Calabria7

Di Lieto (Codacons): ” I social hanno incentivato una mentalità pericolosa”

Durissimo il Codacons sul tema dell’utilizzo dei social, a seguito della morte della donna ripresa dai passanti a Crema. L’Associazione punta il dito contro una certa cultura dei social – quella dei like a tutti i costi e della visibilità elevata a valore – responsabile di questo e di simili episodi di barbarie, e chiede subito il pugno duro da parte delle autorità contro i protagonisti della vergognosa vicenda.

Servono regole immediate, e interventi durissimi, per spezzare questo circolo pericoloso tra violenza – sugli altri o sé stessi – e l’occhio del web. L’Associazione chiede il sequestro dei social di chi pubblicherà le immagini e una punizione esemplare (per omissione di soccorso e concorso nel suicidio) per le persone presenti sul posto, ovvero coloro che invece di prestare soccorso alla donna hanno pensato bene di riprenderne la tragica fine con i cellulari.

“Il web, i social, gli influencer pronti a tutto per apparire hanno incentivato una mentalità pericolosa e perversa, e questi episodi lo dimostrano” – dichiara il presidente Carlo Rienzi. “Ora chiediamo un intervento risolutivo sul tema: la Legge non può tollerare casi del genere, e senza pene e punizioni severe sarà impossibile invertire questa terribile rotta”.

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Salvata escursionista nel Reggino

manfredi

Inchiesta sui pontili del porto di Catanzaro, la procura chiede la nomina di un perito

manfredi

Catanzaro, paura nel quartiere Lido: frigorifero prende fuoco in una casa

Matteo Brancati
Click to Hide Advanced Floating Content