il titolo è già tutto un programma: "Siamo tutti anziani"
Secondo quanto raccontato da "Basta vittime sulla statale 106": il conducente della vettura sbalzato fuori dall'abitacolo e incastrato nel guardrail
Ci sono anche due deputati calabresi tra i parlamentari sanzionati dall'ufficio di presidenza della Camera dei deputati
Soddisfazione da parte del presidente di Coldiretti Calabria Franco Aceto: "Ma non basta, la mobilitazione continua"
l'inviato
Centinaia di chilometri di arenile ubicati a ridosso della statale 18 invasi da erbacce, rifiuti e liquami fognari
L'Intervista
Il testo licenziato dal Senato - spiega il governatore della Calabria al Corriere della Sera - è un buon testo, ma deve essere migliorato”
I messaggi social con la firma delle “Brigate Rosse” diretti a due cosiddetti "diarchi fascisti": "Siete condannati a morte"
La Cgil incalza di fronte all'ennesimo episodio "Bisogna prendere provvedimenti drastici e urgenti affinché i colleghi vengano tutelati"
Accolte le istanze dei difensori del 31enne, di Spadola. Il Tribunale di Messina ha ritenuto inammissibile la richiesta della Dda
Accusati in concorso tra di loro di peculato, erano stati arrestati nell'ambito di un'inchiesta della Guardia di finanza. Accolte le le richieste della difesa
RUBRICHE

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved