Calabria7

Traffico beni archeologici dalla Calabria, 23 arresti (SERVIZIO TV)

Traffico beni archeologici. Dalle prime luci dell’alba, in Italia, Regno Unito, Germania, Francia e Serbia è in corso una vasta operazione dei Carabinieri del Comando Tutela Patrimonio Culturale che, con il coordinamento di EUROPOL ed EUROJUST, stanno eseguendo un’ordinanza di applicazione di misure cautelari, emessa dal G.I.P. del Tribunale di Crotone, nei confronti di 23 persone e contestuali attività di perquisizione nei confronti di altri 80 individui, di cui 4 domiciliati all’estero.

Al centro delle indagini, coordinate dalla Procura della Repubblica di Crotone, le attività di una holding criminale. La stessa, da tempo, gestiva un ingente traffico di beni archeologici provento di scavi clandestini in Calabria. E destinati anche all’illecita esportazione all’estero.

Le indagini, avviate nel 2017, hanno permesso di recuperare numerosi reperti archeologici per un valore di diversi milioni di euro.

In carcere Alessandro Giovinazzi, 30 anni di Scandale (Kr) e Giorgio Salvatore Pucci, 58 anni di Cirò Marina (Kr).

Ai domiciliari Leonardo Lecce, 70 anni di Crotone, Raffaele Malena, 72 anni di Cirò Marina, Marco Godano Otranto, 26 anni di Crotone, Renato Peroni, 48 anni di Magnago (Mi), Vincenzo Petrocca, 55 anni di Isola Capo Rizzuto, Aldo Picozzi, 67 anni di Castano Primo (Mi), Domenico Riolo, 37 anni di Scandale (Kr), Dino Sprovieri, 53 anni di Cirò Marina (Kr), Antonio Camardo, 56 anni di Pisticci, Raffaele Gualtieri, 56 anni di Isola Capo Rizzuto (Kr), Santo Perri, 58 anni di Sersale (Cz), Alfiero Angelucci 70 anni di Trevi (Pg);

Enrico Cocchi, di Castano Primo (Mi), Francesco Comito, 30 anni di Rocca di Neto (Kr), Giuseppe Caputo, 42 anni di Dugenta (Bn), Sebastiano Castagnino, 47 anni di Petilia Policastro (Kr), Simone Esposito, 35 anni di Rocca di Neto (Kr), Giuseppe Gallo, 68 anni di Strongoli (Kr), Domenico Guareri, 65 anni di Isola Capo Rizzuto (Kr), Vittorio Kuckiewicz, 72 anni di Fermo (Fm), Franco Lanzi, 67 anni di Norcia (Pg).

Gli arrestati (2 in carcere e 21 ai domiciliari) sono accusati di aver fatto parte, a vario titolo, di un’associazione per delinquere finalizzata alla commissione dei reati di danneggiamento del patrimonio archeologico dello Stato, impossessamento illecito di beni culturali appartenenti allo Stato, ricettazione ed esportazione illecita. Gli 80 decreti di perquisizione hanno riguardato altrettanti soggetti, indagati in stato di libertà.     Al vertice del gruppo criminale, secondo gli investigatori, si collocano due residenti nella provincia di Crotone (il primo a Scandale, il secondo a Ciro’ Marina),
cultori di archeologia e conoscitori dei luoghi in cui reperire materiale archeologico da introdurre illecitamente sul mercato: entrambi sono risultati essere costantemente impegnati nell’attività di ricerca clandestina di reperti e stabilmente collegati nel circuito di commercializzazione.  Le indagini hanno certificato anche collegamenti con alcuni trafficanti di altri Paesi.

In territorio italiano, l’operazione è stata condotta in sinergia con i Comandi provinciali Carabinieri di Crotone, Bari,  Benevento, Bolzano,  Caserta,  Catania, Catanzaro,  Cosenza, Ferrara, Frosinone, Latina, Matera, Milano, Perugia, Potenza, Ravenna, Reggio Calabria, Roma, Siena, Terni,  Viterbo ed il supporto dell’8° Nucleo Elicotteri Carabinieri di Vibo Valentia, dello Squadrone Eliportato “Cacciatori di Calabria” e del Nucleo Cinofili di Vibo Valentia. Oltre 350 i militari impiegati, supportati all’estero dagli investigatori della Metropolitan Police di Londra, della Polizia Criminale del Baden-Württemberg, dell’Ufficio Centrale di Polizia Francese per la lotta al Traffico Internazionale di Beni Culturali e del Servizio Serbo per la Lotta alla Criminalità Organizzata.

Le indagini hanno accertato l’esistenza di un vasto traffico, su scala nazionale ed internazionale, di reperti archeologici provenienti sia da scavi clandestini operati nei siti archeologici di “Apollo Aleo” a Cirò Marina, “Castiglione di Paludi” a Paludi (Cosenza) e nell’area di “Cerasello” (che, seppur non soggetta a vincolo, riveste un indiscutibile interesse archeologico), sia da tante altre aree private nelle province di Crotone e Cosenza.

Nel corso dell’attività investigativa sono stati recuperati diversi reperti archeologici risalenti al IV e al III secolo a.C. rinvenuti nella disponibilità di uno dei capi dell’organizzazione, quali 5 vasi e lucerne in terracotta, piatti con scene di animali, fibule e monili vari; sequestrati anche i mezzi meccanici e le attrezzature tecniche utilizzati per l’escavazione del terreno e per le ricerche archeologiche clandestine. Durante le perquisizioni di oggi sono stati trovati e sequestrati in diverse abitazioni in altre regioni italiane altri reperti provenienti verosimilmente dal Crotonese per un valore di svariati milioni di euro.

Redazione Calabria 7

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Catanzaro, ubriaco su viale Crotone cade e si ferisce alla testa: soccorso

Matteo Brancati

La metamorfosi gentiliana: Tonino definiva Salvini “malato di mente”, ora è il suo leader

Danilo Colacino

Scoperta cava abusiva di inerti nel Catanzarese

manfredi
Click to Hide Advanced Floating Content