Girifalco promossa a “Città”, il decreto con il titolo consegnato in Prefettura a Catanzaro (FOTO)

Il prefetto Enrico Ricci, alla presenza del sottosegretario all’Interno Wanda Ferro, ha conferito l'ambito riconoscimento al sindaco Pietrantonio Cristofaro

Un’eccezionale storia di accoglienza, integrazione e inclusione premiata dal presidente della Repubblica Sergio Mattarella con un ambito titolo. Da oggi Girifalco non è più un semplice Comune della provincia di Catanzaro ma è una città. Il decreto che lo sancisce è stato consegnato questa mattina nelle mani del sindaco Pietrantonio Cristofaro dal prefetto di Catanzaro Enrico Ricci nel corso di una cerimonia alla quale ha preso parte anche il sottosegretario all’Interno Wanda Ferro. “Girifalco ha meritato il titolo di città per la sua storia, per il suo patrimonio artistico e culturale, per il ruolo economico, agricolo, per i servizi che offre anche nel campo sanitario, oltre che per il valore dell’esperienza dell’ospedale psichiatrico in termini di accoglienza e di integrazione. Ringrazio il prefetto Ricci per l’impegno che ha consentito di ottenere questo risultato, e rivolgo ancora le mie congratulazioni a tutta l’Amministrazione comunale e all’intera comunità girifalcese cui sono molto legata”.

Dalla cerimonia in Prefettura alla festa in Municipio

Dalla cerimonia in Prefettura alla festa in Municipio

Vive congratulazioni sono ste espresse dal prefetto Ricci che ha voluto sottolineare l’importanza del titolo di “città” conferito a riconoscimento dell’identità storica e culturale della comunità. Sulla delibera di presentazione dell’istanza il prefetto ha dato parere favorevole il 9 febbraio scorso, dopo avere raccolto gli elementi informativi sia presso il Ministero della Cultura rispetto alle caratteristiche di pregio artistico, storico e culturale, sia presso la Camera di Commercio di Catanzaro rispetto alle attività produttive e commerciali. Il presidente della Repubblica ha quindi emesso il decreto di nomina su proposta del ministro dell’Interno. “L’amministrazione comunale festeggia, oggi, questo risultato con grande entusiasmo. Siamo grati – ha rimarcato il sindaco Cristofaro – a chi ci ha aiutato, il sottosegretario all’Interno Wanda Ferro che, sin da subito, ha sposato la nostra sfida; il prefetto Enrico Ricci e gli uffici della Prefettura, l’assessore alla Cultura Elisabetta Sestito che ha avviato e seguito l’iter, l’intera amministrazione comunale e gli uffici comunali per il prezioso supporto. Il prestigioso riconoscimento ottenuto sarà festeggiato in un’apposita cerimonia in Municipio, alla presenza di tutte le autorità e della cittadinanza, appena saranno i completati i lavori di ristrutturazione dell’aula consiliare”.

Un lungo percorso di accoglienza e inclusione

A seguire la procedura amministrativa all’inizio alla fine è stata l’assessore alla Cultura Elisa Sestito, artefice di una dettagliata relazione con la quale è stata documentata l’importanza assunta da Girifalco nel campo dei servizi, dell’istruzione, dello sport, nonché per la sua storia di accoglienza rappresentata dall’ospedale psichiatrico provinciale, istituito nel 1881 e divenuto uno dei più importanti del meridione d’Italia, tra i primi ad applicare la pratica delle porte aperte e dell’integrazione sociale con l’intera comunità ospitante. Un percorso partito proprio dall’archivio dell’ospedale psichiatrico dove sono ancora presenti oltre 17mila cartelle cliniche, arrivato, attraverso il contributo del sottosegretario Wanda Ferro, al Viminale con il ministro dell’Interno Matteo Piantedosi che ha proposto al presidente Mattarella di conferire a Girifalco il titolo tanto agognato. “Il nostro ringraziamento – afferma l’assessore Sestito – va al sottosegretario Wanda Ferro per il suo impegno politico e al Consiglio comunale di Girifalco che nel giugno del 2021 ha votato questa pratica all’unanimità. Il riconoscimento di città è quindi il successo di un’intera squadra e di un’intera comunità”.

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
Entrambi sarebbero in attesa di primo giudizio. A vigilare sui cortili della prigione c'era un solo agente
La strada è stata provvisoriamente chiusa al traffico. Il personale di Anas è sul posto per la gestione della viabilità
Un’opera rock di assoluto valore artistico, storico e culturale, che ci riporta al popolo dei Bretti e al mito di Donna Brettia
Edison Malaj è deceduto schiacciato da una lastra di cemento mentre lavorava nel piazzale delle ex cantine sociali di Frascineto
Al "Ceravolo" una partita equilibrata con brivido finale per i giallorossi, che salgono a 39 punti
L’uomo è stato portato in elisoccorso all’Annunziata di Cosenza. La strada fortunatamente non era trafficata al momento dell’incidente
"Si sta cercando di delocalizzare il poco rimasto nel capoluogo che fino a ora rendeva la stessa realtà, e l'area più centrale della Calabria, attrattivi"
Dirigenti dell’Anas, indagati per presunta corruzione, avrebbero fornito informazioni riservate sulle gare. Tutto ruota intorno alla Inver
È il caso di un uomo di 74 anni. Una Tac alla testa ha rivelato la presenza di un ago per l'agopuntura che stava causando un’emorragia cerebrale
Il Coruc, Comitato regionale universitario di coordinamento della Calabria, ha dato l'ok definitivo
RUBRICHE

Calabria7 utilizza cookie, suoi e di terze parti, per offrirti il miglior servizio possibile, misurare il coinvolgimento degli utenti e offrire contenuti mirati.

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved