Bloccati da anni i pagamenti delle indennità da infortunio a decine di giornalisti: class action contro l’Inps

Nella sede centrale dell’Inps di Roma non si trovano neanche le pratiche transitate dall’Inpgi. Verso la class action nei confronti dell’Istituto nazionale della previdenza sociale
pensione

Povera Italia per le tante cose che non funzionano. In questo strano e incomprensibile Paese: delle mafie, della corruzione e delle lobby politico-clientelari, ci sono “carrozzoni di Stato” che non rispondono per tempo alle richieste degli inermi cittadini che non sanno a quale santo votarsi per avere servizi veloci ed efficienti. Sul banco degli “imputati” questa volta finisce l’Inps che non sempre risponde, per tempo, agli innumerevoli e pressanti bisogni dei cittadini i quali per la definizione delle loro pratiche si aspetterebbero tempi certi e brevi. Questa volta a puntare il dito contro i dirigenti della sede centrale Inps di Roma sono decine e decine di giornalisti che aspettano da anni di vedersi pagare l’ indennità di infortunio.

Class action contro i vertici Inps?

Class action contro i vertici Inps?

Perché l’Inps sotto accusa se i giornalisti dipendevano fino al 30 giugno 2022 dall’Inpgi? Presto svelato l’arcano mistero. Dall’1 luglio 2022 tutte le funzioni previdenziali per i giornalisti titolari di rapporto di lavoro subordinato sono passati all’Inps. Ciò ha comportato il transito di tutte le pratiche, anche di quelle rimaste inevase, nelle mani dei responsabili Inps di Roma. Compreso quelle più delicate relative agli infortuni che, molto probabilmente, “galleggiano” in qualche scantinato della sede centrale Inps. Ci sono giornalisti che aspettano, da oltre due anni, per essere sottoposti a visita medico-legale e successivamente liquidati. Purtroppo ancora i termini della questione non sono stati definiti dagli uffici Inps. Addirittura mancherebbe anche la convenzione tra Inps, Inpgi e organi centrali dello Stato. In questo caos non si trovano neanche le certificazioni dei giornalisti infortunati i quali da mesi stanno cercando di capire a chi sono stati consegnati dai dirigenti Inpgi. Se la situazione di caos dovesse perdurare i giornalisti sono pronti ad avviare una class action contro i vertici Inps che non stanno dimostrando grande disponibilità.

L’Inps non risponde

Ci sono giornalisti che hanno cercato di mettersi in contatto telefonico con i dirigenti Inps della sede centrale di Roma senza riuscirci. Arrivati a questo punto, per risolvere questa complessa vicenda, l’unica strada percorribile rimane quella giudiziaria. Un passaggio Inpgi-Inps che doveva essere indolore si sta rivelando negativo per tutti quei giornalisti che avevano “in itinere” la definizione delle pratiche relative al loro infortunio. Si spera che altre testate giornalistiche, Rai compresa, si occupino di questa intricata vicenda che sta mettendo a dura prova tanti giornalisti che si vedono lesi i loro diritti.

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
Soddisfazione da parte del presidente di Coldiretti Calabria Franco Aceto: "Ma non basta, la mobilitazione continua"
l'inviato
Centinaia di chilometri di arenile ubicati a ridosso della statale 18 invasi da erbacce, rifiuti e liquami fognari
L'Intervista
Il testo licenziato dal Senato - spiega il governatore della Calabria al Corriere della Sera - è un buon testo, ma deve essere migliorato”
I messaggi social con la firma delle “Brigate Rosse” diretti a due cosiddetti "diarchi fascisti": "Siete condannati a morte"
La Cgil incalza di fronte all'ennesimo episodio "Bisogna prendere provvedimenti drastici e urgenti affinché i colleghi vengano tutelati"
Accolte le istanze dei difensori del 31enne, di Spadola. Il Tribunale di Messina ha ritenuto inammissibile la richiesta della Dda
Accusati in concorso tra di loro di peculato, erano stati arrestati nell'ambito di un'inchiesta della Guardia di finanza. Accolte le le richieste della difesa
Il gup nelle motivazioni della sentenza: "era a conoscenza dei rapporti tra 'ndrangheta e servizi segreti"
I genitori hanno scoperto casualmente un anno fa della malattia del figlio, dopo una serie di accertamenti
"Il mio ginecologo mi ricorda che devo controllare una cisti ovarica. Da lì parte uno tsunami. Risonanza, ricovero, operazione. Ciao ovaie"
RUBRICHE

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved