‘Ndrangheta, la denuncia del testimone di giustizia Pino Masciari: “Vogliono ammazzarmi”

Nei suoi confronti anche minacce: "Insieme al mio legale ho relazionato tutto quello che mi sta accadendo nelle sedi opportune"
pino masciari

“Se qualcuno vi dicesse con certezza: ‘Erano già pronti per ammazzarti e stai molto attento perché sei un predestinato, la vendetta da parte loro è solo una questione di tempo… il tempo non cancella la loro sete di vendicarsi’ vi sentireste al sicuro?  E poi ancora… se tentassero di avvicinarvi e di entrarvi in casa in modo sospetto, riuscireste a stare tranquilli? Io no! Per questo ho deciso di rendere pubblico, come gesto di autotutela, tutto ciò che in questi ultimi mesi ho vissuto, ma che sembra non importare a nessuno”. Lo scrive il testimone di giustizia Pino Masciari che racconta di essere stato seguito da un’autovettura sino al cancello della sua abitazione.

Masciari annuncia di aver relazionato, insieme al legale, “nelle sedi opportune, nel rispetto delle leggi, con evidenze documentali, tutto quanto mi sta accadendo”. “Ma ancora una volta mi scontro con uno Stato indifferente. Ho ottenuto solo silenzi. Silenzi omissivi, che tuttavia non assolvono nessuno dalle proprie responsabilità. Dopo trent’anni – continua Masciari – di interminabile attesa in cui ho sperato e ho voluto credere che sarebbe potuto arrivare un domani finalmente migliore, un domani in cui avrei potuto riprendere la mia vita, che di fatto si è congelata nel momento stesso in cui ho denunciato, adesso non ci credo più. Chiedo solo rispetto e attenzione alla mia vita e a quella della mia famiglia, alla nostra sicurezza e incolumità“.

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
Tre soli live in Italia per questo tour primaverile 2024, tre clamorosi sold out in largo anticipo
Era sugli scogli della darsena. Immediato l'intervento della polizia per ricostruire l'accaduto
La sconfitta di Cremona non cancella una stagione meravigliosa e l'ambiente giallorosso è già proiettato al futuro
Nota congiunta dei penalisti: "Inaudito incriminare un avvocato per aver ricevuto dal proprio cliente pagamento in contanti a titolo di onorario"
Corruzione in atti giudiziari aggravata dall'aver agevolato la cosca Molè-Piromali di Gioia Tauro l'ipotesi di accusa contestata
Polemica sulla tempistica dei soccorsi allertati immediatamente dalle persone presenti sul posto. L'ambulanza è arrivata dopo 40 minuti
Oltre all'avvocato Pittelli e a sua moglie, la Procura ha chiuso le indagini nei confronti di professionisti e imprenditori
Stavolta l'impresa non riesce e le Aquile vengono travolte dalla tempesta grigiorossa che si abbatte sulla squadra di Vivarini già nel primo tempo
RUBRICHE

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved