Sospette infiltrazioni della ‘ndrangheta, il governo scioglie il Consiglio comunale di Tropea

La decisione del Consiglio dei ministri adottata dopo la relazione presentata dalla Prefettura di Vibo al termine dell'accesso antimafia
morra

Il Consiglio dei Ministri, nel corso della seduta che si è tenuta nella giornata di oggi a Palazzo Chigi, ha determinato lo scioglimento del consiglio comunale di Tropea per sospetta infiltrazione della ‘ndrangheta. La decisione è avvenuta in base alla relazione della Prefettura di Vibo Valentia.

Lo scorso ottobre il Prefetto di Vibo Valentia, Paolo Giovanni Grieco, aveva inviato la Commissione d’accesso per accertare eventuali infiltrazioni mafiose nella vita dell’Ente o per rintracciare eventuali forme di condizionamento della criminalità organizzata sull’amministrazione anche attraverso legami, rapporti e/o parentele di politici ed impiegati del Comune. I tre commissari che hanno composto la Commissione di accesso agli atti erano il viceprefetto Roberto Micucci, il vice capo della Squadra Mobile di Vibo Ludovico Tuoni ed il maggiore delle fiamme gialle, Carlo Alberto Zambito. Il 24 gennaio il Comune di Tropea è stato formalmente notiziato del provvedimento che prevedeva la proroga della commissione d’indagine fino al prossimo 16 aprile, ovvero a tre giorni dall’avvio della convocazione ufficiale dei comizi elettorali per le consultazioni fissate al 9 giugno.  La commissione ha esaminato atti e documenti amministrativi comunali risalenti fino al 2018, per poi presentare le proprie conclusioni al prefetto di Vibo.

Stop alle elezioni amministrative

Tropea si stava preparando alle elezioni per il sindaco e per il rinnovo del Consiglio comunale previsti per giugno prossimo, ma lo scioglimento determinato dal governo Meloni apre le porte al commissariamento degli organi elettivi dell’ente per un periodo minimo di 18 mesi, saltando quindi il turno elettorale. Per la perla del Tirreno si tratta del secondo scioglimento per infiltrazioni mafiose.

La nota del Consiglio dei ministri

“Il Consiglio dei ministri, su proposta del Ministro dell’interno Matteo Piantedosi, alla luce degli accertati condizionamenti da parte della criminalità organizzata che compromettono il buon andamento dell’azione amministrativa, ai sensi dell’articolo 143 del decreto legislativo 18 agosto 2000, n. 267, ha deliberato lo scioglimento del Consiglio comunale di Tropea e l’affidamento della gestione del Comune, per diciotto mesi, a una Commissione straordinaria”. E’ quanto si legge nel comunicato finale del Cdm.

La reazione del sindaco Macrì

 “Sono molto rammaricato per la decisione del Consiglio dei ministri. So esattamente quello che ho fatto come sindaco e come amministrazione e sinceramente non mi aspettavo un provvedimento del genere”. Così il sindaco di Tropea , Giovanni Macrì, parlando con l’ANSA, commenta lo scioglimento del Comune  per condizionamenti da parte della criminalità organizzata. “Vedremo le motivazioni della decisione – aggiunge Macrì – e stabiliremo il da farsi”.

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
E' stato insignito di ben due premi per i record di pista nella categoria OKN-J, ottenuti nei due circuiti calabresi
Promotrice della manifestazione, il vicesindaco Iemma, con la collaborazione di Sieco e degli assessorati all’Ambiente e Pubblica istruzione
Nonostante il pronunciamento della Corte di Cassazione che aveva annullato con rinvio l'ordinanza cautelare. E' accusato di concorso esterno
storie
Torna alla memoria un vecchio episodio raccontato durante la visita a Catanzaro sul terrazzo del San Giovanni che oggi porta il suo nome
I particolari dell'inchiesta "Arangea" che ha portato all'arresto di 12 persone per associazione mafiosa, estorsione e trasferimento fraudolento di valori
Protagonisti della struggente storia di umana solidarietà il prete degli ultimi don Peppino Fiorillo e il cittadino Ceco Norbert Ludrouoskj
Servizio ad alto impatto della Compagnia Carabinieri di Lamezia. Controlli nelle aree della movida: scattano denunce e sanzioni
La Procura di Catanzaro aprirà un fascicolo d'indagine sull'incidente e nel frattempo ha provveduto a sequestrare i due mezzi coinvolti
Nella puntata andata in onda ieri sera Report ha rispolverato quello che viene definito il quinto scenario, ovvero la pista israeliana
Le indagini hanno permesso di ricostruire dinamiche e assetti di un’articolazione di ndrangheta facente capo ad una “locale” operante nel territorio del comune
RUBRICHE

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved