Tragedia nei boschi, trovato il corpo senza vita di un cacciatore: ipotesi omicidio

Intervenuti sul luogo del presunto delitto, per ricostruire l'esatta dinamica di quanto accaduto, i Carabinieri e il pm di turno
Castel Bolognese

Un corpo riverso, in mezzo alla vegetazione, con ferite da arma da fuoco. Il cadavere di un uomo è stato trovato tra i frutteti a Castel Bolognese, in provincia di Ravenna, accanto a un gruppo di case nelle campagne lungo via Barignano. Al momento l’ipotesi principale – riferisce il Resto del Carlino –, è quella dell’omicidio. Si tratta di un cacciatore che era uscito nel primo pomeriggio di sabato, portando con sé alcuni fucili regolarmente detenuti. Operaio di mestiere, sulla quarantina, è stato trovato dai familiari. Sul corpo senza vita erano presenti ferite da arma da fuoco. Intervenuti sul luogo del presunto delitto, per cercare di ricostruire l’esatta dinamica di quanto accaduto, i Carabinieri e il pm di turno, Silvia Ziniti. Notizia in aggiornamento. (Foto d’archivio)

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
Dagli atti sono emerse anche violenze e minacce nei confronti dei dirigenti della Spumador Spa, azienda di bevande gassate
L'uomo è accusato di minacce aggravate dall’uso delle armi, simulazione di reato, ricettazione e esplosioni pericolose in luogo pubblico
A Crotone verranno svolte le audizioni con le delegazioni provenienti dai Paesi europei verso i quali hanno chiesto la ricollocazione
L'unico soggetto ritenuto responsabile del delitto rimane Antonio Zuliani il quale aveva tentato di chiamare in causa i due imputati
"Una larga parte degli oneri di sistema serve a finanziare spese che nulla hanno a che vedere con i consumi energetici degli utenti"
"Gli interventi, oltre ad apportare dei miglioramenti in termini di vivibilità degli spazi, produrranno risparmio sui costi energetici"
L'iniziativa è iniziata nel dicembre 2021 con la programmazione di una serata a settimana, in cui i locali aderenti hanno proposto eventi
La ministra Locatelli conoscerà il lavoro che le associazioni svolgono per favorire autonomia e integrazione delle persone con disabilità
"Dopo le prime morti sospette avevamo chiesto di fermare le punture per tutti gli under 60. Si sarebbero potute evitare queste tragedie”
"La foglia d'oro era utilizzata come supporto di un testo che conteneva le istruzioni affinché il defunto potesse orientarsi nell'aldilà"
RUBRICHE

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2023 © All rights reserved

Calabria7 utilizza cookie, suoi e di terze parti, per offrirti il miglior servizio possibile, misurare il coinvolgimento degli utenti e offrire contenuti mirati.