Escalation criminale nel Tirreno cosentino, potenziati controlli e pattugliamenti

"Le modalità intimidatorie hanno determinato nella popolazione una percezione di vulnerabilità contrastante con il normale andamento della quotidianità"

Il comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza si è riunito stamane a Cosenza dopo i pesanti atti intimidatori verificatisi a Diamante e Scalea. Nel primo caso ignoti hanno incendiato due autobus di linea, nel secondo uno stabilimento balneare. La riunione di coordinamento delle forze di polizia, presieduta dal Prefetto Vittoria Ciaramella, si legge in un comunicato diramato dalla prefettura, “ha visto la partecipazione dei sindaci di Diamante e di Scalea, a seguito di due atti incendiari verificatisi nei rispettivi territori. I due sindaci nella circostanza hanno fatto presente che gli episodi in questione hanno avuto un forte impatto visivo per le modalità adoperate, determinando nella popolazione una percezione di vulnerabilità contrastante con il normale andamento della vita di quelle Comunità”.

Potenziati controlli e pattugliamenti

Potenziati controlli e pattugliamenti

“Di qui  – è scritto ancora – la richiesta da parte dei primi cittadini di incidere attraverso una particolare presenza delle forze di polizia sull’aspetto deterrenza riconoscendo, in ogni caso, l’attenzione costante che le stesse dedicano a quei territori in termini preventivi intervenendo anche su quei pubblici esercizi che si rivelino potenziali punti di aggregazione di malavitosi. Il consesso ha dedicato la massima attenzione alle vicende ed alle considerazioni espresse dai primi cittadini, non trascurando i deleteri effetti che gli eventi verificatisi provocano in termini di sicurezza percepita. E’ alla luce di tali considerazioni  – informa la prefettura – che si è stabilita la massima intensificazione dei servizi di controllo del territorio in questione, con pattuglie aggiuntive che consentano la realizzazione di servizi ad alto impatto e con modalità mirate. Inoltre – si evidenzia –  è stato assicurato il massimo impegno anche sul fronte investigativo attraverso indagini stringenti, nella consapevolezza che il fenomeno in questione sia da aggredire subito per non vanificare i successi conseguiti negli ultimi anni contro la criminalità comune ed organizzata in quel territorio”.

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
L'appuntamento è per domenica 16 giugno e al centro dell'iniziativa ci sarà la terza età. Il titolo è già tutto un programma: "Siamo tutti anziani"
Secondo quanto raccontato da "Basta vittime sulla statale 106": il conducente della vettura sbalzato fuori dall'abitacolo e incastrato nel guardrail
Ci sono anche due deputati calabresi tra i parlamentari sanzionati dall'ufficio di presidenza della Camera dei deputati
Soddisfazione da parte del presidente di Coldiretti Calabria Franco Aceto: "Ma non basta, la mobilitazione continua"
l'inviato
Centinaia di chilometri di arenile ubicati a ridosso della statale 18 invasi da erbacce, rifiuti e liquami fognari
L'Intervista
Il testo licenziato dal Senato - spiega il governatore della Calabria al Corriere della Sera - è un buon testo, ma deve essere migliorato”
I messaggi social con la firma delle “Brigate Rosse” diretti a due cosiddetti "diarchi fascisti": "Siete condannati a morte"
La Cgil incalza di fronte all'ennesimo episodio "Bisogna prendere provvedimenti drastici e urgenti affinché i colleghi vengano tutelati"
Accolte le istanze dei difensori del 31enne, di Spadola. Il Tribunale di Messina ha ritenuto inammissibile la richiesta della Dda
Accusati in concorso tra di loro di peculato, erano stati arrestati nell'ambito di un'inchiesta della Guardia di finanza. Accolte le le richieste della difesa
RUBRICHE

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved