Di Lieto (Codacons): ” I social hanno incentivato una mentalità pericolosa”

di lieto

Durissimo il Codacons sul tema dell’utilizzo dei social, a seguito della morte della donna ripresa dai passanti a Crema. L’Associazione punta il dito contro una certa cultura dei social – quella dei like a tutti i costi e della visibilità elevata a valore – responsabile di questo e di simili episodi di barbarie, e chiede subito il pugno duro da parte delle autorità contro i protagonisti della vergognosa vicenda.

Servono regole immediate, e interventi durissimi, per spezzare questo circolo pericoloso tra violenza – sugli altri o sé stessi – e l’occhio del web. L’Associazione chiede il sequestro dei social di chi pubblicherà le immagini e una punizione esemplare (per omissione di soccorso e concorso nel suicidio) per le persone presenti sul posto, ovvero coloro che invece di prestare soccorso alla donna hanno pensato bene di riprenderne la tragica fine con i cellulari.

Servono regole immediate, e interventi durissimi, per spezzare questo circolo pericoloso tra violenza – sugli altri o sé stessi – e l’occhio del web. L’Associazione chiede il sequestro dei social di chi pubblicherà le immagini e una punizione esemplare (per omissione di soccorso e concorso nel suicidio) per le persone presenti sul posto, ovvero coloro che invece di prestare soccorso alla donna hanno pensato bene di riprenderne la tragica fine con i cellulari.

“Il web, i social, gli influencer pronti a tutto per apparire hanno incentivato una mentalità pericolosa e perversa, e questi episodi lo dimostrano” – dichiara il presidente Carlo Rienzi. “Ora chiediamo un intervento risolutivo sul tema: la Legge non può tollerare casi del genere, e senza pene e punizioni severe sarà impossibile invertire questa terribile rotta”.

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
Il membro Udc chiede la restituzione del medaglione sacro sottratto dalla chiesa di Bovalino. “Ogni reato deve essere considerato grave”
Il governatore ha partecipato alla Conferenza dei delegati calabresi al congresso del partito svoltasi a Lamezia Terme
L'iniziativa è partita dalla Casa del Popolo Thomas Sankara e ha visto l'adesione di diverse realtà e associazioni cittadine
La struttura, funzionante da 30 anni, custodisce 90 mila volumi e gestisce oltre 2 milioni di schede bibliografiche on line
Già in passato si erano verificati episodi simili ai danni dell’imprenditrice. Coldiretti Calabria: "Un vile atto e un gesto inqualificabile" 
Per l’8 Marzo la città ospita il cartellone "Il senso delle donne”, sostenuto dal Comune in collaborazione con le associazioni del territorio
Il gruppo provinciale per l’Ordine e la sicurezza pubblica si è riunito con la presenza della sottosegretaria all’Interno Wanda Ferro, tra altri
Le segreterie nazionali: “Riduzione preoccupante delle attività. La situazione sta degenerando in tutti i territori interessati, inclusa la Calabria”
Il caso
Dopo la vergognosa guerriglia post-derby le due Questure facciano subito luce su quanto accaduto. Ancora si attendono i Daspo dell’andata
A Lamezia Terme, il segretario generale del sindacato ha partecipato insieme a Roberto Occhiuto a un'iniziativa sullo sviluppo del Mezzogiorno
RUBRICHE

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved