Gioia Tauro, ai domiciliari con braccialetto elettronico ma con allaccio abusivo alla corrente

Numerosi i controlli effettuati e tra questi, un cittadino del posto, sottoposto agli arresti domiciliari con l’obbligo del braccialetto elettronico

I militari della Stazione Carabinieri di Gioia Tauro, nei giorni scorsi, hanno effettuato un mirato servizio di controllo ai soggetti sottoposti a misura cautelare o detentiva presso la propria abitazione. Numerosi i controlli effettuati e tra questi, un cittadino del posto, sottoposto agli arresti domiciliari con l’obbligo del braccialetto elettronico, è stato trovato con un allaccio abusivo alla corrente elettrica.

In particolare, i militari hanno riscontrato che, benché il braccialetto e la sua stazione di collegamento fossero regolarmente funzionanti, l’energia elettrica veniva portata presso l’abitazione da un allaccio abusivo, effettuato manomettendo il contatore della società elettrica. A quel punto, i militari hanno deciso di approfondire il controllo sulla regolarità degli allacci alla rete, anche presso un bar gestito dalla moglie dell’uomo riscontrando, anche in questo caso, come l’allaccio alla rete elettrica fosse abusivo. A supporto, i militari gioiesi hanno richiesto l’intervento di una squadra specializzata della società elettrica la quale, dopo le opportune verifiche, ha stimato un danno complessivo per circa 15.000 euro. Sempre nel corso dei controlli ai soggetti sottoposti a misure, i militari gioiesi hanno segnalato alla Procura di Palmi un uomo che, benché sottoposto agli arresti domiciliari, era poco distante dall’abitazione, a chiacchierare con due soggetti, entrambi identificati. I militari, inoltre, hanno segnalato alla Prefettura di Reggio Calabria, quali assuntori, due soggetti italiani, trovati in possesso di modiche quantità di hashish e marijuana.

In particolare, i militari hanno riscontrato che, benché il braccialetto e la sua stazione di collegamento fossero regolarmente funzionanti, l’energia elettrica veniva portata presso l’abitazione da un allaccio abusivo, effettuato manomettendo il contatore della società elettrica. A quel punto, i militari hanno deciso di approfondire il controllo sulla regolarità degli allacci alla rete, anche presso un bar gestito dalla moglie dell’uomo riscontrando, anche in questo caso, come l’allaccio alla rete elettrica fosse abusivo. A supporto, i militari gioiesi hanno richiesto l’intervento di una squadra specializzata della società elettrica la quale, dopo le opportune verifiche, ha stimato un danno complessivo per circa 15.000 euro. Sempre nel corso dei controlli ai soggetti sottoposti a misure, i militari gioiesi hanno segnalato alla Procura di Palmi un uomo che, benché sottoposto agli arresti domiciliari, era poco distante dall’abitazione, a chiacchierare con due soggetti, entrambi identificati. I militari, inoltre, hanno segnalato alla Prefettura di Reggio Calabria, quali assuntori, due soggetti italiani, trovati in possesso di modiche quantità di hashish e marijuana.

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
L'appuntamento è per domenica 16 giugno e al centro dell'iniziativa ci sarà la terza età. Il titolo è già tutto un programma: "Siamo tutti anziani"
Secondo quanto raccontato da "Basta vittime sulla statale 106": il conducente della vettura sbalzato fuori dall'abitacolo e incastrato nel guardrail
Ci sono anche due deputati calabresi tra i parlamentari sanzionati dall'ufficio di presidenza della Camera dei deputati
Soddisfazione da parte del presidente di Coldiretti Calabria Franco Aceto: "Ma non basta, la mobilitazione continua"
l'inviato
Centinaia di chilometri di arenile ubicati a ridosso della statale 18 invasi da erbacce, rifiuti e liquami fognari
L'Intervista
Il testo licenziato dal Senato - spiega il governatore della Calabria al Corriere della Sera - è un buon testo, ma deve essere migliorato”
I messaggi social con la firma delle “Brigate Rosse” diretti a due cosiddetti "diarchi fascisti": "Siete condannati a morte"
La Cgil incalza di fronte all'ennesimo episodio "Bisogna prendere provvedimenti drastici e urgenti affinché i colleghi vengano tutelati"
Accolte le istanze dei difensori del 31enne, di Spadola. Il Tribunale di Messina ha ritenuto inammissibile la richiesta della Dda
Accusati in concorso tra di loro di peculato, erano stati arrestati nell'ambito di un'inchiesta della Guardia di finanza. Accolte le le richieste della difesa
RUBRICHE

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved