Gli studenti del liceo ‘Siciliani’ di Catanzaro in scena con ‘Otello, l’ultimo bacio’

Lo spettacolo, patrocinato dalla Camera di Commercio e dal comitato provinciale Fita di Catanzaro, ha vantato la collaborazione della compagnia di Teatro Stabile 'A regola d’arte'
liceo siciliani-alt

Ottima performance quella degli studenti del liceo ‘Siciliani’ di Catanzaro che, stamattina, hanno portato sul palco del Teatro Comunale l’opera musical ‘Otello, l’ultimo bacio’ con la regia di Tiziana De Matteo. Lo spettacolo, patrocinato dalla Camera di Commercio e dal comitato provinciale Fita di Catanzaro, ha vantato la collaborazione della compagnia di Teatro Stabile ‘A regola d’arte’ che ha già realizzato il musical all’Abbazia Benedettina e al Teatro Comunale Grandinetti di Lamezia. Un lavoro che ha visto e continua a vedere impegnati decine di giovani degli istituti superiori del territorio.

Rivisitato il dramma di Shakespeare

Rivisitato il dramma di Shakespeare

“Il dramma di Shakespeare – si legge in una nota – è stato rivisitato grazie a una regia che ha contestualizzato l’antica tematica del dramma della gelosia, purtroppo più attuale che mai. I ragazzi hanno ballato sulle musiche di Fabrizio Voghera e Francesco Antimiani. La rappresentazione del musical ha entusiasmato e appassionato non solo gli attori in erba sul palco ma anche gli studenti del liceo che con grande attenzione e interesse hanno seguito lo spettacolo. Un’occasione per i ragazzi del Siciliani di esprimere talento e anche per lanciare un messaggio forte e inequivocabile: ‘No alla violenza sulle donne'”.

L’educazione e il rispetto verso l’altro

Un tema che è stato il filo conduttore del talk svoltosi dopo lo spettacolo con la partecipazione della senatrice Silvia Vono e della professoressa Gianna Nicastri, docente del liceo classico Fiorentino di Lamezia. L’istituto lametino ha già portato in scena il musical, collaborando alla sua realizzazione durante il lockdown tramite i webinar e la dad. Stamattina, gli studenti del ‘Siciliani’ hanno interagito con le ospiti formulando delle domande sul fenomeno della violenza di genere.

Vono e Nicastri hanno posto l’accento sull’ “importanza dell’educazione e del rispetto verso l’altro che deve iniziare fin dalla tenera età. A tal proposito, hanno un ruolo determinante nella formazione dei futuri uomini e delle future donne sia la famiglia che la scuola. Inoltre serve un cambio di mentalità culturale che scardini gli ultimi stereotipi, i vecchi archetipi che ancora resistono sulla presunta supremazia maschile, sull’atavico ruolo subalterno della donna, sui tanti traguardi conquistati dal genere femminile che i ‘maschi vecchio stampo’ ancora non riescono ad accettare. Il percorso è avviato, certamente è lungo e complesso, ma non impossibile”.

“Necessaria la presenza delle istituzioni sul territorio”

“Serve la presenza delle istituzioni sul territorio, così come servono gli esempi tangibili dell’inversione di rotta di una società dove non è più tollerabile che ogni giorno una o più donne siano uccise dall’uomo che giurava di amarle”. La senatrice e la docente si sono trovate d’accordo sul fatto che “il teatro, le arti in genere abbiano una grande valenza formativa sulle giovani generazioni che recitando, ballando, componendo musica, contribuendo a mettere in scena un qualsiasi lavoro su questa tematica, aprono la loro mente su principi e valori quali la libertà e la parità fra i generi”.

“Il triste fenomeno della violenza, del femminicidio si può fronteggiare solo con la conoscenza e la formazione oltre che con la creazione di una rete di operatori qualificati che nei vari ambiti offrono gli strumenti adeguati alle vittime per poter riscattare la propria esistenza”.

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
Il Pontefice si è recato negli studi Rai per registrare un intervento all'interno del programma "A sua immagine"
Kevin Murataj, insieme ai compagni di classe e agli insegnanti, stava lasciando una pizzeria per proseguire la serata in discoteca
Il rogo si è sviluppato nel primo pomeriggio di sabato. La colonna di fumo visibile a diversi chilometri di distanza
L'uomo è stato colpito davanti al portone di casa. Trasportato d'urgenza in ospedale, è deceduto poco dopo il suo arrivo
La tecnica è quella di lanciare involucri con droga e telefonini nei pressi dei cortili, dove i detenuti svolgono le ore di aria e socialità"
La giovane è stata soccorsa da un passante, che l'ha vista uscire scalza e barcollante da un parco
I parenti della giovane hanno riferito che il corpo presentava ferite multiple alla testa che potrebbero essere state inferte con un machete
Il piccolo comune, in cui da sempre c'é stata una presenza pervasiva della 'ndrangheta, potrà contare su un importante presidio di legalità e sicurezza
Protagonista della vicenda una donna di 86 anni. Si sono rivelate decisive le indicazioni fornite dell'operatore
Accade spesso che visitatori della montagna si avvicinino con contatto agli stessi, creando però un danno irreversibile. Il tocco, infatti, lascia sui piccoli un profumo che la madre non riconosce più
RUBRICHE

Calabria7 utilizza cookie, suoi e di terze parti, per offrirti il miglior servizio possibile, misurare il coinvolgimento degli utenti e offrire contenuti mirati.

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2023 © All rights reserved