Sit-in degli ex lsu-lpu alla Cittadella. “Ci hanno portato alla fame” (FOTO-VIDEO)

A sostenere la battaglia portata avanti dai lavoratori anche diversi sindaci
lsu-lpu-alt

L’Usb è stato in piazza stamattina al fianco degli ex lsu-lpu. Nello spazio antistante la Cittadella regionale, infatti, si è svolto un sit-in nel corso del quale gli ex lavoratori socialmente utili e di pubblica utilità hanno chiesto certezze sul proprio futuro. “Così non possiamo più andare avanti” hanno detto gli stessi ex lsu-lpu. “È da 26 anni che lavoriamo come schiavi nei vari enti e adesso ci hanno portato alla fame”. A sostenere la battaglia portata avanti dai lavoratori anche diversi sindaci.

Le richieste dell’Usb

Le richieste dell’Usb

L’Usb chiede l’“attivazione di tutte le procedure necessarie per trasformare questi contratti in full-time” e “garantire uno stipendio dignitoso a chi, in tutti questi anni, ha permesso alla macchina pubblica di erogare servizi alle nostre comunità”. Chiede inoltre che “per tutto il periodo di attività in cui questi lavoratori sono stati impiegati come lsu e lpu il riconoscimento dei contributi previdenziali”.

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
operazione svevia
L'uomo era stato arrestato l’accusa di partecipazione ad associazione volta al traffico di stupefacente, ma si è sempre proclamato innocente
Lo ha rilevato Assoutenti, che ha analizzato gli ultimi prezzi al pubblico comunicati dai gestori al Mimit e pubblicati sul sito del ministero
Gli atenei pubblici e il presidente della Regione insieme per offrire formazione di avanguardia e qualità, diritto allo studio a tutti, con i vantaggi economici non previsti dalle costose università private
L’ente bilaterale del turismo è un’associazione no profit che eroga servizi ai lavoratori e alle imprese aderenti allo stesso
Una circolare del ministero della Salute ha sollevato il problema rispetto a questa sostanza
Appuntamenti in favore delle famiglie e soprattutto dei più piccoli per trascorrere in serenità il fine settimana
Per lui non c'è stato nulla da fare. La Procura ha aperto un'inchiesta per ricostruire quanto accaduto
Nove tifosi della squadra rossoblù colpiti da Daspo, nei confronti di due indagati si ipotizza anche la rissa
Resta un disperso. Tre i feriti, due gravi, ma non in pericolo di vita
RUBRICHE

Calabria7 utilizza cookie, suoi e di terze parti, per offrirti il miglior servizio possibile, misurare il coinvolgimento degli utenti e offrire contenuti mirati.

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved