Calabria7

Pugliese-Ciaccio, Procopio replica alla Granato: “Mai rifiutata l’assistenza ai non vaccinati”

procopio pugliese ciaccio

“Ho letto con attenzione e stupore l’articolo relativo alla denuncia della senatrice Granato. Dall’atto del mio insediamento, risalente a circa un anno fa, ho potuto toccare con mano non solo l’indiscussa professionalità degli operatori del ‘Pugliese-Ciaccio’ ma anche l’altissimo senso civico dimostrato dagli stessi nel corso della pandemia tanto da assurgere a punto di riferimento centrale e insostituibile all’interno del sistema sanitario calabrese che, con tutte le sue criticità, ha fornito e sta fornendo risposte importanti ai cittadini di questa regione”.

È quanto afferma il commissario straordinario dell’Azienda ospedaliera Pugliese-Ciaccio di Catanzaro Francesco Procopio, il quale replica alle dichiarazioni della senatrice Bianca Laura Granato (LEGGI QUI).

“Mai rifiutata assistenza ai pazienti”

“Nonostante fossi assolutamente convinto della strumentalità delle affermazioni contenute nell’articolo – prosegue Procopio -, il mio ruolo istituzionale mi ha comunque imposto di verificare quanto sostenuto dalla senatrice Granato al fine di poter ribadire l’assoluta correttezza, sotto il profilo deontologico ed etico, di quanti operano nella più importante realtà assistenziale della città e, probabilmente, della regione. Al Pugliese-Ciaccio non è mai stata rifiutata l’assistenza a nessuno e lo dimostrano la sua storia e le decine di ricoveri che quotidianamente vengono effettuati oltre i posti letti disponibili per evitare che malati gravi – senza fare alcuna differenza tra vaccinati e non vaccinati – non trovino le risposte ai loro bisogni di salute – che solo questo grande ospedale può garantire – evitando il trasferimento in strutture meno attrezzate”.

“Anche in Calabria lavorano eccellenti professionisti”

“Come la senatrice Granato certamente saprà – aggiunge Procopio -, durante la pandemia il Pugliese-Ciaccio – oltre ad assicurare tutta l’assistenza necessaria ai pazienti affetti da Covid – ha implementato il numero degli interventi chirurgici per patologie oncologiche complesse limitando i disagi di chi, altrimenti, avrebbe dovuto, per scelta o necessità, recarsi fuori regione. Non tutto va per il meglio e i problemi da risolvere sono enormi ma tanti calabresi, pur nella difficoltà del momento, hanno potuto sperimentare che anche in Calabria lavorano eccellenti professionisti e che esiste la possibilità di curarsi nella propria terra”.

“La senatrice Granato stia serena”

“La senatrice Granato stia, pertanto, assolutamente serena – conclude Procopio -, perché l’ospedale Pugliese-Ciaccio continuerà, come ha sempre fatto, a erogare cure e servizi senza alcuna discriminazione – nel rispetto delle leggi e dei provvedimenti emanati dalle autorità nazionali e regionali – nell’interesse primario di  chi soffre”.

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Ferro: “Fratelli d’Italia è primo partito a Lamezia”

manfredi

La mani della ‘ndrangheta sull’Asp di Catanzaro, in 11 scelgono l’abbreviato (NOMI)

Gabriella Passariello

Elezioni regionali in Calabria, caos conteggi a Lega batte i piedi: “Ci spetta il quinto seggio”

Maria Teresa Improta
Click to Hide Advanced Floating Content
Click to Hide Advanced Floating Content