Calabria7

Scomparsa Catricalà, il cordoglio delle istituzioni. Abramo: “Perdo un amico”

“Sono profondamente dispiaciuto e addolorato per la scomparsa di Antonio Catricalà”. Lo ha detto il sindaco di Catanzaro, Sergio Abramo. “La notizia mi ha lasciato di stucco, perché oggi ho perso un amico, una persona che conoscevo fin dall’infanzia, un catanzarese ancora legatissimo alla sua città, sempre sincero, affabile, attento e disposto al confronto”. Accennando ai tanti importanti incarichi ricoperti nel corso di una carriera pubblica “importantissima e autorevole, da viceministro, garante dell’Antitrust e sottosegretario alla Presidenza del Consiglio dei ministri”, Abramo ha sottolineato che Catricalà è stato una figura che “ha onorato e riempito d’orgoglio la sua città e la Calabria. Alla famiglia rivolgo, anche a nome di tutta l’amministrazione comunale, il più sentito e commosso cordoglio”.

Aeroporti di Roma esprime “sgomento, enorme dolore e profondo cordoglio per l’improvvisa scomparsa del presidente della società, prof. Antonio Catricalà. Tutti i dipendenti del Gruppo Adr si stringono intorno alla sua famiglia e ai sui cari”. È quanto si legge in una nota della società.

“Grande amico, grande servitore dello Stato, Antonio Catricalà lascia un incolmabile vuoto in tutti quelli che lo hanno conosciuto e hanno avuto l’onore e il privilegio di lavorare con lui. È un dolore fortissimo”. Lo scrive in un post il ministro per la Pubblica Amministrazione, Renato Brunetta.

Antonio Catricalà, scomparso oggi, “è stato un servitore dello Stato, uomo di governo, una persona che ha illustrato in modo incredibile e positivo il Paese”. Lo ha detto Antonio Tajani, coordinatore di Forza Italia, a margine di una conferenza stampa. “La sua tragica fine ci colpisce – ha aggiunto – Ci mancherà”.

“Siamo sgomenti, sconvolti e addolorati per la morte di Antonio Catricalà. Fine giurista, uomo di Stato che ha saputo rappresentare le Istituzioni con disciplina e onore. Mancherà profondamente alla comunità politica di Forza Italia, mancherà all’Italia. Alla famiglia le più sentite condoglianze”.   Lo scrive in una nota Giorgio Mulè, deputato di Forza Italia e portavoce dei gruppi azzurri di Camera e Senato

“Ho sentito fino a ieri al telefono Antonio Catricalà. I suoi pareri giuridici, le sue opinioni sempre garbate e centrate, la sua serietà e la sua ineguagliabile sapienza giuridica ne hanno fatto un riferimento prezioso per coloro che hanno potuto fruire della sua amicizia, della sua competenza, della sua grandissima esperienza. Quando ho avuto responsabilità di governo e Antonio era segretario generale della presidenza del consiglio, il suo apporto nell’affrontare complessi passaggi legislativi fu fondamentale”. Così il senatore di Forza Italia Maurizio Gasparri sulla morte di Antonio Catricalà.     “Quando fu Sottosegretario alla presidenza con il governo Monti la sua presenza fu decisiva per conservare difficili equilibri, in una fase di estrema difficoltà per l’Italia. Alla guida dell’Antitrust e ovunque abbia svolto le sue funzioni di insigne giurista ha agito con saggezza e equilibrio. Un uomo a cui rivolgere domande complesse, al quale chiedere un consiglio, sempre attento anche per cose di minore rilevanza. Ieri l’ultima telefonata per parlare della crisi del turismo a Roma, giorni fa nel suo studio per ascoltare categorie alle prese con controversie amministrative. E quando in questi giorni si parlava del governo, evocato da tanti, escludeva deciso ogni forma di coinvolgimento. Proposto anni fa per la Corte Costituzionale, che avrebbe fruito della sua grande cultura, lo votammo convinti, ma taluni, sbagliando, fecero mancare per poco il quorum. Antonio si chiamò fuori, pregando di non insistere sul suo nome, che avrebbe invece dato lustro alla Corte. Sono sgomento e mi stringo alla moglie, alla famiglia, a quanti hanno condiviso l’amicizia di un uomo che ha onorato le istituzioni, la dottrina giuridica, l’Italia e la sua Calabria, di cui è stato uno dei rappresentanti più insigni”, conclude.

“Antonio Catricalà era un uomo dalla mente sopraffina. Per ogni problema aveva la soluzione. Per ogni idea un progetto. Colto, saggio, capace ma soprattutto generoso. Lascia un vuoto enorme nei nostri cuori e in quell’Italia che vuole farcela e alla quale si è sempre dedicato”. Lo scrive su twitter Anna Maria Bernini, presidente dei senatori di Forza Italia.

Le mie più sentite condoglianze alla famiglia, agli amici e ai colleghi del prof. Antonio Catricalà. È stato un grande uomo delle istituzioni in tutti i ruoli svolti sempre con grande professionalità. Coniugava sapienza tecnica e acuta sensibilità politica. Conservo come un ricordo prezioso e formativo la comune esperienza durante il governo Letta”. Lo dice il deputato di LeU Stefano Fassina.

La Giustizia amministrativa tutta si stringe intorno alla famiglia dell’avvocato Antonio Catricalà, già presidente di sezione del Consiglio di Stato, ed esprime il profondo cordoglio dei magistrati e del personale”. Lo si legge sul sito istituzionale della Giustizia amministrativa, in cui si esprime “sgomento” per la notizia della “prematura scomparsa”, di Catricalà, che è stato presidente di sezione del Consiglio di Stato dal 2006 al 2014 e consigliere dal 1982.

“Addolora e lascia sgomenti la notizia della morte di Antonio Catricalà. La perdita di un uomo che ha dedicato, con passione, la vita alle istituzioni lascia un vuoto profondo”. Lo dichiara la presidente dei deputati di Italia Viva Maria Elena Boschi, che aggiunge: “Da magistrato del Consiglio di Stato come da componente degli esecutivi di Mario Monti e Enrico Letta, da Garante dell’Autorità Antitrust e, infine, da presidente dell’Oam e di Aeroporti di Roma, ha mostrato o professionalità e rigore”.     “Il suo contributo alla vita pubblica del Paese ha lasciato un’impronta che non sarà cancellata dal tempo. Così come non verrà meno il ricordo della sua passione e del suo garbo. Alla sua famiglia – conclude Boschi – esprimo le più sincere condoglianze”.

“L’improvvisa morte di Catricalà mi addolora profondamente”. Lo afferma Mariastella Gelmini, ministro per gli Affari regionali e le autonomie. “Conoscevo Antonio da tantissimi anni, e ne ho sempre apprezzato l’intelligenza, la dedizione ai delicati ruoli che ha ricoperto durante la sua carriera, la cultura del lavoro, il senso dello Stato. Perdiamo una personalità di assoluto valore e un uomo delle istituzioni. Cordoglio e vicinanza alla famiglia in questo bruttissimo momento”, conclude.

Il direttore generale dell’Enac, Alessio Quaranta, “a nome del consiglio di amministrazione e di tutti i dipendenti dell’Ente, esprime profondo cordoglio per l’improvvisa scomparsa di Antonio Catricalà, presidente di Aeroporti di Roma, società di gestione degli scali romani”.
L’Enac, prosegue, “esprime le condoglianze e la sentita vicinanza alla famiglia e a tutti i dipendenti di Adr per la perdita di una persona di elevata sensibilità e di stimata professionalità, che ha sempre ricoperto i propri ruoli con passione, competenza e dedizione al lavoro”.

“Antonio Catricalà ha rappresentato l’Italia della conoscenza, della competenza, del valore. La notizia della sua scomparsa raggela il cuore”.  Così in una nota congiunta il gruppo di Forza Italia al Senato. “Ha dato tanto al suo Paese, che ha onorato e servito con capacità uniche e una generosità straordinaria. In un momento in cui tutte le forze migliori si mettono insieme per tratteggiare un futuro di crescita e rinascita, Catricalà avrebbe potuto dare il suo contributo di esperienza, saggezza, intelligenza”, aggiungono i senatori azzurri. “Il vuoto che lascia è incolmabile. Alla famiglia, agli amici e a tutte le persone che gli hanno voluto bene va tutta la nostra vicinanza in questo momento di dolore profondo”.

“Sono profondamente colpito dalla notizia della tragica scomparsa di Antonio Catricalà, sono addolorato per questo lutto. Perdiamo un grande uomo, che ha dedicato anni della vita lavorando nelle istituzioni per l’Italia e per gli italiani, senza mai apparire, in silenzio, con serietà, competenza e passione. Una preghiera per lui, condoglianze alla sua famiglia. Lo afferma Roberto Calderoli, Vice Presidente del Senato.

Sono rimasta incredula e scioccata dinanzi alla notizia della tragica scomparsa di Antonio Catricalà. Grande servitore dello Stato, fu anche sottosegretario alla presidenza del Consiglio. Con profondo rispetto, porgo alla famiglia le mie più sentite condoglianze”. Lo scrive su Twitter la presidente di Fratelli d’Italia, Giorgia Meloni.

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Maltempo a Crotone, si butta dall’elicottero per salvare una donna intrappolata nell’auto (VIDEO)

Antonio Battaglia

In casa con 35mila euro di cocaina e marijuana, in manette 30enne cosentino

Giovanni Bevacqua

Casa di cura Misasi, la denuncia della Cgil: “Basta contratti pirata”

Giovanni Bevacqua
Click to Hide Advanced Floating Content
Click to Hide Advanced Floating Content