Prof picchiato per una nota a scuola: “Nessuno è intervenuto, non me la sento di tornare”

Non sembra pensarla allo stesso modo la dirigente scolastica dell'istituto: "Quello che lui ha dichiarato non corrisponde al vero"
prof picchiato

Un docente di diritto ed economia nell’Istituto ‘Majorana’ di Bari ha denunciato di aver subito un’aggressione in aula da due persone che hanno fatto irruzione e lo hanno schiaffeggiato per punirlo di una nota in condotta messa poco prima ad una sua studentessa. Il fatto, secondo l’ANSA, sarebbe successo il 23 settembre scorso e i due uomini sono già stati identificati.

Il docente aveva ripreso la studentessa che dopo essere arrivata in ritardo disturbava la lezione con il suo comportamento. Quando l’insegnate le ha messo la nota, la studentessa gli ha promesso vendetta e alla terza ora, sarebbe avvenuta l’aggressione. Secondo il racconto del docente, i due uomini hanno fatto irruzione nella sua aula salendo indisturbati al primo piano dell’edificio scolastico, lo hanno aggredito minacciandolo di ulteriori ritorsioni se avesse sanzionato nuovamente la ragazza.

Il docente aveva ripreso la studentessa che dopo essere arrivata in ritardo disturbava la lezione con il suo comportamento. Quando l’insegnate le ha messo la nota, la studentessa gli ha promesso vendetta e alla terza ora, sarebbe avvenuta l’aggressione. Secondo il racconto del docente, i due uomini hanno fatto irruzione nella sua aula salendo indisturbati al primo piano dell’edificio scolastico, lo hanno aggredito minacciandolo di ulteriori ritorsioni se avesse sanzionato nuovamente la ragazza.

Il prof: “Sto valutando il congedo”

Vincenzo Amorese ha 57 anni, 17 di insegnamento alle spalle, 16 dei quali in Nord Italia. “Non mi era mai accaduto nulla del genere prima e sono preoccupatissimo del fatto che chi mi ha aggredito sia riuscito tranquillamente a raggiungere il primo piano dell’edificio scolastico senza alcun tipo di filtro” e “con un enorme senso di impotenza e nel silenzio anche del personale scolastico”, denuncia. Amorese ora ha un occhio nero, ma sicuramente è il suo stato psicologico a non consentirgli di tornare a scuola per fare il proprio lavoro. “Sto valutando un congedo, al momento non me la sento di tornare lì dove ho seriamente rischiato un trauma cranico per il sol fatto di aver esercitato le mie funzioni di docente” ammette l’uomo.

La versione della dirigente scolastica

Non sembra pensarla allo stesso modo la dirigente scolastica dell’istituto. “Ci sono ancora indagini in corso, per cui non posso essere dettagliata. Io ho comunque approfondito la vicenda – ha detto – ascoltando le alunne. Quello che lui ha dichiarato non corrisponde al vero. Per niente. Lui ha avuto dei comportamenti che non sono consoni ad un docente”. “Questo è quello che emerge dalle mie indagini e poi tra l’altro – afferma la dirigente – i genitori della ragazza hanno fatto una denuncia ai carabinieri dove hanno fatto altre dichiarazioni. Da parte nostra c’è la massima collaborazione con le forze dell’ordine”. Il docente, come confermato dalla dirigente scolastica, dopo la presunta aggressione, avvenuta il 23 settembre scorso, non è ancora rientrato a scuola.

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
Due le operazioni di salvataggio, la segnalazione arrivata da Alarm Phone. Chiesto un porto sicuro più vicino possibile
L'assassino lo aspettava sotto la sua abitazione, forse aiutato da un complice
Il caso
Sulla spinosa vicenda Calabria7 ha chiesto il parere del noto legale vibonese che dopo aver studiato le carte è arrivato a questo risultato
Il giovane, italiano di origine marocchina, stava spingendo a mano il suo veicolo per prendere al volo il bus con gli amici, ma è stato centrato dal mezzo pubblico
Il tecnico di Cessaniti, attuale ct della Slovacchia, potrebbe guidare gli azzurri con il fido Hamsik come vice
l'analisi
40 gol segnati e 36 subiti: dopo venticinque giornate di campionato, le cifre definiscono bene le due facce del Catanzaro
La relazione all'Istituto scolastico: "In classe non si riconosce il rispetto per le persone o le regole"
"La lotta instancabile condotta dai lavoratori ha dato i suoi frutti dopo oltre un anno di impegno e determinazione"
Quattro i veicoli coinvolti nel tamponamento. Traffico bloccato in direzione nord
Sul posto sono giunti i mezzi del 118, ma per il giovane - italiano di famiglia marocchina - non c'è stato nulla da fare
RUBRICHE

Calabria7 utilizza cookie, suoi e di terze parti, per offrirti il miglior servizio possibile, misurare il coinvolgimento degli utenti e offrire contenuti mirati.

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved