Calabria7

Clima a Catanzaro, Cisl: “Bisogna intervenire subito con risorse importanti”

“Quello che avviene oggi in decine di piazze della nostra regione, piene di studenti e lavoratori, non può passare inosservato ma è monito per i nostri amministratori anche dei piccoli centri di periferia che si può fare tanto per fermare il cambiamento climatico in atto e che interessa tutti”.

Così Tonino Russo, segretario generale di Cisl Calabria commenta il terzo sciopero globale per il clima di oggi che sta coinvolgendo soprattutto gli studenti della regione.

“Occorre mettere da subito  in campo – prosegue – iniziative utili per ribaltare il paradigma dello sviluppo ad ogni costo che ha comportato il consumo di suolo e di risorse naturali con conseguenze devastanti per i territori anche della nostra regione. Basti pensare all’erosione della costa che ha cambiato la geografia dei nostri litorali distrutti da colate di cemento e che ora sono divenuti un problema anche per la tenuta della già ridotta rete infrastrutturale calabrese.

Senza annoverare le disastrose conseguenze di anni di cattiva gestione del territorio collinare e montano che tanti lutti hanno provocato a seguito di frane e dissesti idrogeologici”.

“Sono tutti campanelli d’allarme inascoltati – afferma ancora Russo – che qualcosa era già mutato nell’ambiente che ci circonda e che ci avrebbe dovuto portare ad invertire la marcia. Ora non c’è più tempo ed a ricordarcelo sono i milioni di studenti che stanno manifestando in tutto il mondo ma anche qui in Calabria in nome del loro diritto ad avere un futuro”.

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Finge di “aggiustare” indagini, poliziotto di Catanzaro a giudizio

Maurizio Santoro

Il sottosegretario con delega ai servizi segreti ricorda i caduti dell’intelligence al Galilei di Lamezia

Antonio Battaglia

A Catanzaro l’iniziativa che riunisce musei, archivi e biblioteche ecclesiastiche

manfredi
Click to Hide Advanced Floating Content
Click to Hide Advanced Floating Content