Delegazione Coldiretti con il Procuratore Spagnuolo a Roma

Coldiretti Calabria

Domani  giovedì, 14 febbraio 2019 alle ore 9.30 al Centro Congressi Palazzo Rospigliosi, sede Coldiretti, in Via XXIV Maggio, 43 ci sarà la presentazione dell’atteso  6° Rapporto “Agromafie” sui crimini agroalimentari in Italia elaborato da Coldiretti, Eurispes e Osservatorio sulla  sulla criminalità nell’agricoltura e sul sistema agroalimentare.

Per la Calabria ci sarà, insieme al Presidente e Direttore  di Coldiretti  Calabria Franco Aceto e Francesco Cosentini, il Procuratore della Repubblica di Cosenza, componente del Comitato Scientifico della Fondazione Agromafie Mario Spagnuolo.

Per la Calabria ci sarà, insieme al Presidente e Direttore  di Coldiretti  Calabria Franco Aceto e Francesco Cosentini, il Procuratore della Repubblica di Cosenza, componente del Comitato Scientifico della Fondazione Agromafie Mario Spagnuolo.

Le mani delle mafie sul cibo dal business dei clan al mercato nero, dai traffici internazionali ai rischi per la salute sono al centro di questo importante incontro che porrà in risalto come  l’agroalimentare rappresenta un terreno privilegiato di investimento della malavita con un pericoloso impatto non solo sul tessuto economico ma anche sulla salute dei cittadini e sull’ambiente.

Le mafie hanno da tempo messo gli occhi sulla filiera agroalimentare italiana – fatta di produzione, trasporto, distribuzione e vendita – e si sono sedute a tavola con tutti i consumatori per aumentare i propri guadagni.

E’ un’economia parallela, illecita e sleale, che ha sviluppato negli anni un sottobosco criminoso che attecchisce capillarmente e agisce come il veleno in un pozzo. Le organizzazioni  consapevoli che l’agroalimentare italiano è un brand che fa vendere bene– aggiunge Coldiretti –  «condizionano il mercato, lucrando sul vero o falso made in Italy, con la creazione all’estero di centrali di produzione dell’Italian sounding».

Dopo l’illustrazione del  Rapporto, nato dalla collaborazione con Forze dell’ordine, Magistratura, Istituzioni e Enti che operano a difesa del comparto agroalimentare, coordinata Gian Carlo Caselli Presidente del Comitato Scientifico della Fondazione sono previsti gli interventi di Alfonso Bonafede, Ministro della Giustizia, Gian Marco Centinaio, Ministro delle Politiche agricole alimentari, forestali e del turismo, Matteo Salvini, Ministro dell’Interno, Federico Cafiero De Raho, Procuratore Nazionale Antimafia e Antiterrorismo, Raffaele Cantone, Presidente dell’ANAC, David Ermini, Vicepresidente del Consiglio Superiore della Magistratura, Nicola Morra, Presidente della Commissione Parlamentare Antimafia .

Le conclusioni  saranno svolte da Ettore Prandini, Presidente Coldiretti e Presidente “Osservatorio Agromafie”.

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
Francesco Schiavone, 70enne, ha trascorso gran parte degli ultimi decenni nel regime carcerario del 41 bis. I suoi familiari sono già inclusi nel programma di protezione
Il motivo della decisione va ricercato nel desiderio di preservare la salute personale di Bergoglio in vista delle funzioni di sabato e domenica
L’indagato di San Luca è stato arrestato dopo quasi 2 anni di latitanza. È indagato per associazione finalizzata al traffico
“La motivazione di tradizioni folkloristiche o religiose non sono sufficienti a giustificare tali gesti”, scrivono Oipa, Lav, Argo e Balzoo
L'ideale è una dose giornaliera di 20 g-30 g di cioccolato fondente con cacao superiore al 70%, anziché quello al latte o bianco
Nella notte tra sabato 30 e domenica 31 marzo si perderà un'ora di sonno ma si acquisterà un'ora di luce in più ogni giorno per mesi
I dipendenti di Zara, Ovs, Upim, Lidl e Despar rivendicano il Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro. Fermi anche nei giorni di Pasqua e Pasquetta
L’uomo è uno degli indagati dell’operazione “Perseverant”, eseguita lo scorso febbraio dai carabinieri del Comando di Reggio Calabria
I giorni di festa saranno compromessi da molte nubi e tanta sabbia del Sahara. Nello Stretto di Messina il mare andrà in burrasca
La vittima è un 53enne di origini romene. La sigaretta ha faccio esplodere il macchinario per l’ossigenoterapia. La struttura è stata evacuata
RUBRICHE

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved