Sulla spiaggia di Crotone scarpette e peluche con le sigle dei bambini morti

L'iniziativa nasce per commemorare i bambini, ma anche le tante persone morte nella tragedia di Cutro
Crotone scarpette e peluche

Ad un mese dal naufragio di migranti a Steccato di Cutro la Rete 26 febbraio ha organizzato una serie di manifestazioni per ricordare le 91 vittime del disastro, soprattutto quei 34 minori, di cui 31 tra 0 e 14 anni, che hanno perso la vita a pochi metri dalla spiaggia. A Crotone scarpette e peluche sparsi sulla strada con accanto le sigle ormai tragicamente conosciute che indicano le vittime del naufragio: KR28M0 o KR03F2 erano alcune delle sigle date alle vittime subito dopo il disastro in attesa del riconoscimento delle salme. Indicano il numero della vittima, il sesso e l’età.

Un’emergenza ancora in corso

Un’emergenza ancora in corso

“Questa iniziativa ad un mese dalla strage – ha detto Manuelita Scigliano, portavoce della Rete 26 febbraio – nasce per commemorare, soprattutto, i bambini ma anche tante persone morte in questa tragedia. Nasce per ricordarci che questa emergenza è ancora in corso: sia l’emergenza di Cutro sia l’emergenza delle morti in mare alle frontiere d’Europa. Continuiamo a gridare forte il nostro basta, mai più morti in mare e soprattutto gridiamo forte di smetterla di criminalizzare i migranti e chi li accoglie”.

Il riferimento è alle parole del Ministro Piantedosi: “Proprio questa mattina – prosegue Scigliano – abbiamo ascoltato una dichiarazione sconvolgente del ministro Piantedosi che accolla la colpa delle morti in mare delle migrazioni a chi accoglie. Seguendo il suo ragionamento sarebbe colpa dei medici se vengono le malattie o dei poliziotti se ci sono crimini. Non capiamo come la cura possa essere l’origine del problema. L’origine del problema è da ricercare molto più in alto, nelle politiche migratorie criminali di chi ha abbandonato paesi in guerra come l’Afghanistan e non garantisce vie legali e sicuri di ingresso in Europa”.

Il pescatore tra i primi a intervenire

Tra i presenti alla manifestazione anche il pescatore Vincenzo Luciano che è stato tra i primi ad intervenire sulla spiaggia di Steccato: “Vedere queste scarpette oggi mi fa ancora più male perché avrei potuto salvare altre persone ma non ci sono riuscito”. In piazza Berlinguer sul lungomare di Crotone c’era anche il medico Orlando Amodeo che è tornato a chiedere verità sull’accaduto: “il ministro Piantedosi deve spiegare perché ci sono queste scarpette qui. Vogliamo sapere perché non sono stati soccorsi, perché questi bambini, questi uomini e donne sono morte in quanto non soccorse”.

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
Si giocherà stasera il primo turno dei playoff. Gara secca e senza ulteriori appelli. Alle Aquile basta un pari per la semifinale
Migliaia di persone in piazza con l'obiettivo è di bloccare il progetto fortemente sponsorizzato dalla Lega e dal governo di centrodestra
Mamma di una bambina, racconta di essere stata licenziata nel 2022 per "riduzione del personale". Il tribunale le ha dato ragione, ma i soldi non sono ancora arrivati
I consiglieri comunali d Giuseppe Dell'Aquila e Antonio Pace chiedono al sindaco Sergio Ferrari di precisare aspetti fondamentali
Il sindaco Pellegrino: "Un atto gravissimo che colpisce un professionista e un amministratore integerrimo"
Inutili i soccorsi dell’equipe sanitaria, intervenuta con l'elisoccorso. Sulla vicenda indagano i carabinieri. Il cane è stato sequestrato
"Non ha trovato la forza né il coraggio di spiegare che produrrà un divario enorme tra Nord e Sud, a livello economico, di servizi e diritti"
Presente anche una folta delegazione di abitanti di Punta Faro in Sicilia e Cannitello a Villa San Giovanni, le aree che saranno espropriate
Progetto “Squadra Mobile”. Operazione di contrasto al fenomeno dell’illecito stoccaggio e smaltimento di rifiuti
l'inviato
L’ex sito industriale sepolto dalle erbacce e a rischio igienico- sanitario. Promessi mega progetti per rilanciare l’area diventata simbolo della decadenza del territorio
RUBRICHE

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved