‘Ndrangheta a Reggio, la Cassazione accoglie il ricorso del boss Mariano Tegano e ordina il Riesame-bis

Accolte le osservazioni della difesa del figlio di Pasquale Tegano, ritenuto capoclan della storica cosca operante nella città dello Stretto
'ndrangheta reggino

In totale accoglimento delle ragioni giuridiche formulate dal cassazionista Dario Vannetiello e dall’avvocato Francesco Albanese, la seconda sezione della Suprema Corte, nonostante la richiesta di inammissibilità del ricorso formulata dal Procuratore Generale, ha annullato l’ordinanza emessa lo scorso novembre dal Tribunale del Riesame di Reggio Calabria nei confronti di Mariano Tegano, ritenuto il capoclan della storica cosca operante nella città dello Stretto.

Le ipotesi accusatorie e la linea difensiva

Le ipotesi accusatorie e la linea difensiva

L’accusa era quella di aver diretto ed organizzato la omonima cosca operante anche in altri luoghi del territorio nazionale ed all’estero, traendo la fama criminale e capacità assoggettante anche dalle precedenti condotte poste in essere da Pasquale Tegano, padre di Mariano, attualmente ristretto al 41 bis, il regime del carcere duro. Le prove della Direzione distrettuale antimafia di Reggio Calabria, rappresentate dalle dichiarazioni dei collaboratori di giustizia Maurizio De Carlo e Francesco De Giorgi, nonché da plurime prove captative dimostrative anche della asserita partecipazione di Mariano Tegano agli incontri con il boss Carmine De Stefano al momento della sua scarcerazione, apparivano granitiche. Le articolate argomentazioni di diritto  formulate dal collegio difensivo hanno sgretolato il quadro  indiziante, censurando con successo la pur ampia motivazione resa dal Tribunale del Riesame.

Annullamento con rinvio

La Suprema Corte ha annullato con rinvio per nuovo giudizio innanzi al Tribunale reggino,  il quale sarà chiamato a decidere seguendo le indicazioni che saranno tracciate dai giudici capitolini nella sentenza che a breve verrà depositata. “Con la sorprendente decisione assunta dalla Suprema Corte – si legge in una nota diramata dal collegio difensivo – si apre la possibilità di un ritorno in libertà del ritenuto uomo di vertice del clan Tegano, senza sottacere che della sentenza della Cassazione e del successo ottenuto Mariano Tegano  potrà beneficiare nel corso del processo principale”.   

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
L'appuntamento è per domenica 16 giugno e al centro dell'iniziativa ci sarà la terza età. Il titolo è già tutto un programma: "Siamo tutti anziani"
Secondo quanto raccontato da "Basta vittime sulla statale 106": il conducente della vettura sbalzato fuori dall'abitacolo e incastrato nel guardrail
Ci sono anche due deputati calabresi tra i parlamentari sanzionati dall'ufficio di presidenza della Camera dei deputati
Soddisfazione da parte del presidente di Coldiretti Calabria Franco Aceto: "Ma non basta, la mobilitazione continua"
l'inviato
Centinaia di chilometri di arenile ubicati a ridosso della statale 18 invasi da erbacce, rifiuti e liquami fognari
L'Intervista
Il testo licenziato dal Senato - spiega il governatore della Calabria al Corriere della Sera - è un buon testo, ma deve essere migliorato”
I messaggi social con la firma delle “Brigate Rosse” diretti a due cosiddetti "diarchi fascisti": "Siete condannati a morte"
La Cgil incalza di fronte all'ennesimo episodio "Bisogna prendere provvedimenti drastici e urgenti affinché i colleghi vengano tutelati"
Accolte le istanze dei difensori del 31enne, di Spadola. Il Tribunale di Messina ha ritenuto inammissibile la richiesta della Dda
Accusati in concorso tra di loro di peculato, erano stati arrestati nell'ambito di un'inchiesta della Guardia di finanza. Accolte le le richieste della difesa
RUBRICHE

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved