“Categoria umiliata”, scatta la protesta dei vigili del Fuoco: mobilitazione anche in provincia di Vibo

Il 14 maggio a Roma protesta nazionale Federdistat Cisal: le ragioni dello sciopero nelle parole del segretario provinciale della Cisal, Vitaliano Papillo

“Il Corpo dello Stato più amato dagli italiani ma allo stesso tempo il meno tutelato. Storie di Vigili del Fuoco, di donne e uomini continuamente impegnati nel soccorrere alluvionati, spegnere incendi, tutelare la popolazione, primi ad intervenire in caso di terremoti ed altre catastrofi ed emergenze. Elogiati dalle Istituzioni, dimenticati nel momento in cui bisogna risolvere le criticità che tormentano la categoria”. Vitaliano Papillo, segretario provinciale della Cisal di Vibo Valentia spiega le ragioni della mobilitazione promossa dalla Segreteria generale Federdistat VV.F.

Cisal per il prossimo 14 maggio in piazza Santi Apostoli a Roma. Uno sciopero – spiega- a cui parteciperà anche una folta delegazione della Federdistat Cisal di Vibo, guidata dal segretario provinciale Salvatore Lucà, allo scopo di sensibilizzare la politica, facendo giungere direttamente al Governo e a tutte le forze parlamentari, il grido di malessere del personale dei Vigili del Fuoco. Una categoria che continua a fare i conti con disuguaglianze in campo previdenziale, valorizzazione delle carriere, rinnovo del contratto a cui si aggiunge un’atavica carenza di personale, peraltro aggravata dalle conseguenze dei mutamenti climatici che moltiplicano la frequenza e l’intensità degli interventi di soccorso ordinario. Una sofferenza nazionale e locale – sottolinea – che alle nostre latitudini è legata soprattutto alle piante organiche, sottodimensionate rispetto al territorio. Un problema serio che rischia di diventare insostenibile se guardiamo ai pensionamenti previsti nei prossimi anni. E poi c’è la questione legata ai mezzi non idonei e alle sedi, alcune delle quali desuete. A Serra San Bruno, tanto per citare un esempio, vi è un distaccamento che necessita di importanti lavori di ristrutturazione interni ed esterni così come i mezzi utilizzati, ormai obsoleti. Una sede in grosse difficoltà a causa di un cambio orario applicato al personale passato da H24 ad H12 che ha prodotto così un elevato numero di lavoratori pendolari chiamati a sobbarcarsi ulteriori spese derivanti dal raddoppio dei viaggi per coprire il turno di servizio diurno e notturno. Condizione che bisogna cambiare ripristinando l’orario sulle 24 ore. Insomma – chiosa Papillo – tutte situazioni non più tollerabili che diventano roventi, è proprio il caso di dirlo, nella stagione estiva quando il personale con grande sacrificio e senso di responsabilità è costretto, a causa del mai domo fenomeno degli incendi, a sopperire alle carenze facendo ricorso a estenuanti turni aggiuntivi mettendo a rischio la propria incolumità con l’unico scopo di garantire la tutela e la salvaguardia dei cittadini”.

Cisal per il prossimo 14 maggio in piazza Santi Apostoli a Roma. Uno sciopero – spiega- a cui parteciperà anche una folta delegazione della Federdistat Cisal di Vibo, guidata dal segretario provinciale Salvatore Lucà, allo scopo di sensibilizzare la politica, facendo giungere direttamente al Governo e a tutte le forze parlamentari, il grido di malessere del personale dei Vigili del Fuoco. Una categoria che continua a fare i conti con disuguaglianze in campo previdenziale, valorizzazione delle carriere, rinnovo del contratto a cui si aggiunge un’atavica carenza di personale, peraltro aggravata dalle conseguenze dei mutamenti climatici che moltiplicano la frequenza e l’intensità degli interventi di soccorso ordinario. Una sofferenza nazionale e locale – sottolinea – che alle nostre latitudini è legata soprattutto alle piante organiche, sottodimensionate rispetto al territorio. Un problema serio che rischia di diventare insostenibile se guardiamo ai pensionamenti previsti nei prossimi anni. E poi c’è la questione legata ai mezzi non idonei e alle sedi, alcune delle quali desuete. A Serra San Bruno, tanto per citare un esempio, vi è un distaccamento che necessita di importanti lavori di ristrutturazione interni ed esterni così come i mezzi utilizzati, ormai obsoleti. Una sede in grosse difficoltà a causa di un cambio orario applicato al personale passato da H24 ad H12 che ha prodotto così un elevato numero di lavoratori pendolari chiamati a sobbarcarsi ulteriori spese derivanti dal raddoppio dei viaggi per coprire il turno di servizio diurno e notturno. Condizione che bisogna cambiare ripristinando l’orario sulle 24 ore. Insomma – chiosa Papillo – tutte situazioni non più tollerabili che diventano roventi, è proprio il caso di dirlo, nella stagione estiva quando il personale con grande sacrificio e senso di responsabilità è costretto, a causa del mai domo fenomeno degli incendi, a sopperire alle carenze facendo ricorso a estenuanti turni aggiuntivi mettendo a rischio la propria incolumità con l’unico scopo di garantire la tutela e la salvaguardia dei cittadini”.

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
L'appuntamento è per domenica 16 giugno e al centro dell'iniziativa ci sarà la terza età. Il titolo è già tutto un programma: "Siamo tutti anziani"
Secondo quanto raccontato da "Basta vittime sulla statale 106": il conducente della vettura sbalzato fuori dall'abitacolo e incastrato nel guardrail
Ci sono anche due deputati calabresi tra i parlamentari sanzionati dall'ufficio di presidenza della Camera dei deputati
Soddisfazione da parte del presidente di Coldiretti Calabria Franco Aceto: "Ma non basta, la mobilitazione continua"
l'inviato
Centinaia di chilometri di arenile ubicati a ridosso della statale 18 invasi da erbacce, rifiuti e liquami fognari
L'Intervista
Il testo licenziato dal Senato - spiega il governatore della Calabria al Corriere della Sera - è un buon testo, ma deve essere migliorato”
I messaggi social con la firma delle “Brigate Rosse” diretti a due cosiddetti "diarchi fascisti": "Siete condannati a morte"
La Cgil incalza di fronte all'ennesimo episodio "Bisogna prendere provvedimenti drastici e urgenti affinché i colleghi vengano tutelati"
Accolte le istanze dei difensori del 31enne, di Spadola. Il Tribunale di Messina ha ritenuto inammissibile la richiesta della Dda
Accusati in concorso tra di loro di peculato, erano stati arrestati nell'ambito di un'inchiesta della Guardia di finanza. Accolte le le richieste della difesa
RUBRICHE

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved