Donazione degli organi, gli ostacoli presenti a Vibo emersi nel confronto tra esperti e dipendenti comunali

L’assessore Scionti: “Chiederemo un incontro al commissario Battistini”


Approfondire gli aspetti normativi legati alla volontà del cittadino di dare assenso, o meno, alla donazione degli organi, ed individuare proposte in grado di superare gli ostacoli che, su questo fronte, sono emersi a Vibo Valentia; oltre che aggiornare il personale dipendente del Comune capoluogo sull’importanza di esporre in modo corretto la facoltà del singolo cittadino di esprimersi su una eventuale donazione di organi, tessuti e cellule in caso di morte, da indicare all’atto del rinnovo della carta d’identità elettronica.

Sono questi gli aspetti fondamentali dell’incontro che si è svolto al Comune di Vibo Valentia, voluto dal sindaco Maria Limardo e dall’assessore alle Politiche sociali Lillo Scionti, con il coinvolgimento del Forum del Terzo settore (rappresentato nell’occasione dal presidente Giuseppe Conocchiella) e della sezione Aido di Briatico (presente la presidente Angela Frati), e con la preziosa partecipazione del dottore Pellegrino Mancini, coordinatore del Centro regionale per i trapianti del Grande ospedale metropolitano di Reggio Calabria.

Sono questi gli aspetti fondamentali dell’incontro che si è svolto al Comune di Vibo Valentia, voluto dal sindaco Maria Limardo e dall’assessore alle Politiche sociali Lillo Scionti, con il coinvolgimento del Forum del Terzo settore (rappresentato nell’occasione dal presidente Giuseppe Conocchiella) e della sezione Aido di Briatico (presente la presidente Angela Frati), e con la preziosa partecipazione del dottore Pellegrino Mancini, coordinatore del Centro regionale per i trapianti del Grande ospedale metropolitano di Reggio Calabria.

Il rapporto collaborativo

“Ho accolto con piacere le sollecitazioni pervenute dal Forum del Terzo settore – ha dichiarato l’assessore Scionti – in quanto diventa fondamentale un rapporto collaborativo tra la pubblica amministrazione, le associazioni e i cittadini, affinché vi sia una la giusta consapevolezza sulle norme e sulle possibilità di acconsentire ad un gesto dall’enorme valenza, e dalla straordinaria importanza, come quello della donazione degli organi. Dall’illuminante intervento del dottore Mancini, e dalle attente osservazioni dei partecipanti, sono quindi emerse le criticità che riscontriamo nella nostra città e verso le quali vi è assoluto bisogno di un intervento da parte dell’Azienda sanitaria provinciale. Sappiamo già che il commissario Battistini si è mostrato particolarmente sensibile al tema, ed anche per questo si è deciso di chiedere formalmente un incontro con il management affinché si superino gli ostacoli presenti e si riesca a far compiere a Vibo Valentia quel necessario salto in avanti su un fronte così delicato e importante. Intendo quindi ringraziare – ha concluso l’assessore – non solo le associazioni ed il dottore Mancini, ma anche i nostri dipendenti dell’Ufficio anagrafe che svolgono un lavoro prezioso ed hanno dimostrato forte interesse verso un necessario aggiornamento e accrescimento professionale scaturito da questo incontro”.

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
L'appuntamento è per domenica 16 giugno e al centro dell'iniziativa ci sarà la terza età. Il titolo è già tutto un programma: "Siamo tutti anziani"
Secondo quanto raccontato da "Basta vittime sulla statale 106": il conducente della vettura sbalzato fuori dall'abitacolo e incastrato nel guardrail
Ci sono anche due deputati calabresi tra i parlamentari sanzionati dall'ufficio di presidenza della Camera dei deputati
Soddisfazione da parte del presidente di Coldiretti Calabria Franco Aceto: "Ma non basta, la mobilitazione continua"
l'inviato
Centinaia di chilometri di arenile ubicati a ridosso della statale 18 invasi da erbacce, rifiuti e liquami fognari
L'Intervista
Il testo licenziato dal Senato - spiega il governatore della Calabria al Corriere della Sera - è un buon testo, ma deve essere migliorato”
I messaggi social con la firma delle “Brigate Rosse” diretti a due cosiddetti "diarchi fascisti": "Siete condannati a morte"
La Cgil incalza di fronte all'ennesimo episodio "Bisogna prendere provvedimenti drastici e urgenti affinché i colleghi vengano tutelati"
Accolte le istanze dei difensori del 31enne, di Spadola. Il Tribunale di Messina ha ritenuto inammissibile la richiesta della Dda
Accusati in concorso tra di loro di peculato, erano stati arrestati nell'ambito di un'inchiesta della Guardia di finanza. Accolte le le richieste della difesa
RUBRICHE

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved