Calabria7

Don Ciotti, memoria impegno contro mafie

“E’ giusto parlare sempre di una memoria viva che deve tradursi in responsabilità e impegno”.

Lo ha detto don Luigi Ciotti, presidente di Libera e cittadino onorario di Locri, intervenuto alla manifestazione “Locri non dimentica, ricorda!”, nell’ambito della quale si è svolta l’intitolazione di alcune vie cittadine a vittime innocenti di ‘ndrangheta e mafie.

“Io ho molta paura – ha aggiunto don Ciotti – della retorica della memoria: non basta appiccicare dei nomi lungo le strade.

Ciò può essere un segno importante per non dimenticare e vivere il vero ricordo ma è necessario però che quei nomi si scrivano nelle nostre coscienze e nelle nostre vite. Lo dobbiamo al sacrificio di tante persone che non ci sono più. La lotta alle mafie, al di là del lavoro fin qui svolto dai magistrati e dalle forze dell’ordine, la si fa con la cultura, lavoro, educazione e scuole. Occorre anche una rivoluzione politica e culturale. Occorre una trasformazione profonda della società in cui viviamo”.

Foto Ansa

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Anniversario della scomparsa dei Vigili del fuoco caduti a Quargnento, il ricordo del Comando di Reggio

Giovanni Bevacqua

Parco della Biodiversità si Vanity Fair, Traversa: “Immagine meravigliosa della Calabria”

Damiana Riverso

Covid, Ricciardi: “Chiederò a Speranza un lockdown totale”. Il Cts: “Rivalutare apertura impianti da sci”

bruno mirante
Click to Hide Advanced Floating Content
Click to Hide Advanced Floating Content