Carenze di medici, impossibile attivare 500 nuovi posti letto in Pronto soccorso. Attese lunghissime

Era stato bandito un concorso unico regionale, che però ha fatto flop: sessantadue i candidati complessivi per 363 posti
bimba piscina

Attese lunghissime in pronto soccorso, reparti stracolmi di pazienti e sguarniti di medici, spesso mancano anche le barelle sulle quali adagiare gli ammalati in attesa di un letto. Si usa di tutto: sedie, poltrone, sgabelli.

Un girone infernale che può durare anche giorni, con esito incerto. In una condizione del genere, riferisce Tgcom24, ci vuole poco perché scoppi la rabbia, che a volte degenera in vere e proprie aggressioni ai danni del personale sanitario. In Campania il riverbero della carenza dei medici si fa più forte, dopo oltre dieci anni di tagli e commissariamento. E così, facendo qualche conteggio, si comprende la dimensione del problema: mancano 400 medici di Pronto Soccorso, quasi il dieci per cento dei camici bianchi che mancano in tutta Italia, che sono 4200. E nel 2027 il numero di posti vacanti potrebbe raddoppiare nella sola Regione, arrivando a 800. Le Asl che hanno bisogno di più medici e infermieri sono quella di Salerno, Napoli 1, Napoli 3 Sud e Caserta. Per questo era stato bandito un concorso unico regionale per tutte le Asl della Campania, che però ha fatto flop: si sono presentati solo 43 specializzandi e 19 specialisti: 62 candidati in tutto per 363 posti.

Un girone infernale che può durare anche giorni, con esito incerto. In una condizione del genere, riferisce Tgcom24, ci vuole poco perché scoppi la rabbia, che a volte degenera in vere e proprie aggressioni ai danni del personale sanitario. In Campania il riverbero della carenza dei medici si fa più forte, dopo oltre dieci anni di tagli e commissariamento. E così, facendo qualche conteggio, si comprende la dimensione del problema: mancano 400 medici di Pronto Soccorso, quasi il dieci per cento dei camici bianchi che mancano in tutta Italia, che sono 4200. E nel 2027 il numero di posti vacanti potrebbe raddoppiare nella sola Regione, arrivando a 800. Le Asl che hanno bisogno di più medici e infermieri sono quella di Salerno, Napoli 1, Napoli 3 Sud e Caserta. Per questo era stato bandito un concorso unico regionale per tutte le Asl della Campania, che però ha fatto flop: si sono presentati solo 43 specializzandi e 19 specialisti: 62 candidati in tutto per 363 posti.

Difficilissimo, in queste condizioni, anche assicurare l’ordinario. Sarebbero attivabili 500 posti letto, secondo i dati forniti a Sky Tg24 dall’Anaao Assomed: potrebbero alleggerire un po’ la pressione sui pronto soccorso rimasti aperti, che ciclicamente vanno in sofferenza. Ma aprirli è impossibile in queste condizioni di personale. E il flop del concorso unico non ha aiutato: in parte perché le Asl sono molto grandi e questo elemento di incertezza di per sé scoraggia, ma in gran parte per le condizioni generali di lavoro.

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
L'appuntamento è per domenica 16 giugno e al centro dell'iniziativa ci sarà la terza età. Il titolo è già tutto un programma: "Siamo tutti anziani"
Secondo quanto raccontato da "Basta vittime sulla statale 106": il conducente della vettura sbalzato fuori dall'abitacolo e incastrato nel guardrail
Ci sono anche due deputati calabresi tra i parlamentari sanzionati dall'ufficio di presidenza della Camera dei deputati
Soddisfazione da parte del presidente di Coldiretti Calabria Franco Aceto: "Ma non basta, la mobilitazione continua"
l'inviato
Centinaia di chilometri di arenile ubicati a ridosso della statale 18 invasi da erbacce, rifiuti e liquami fognari
L'Intervista
Il testo licenziato dal Senato - spiega il governatore della Calabria al Corriere della Sera - è un buon testo, ma deve essere migliorato”
I messaggi social con la firma delle “Brigate Rosse” diretti a due cosiddetti "diarchi fascisti": "Siete condannati a morte"
La Cgil incalza di fronte all'ennesimo episodio "Bisogna prendere provvedimenti drastici e urgenti affinché i colleghi vengano tutelati"
Accolte le istanze dei difensori del 31enne, di Spadola. Il Tribunale di Messina ha ritenuto inammissibile la richiesta della Dda
Accusati in concorso tra di loro di peculato, erano stati arrestati nell'ambito di un'inchiesta della Guardia di finanza. Accolte le le richieste della difesa
RUBRICHE

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved