Ergastolo ostativo, la vedova Fortugno: “Sì a misure eccezionali contro le mafie”

"Io ritengo che le mafie non siano un fenomeno criminale come gli altri e, pertanto, lo Stato non può affrontare un’emergenza del genere utilizzando strumenti ordinari ma deve fare ricorso a misure eccezionali, come l’ergastolo ostativo"

“In queste settimane, in cui la Corte costituzionale è impegnata ad affrontare il delicato nodo dell’ergastolo ostativo, il dibattito pubblico sembra essersi finalmente ricordato dell’esistenza delle mafie, argomento sparito dai radar dei mass media e della politica, nonostante la pandemia stia facendo un grande favore alla criminalità organizzata, specie quella dedita all’usura”. Ad affermarlo è Maria Grazia Laganà Fortugno, già deputata della Repubblica e vedova di Francesco Fortugno, il vicepresidente del Consiglio regionale della Calabria ucciso dalla ‘ndrangheta il 16 ottobre 2005.

“Le mafie non sono un fenomeno criminale normale”

“Le mafie non sono un fenomeno criminale normale”

“La mia posizione al riguardo continua –  resta la stessa che ebbi modo di esprimere, circa un anno e mezzo fa, dopo la pronuncia della Cedu. Io ritengo che le mafie non siano un fenomeno criminale come gli altri e, pertanto, lo Stato non può affrontare un’emergenza del genere utilizzando strumenti ordinari ma deve fare ricorso a misure eccezionali, come l’ergastolo ostativo”. Secondo l’ex parlamentare di Locri, “la repressione dei fenomeni criminali da parte dello Stato impone la certezza delle pene in un difficile bilanciamento con le garanzie individuali. Tuttavia mi domando: qual è il valore che merita di essere tutelato di più, la sicurezza dei cittadini o la libertà di un affiliato che non si pente e che perciò resta fedele all’anti-Stato? Rimettere in libertà un mafioso non pentito offende della memoria delle vittime innocenti della criminalità, dei magistrati e del personale delle forze dell’ordine che hanno perso la vita a difesa della libertà di tutti. Pensare che possa tornare alla propria vita un mafioso che si è macchiato di decine, se non di centinaia, di delitti, mina alle fondamenta la fiducia dei cittadini nello Stato di diritto. E invece – conclude Maria Grazia Laganà Fortugno – va fatto comprendere il messaggio che essere mafiosi è ingiusto e sbagliato e che perciò chi intraprende quella strada è destinato al carcere a vita”.

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
Depositata la richiesta firmata dal gruppo consiliare del Pd e dai capigruppo del Movimento Cinquestelle e del Misto
Il format, con la presenza di alcuni protagonisti della salute, della sanità e dello sport, prevede  due panel dal 24 al 29 maggio
Il ricordo dell'ufficiale dei carabinieri, tra i pochi di cui il giudice si fidava: "In macchina avrei potuto esserci anche io se non fossi tornato prima in Sicilia"
E' accusato di tentata estorsione: avrebbe anche rovesciato una bottiglia di benzina sulla madre minacciandola di darle fuoco
Era stata presentata dalla Direzione distrettuale antimafia. Non si ripartirà da zero: dichiarati efficaci tutti gli atti compiuti finora
Attivo nel settore del commercio all’ingrosso di prodotti alimentari, il profilo criminale emerso nelle operazioni “Il Padrino” e “Gotha”
rinascita scott
La Corte d'assise di Catanzaro ricostruisce uno dei più efferati fatti di sangue commessi nel Vibonese dalla 'ndrangheta. Decisiva anche un'intercettazione
LA SENTENZA
La Corte di appello di Catanzaro ha riformato la sentenza di primo grado nei confronti dell'imputato accusato di maltrattamenti e lesioni
RUBRICHE

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved