Maestrale, ordinanza annullata per il boss Luigi Mancuso. La Cassazione ordine il Riesame-bis a Catanzaro

La Dda di Catanzaro contesta al boss di Limbadi anche un'estorsione ai danni di una ditta impegnata nella costruzione di un ospedale pediatrico

La Corte di Cassazione, in accoglimento del ricorso presentato dagli avvocati Paride Scinica e Francesco Calabrese, ha annullato con rinvio l’ordinanza di custodia cautelare emessa nei confronti di Luigi Mancuso, ritenuto il boss dell’omonimo clan di Limbadi, nell’ambito dell’inchiesta “Maestrale-Cartagho”. Disposto un nuovo giudizio dinnanzi al Tribunale del Riesame di Catanzaro.

Secondo l’accusa, Mancuso sarebbe il vertice del “Crimine” nella provincia di Vibo Valentia e nei suoi confronti la Direzione distrettuale antimafia di Catanzaro contesta, in particolare, due estorsioni aggravate dalle modalità mafiose. Tra queste anche un episodio estorsivo ai danni di una ditta impegnata nella costruzione di un ospedale pediatrico a Drapia, nel Vibonese. Già imputato nel maxi processo “Rinascita Scott”, la sua posizione è stata stralciata e confluita poi in Petrolmafie dove è stato condannato in primo grado a 30 anni di reclusione.

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
E' stata avvistata a poca distanza dalle coste di Briatico, l’esemplare era in evidente stato di difficoltà
Vincitore del primo premio e di tutti i premi speciali in alcuni dei più prestigiosi concorsi internazionali per pianoforte
Datisi alla fuga, i malviventi hanno effettuato dei prelievi in due distinti uffici postali di Crotone per un totale di 850 euro
Il cancro del colon-retto rappresenta in Italia la terza neoplasia negli uomini e la seconda nelle donne.
Il governatore sottolinea l'importanza delle risorse ottenute in seguito all'accordo con il Ministero dell'Ambiente
In evidente stato di shock è stata affidata ai sanitari del Suem118 e trasportata in ospedale per accertamenti
L’attività di monitoraggio è andata avanti per tutta la notte e ancora in queste ore le strutture sul territorio sono allertate e pronte ad intervenire
Al convegno è intervenuto anche il procuratore di Reggio Calabria, Giovanni Bombardieri, che ha parlato del ruolo egemone della ‘ndrangheta nel narcotraffico
L’ipotesi più accreditata al momento è che sia stata colpita per errore dal proiettile. La donna è morta questa mattina in ospedale
Si cerca una soluzione rapida ed efficace della problematica. Al vertice in Prefettura parteciperanno Comune, Regione e Corap
RUBRICHE

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved