Calabria7

Omicidio Lazzaro nel Vibonese, otto indagati (NOMI)

Nuovi tasselli nella ricostruzione dell’omicidio di Bruno Lazzaro avvenuto nel marzo 2018 nelle Preserre vibonesi. Ucciso con una lama da 11 centimetri, in località Savini di Sorianello, per la sua morte è stato condannato in Appello a 16 anni di reclusione il cugino Gaetano Muller, all’epoca 19enne. Nelle scorse ore sono stati effettuati nuovi rilievi del Ris di Messina sul luogo del delitto coordinati dal procuratore di Catanzaro Nicola Gratteri. La Direzione distrettuale Antimafia di Catanzaro vuole fare luce sull’eccidio del giovane. Sono otto le persone alle quali è stato notificato oggi l’avviso di garanzia, indagate dal sostituto procuratore Annamaria Frustaci, in concorso, per i reati di lesioni personali, violenza privata e associazione per delinquere di stampo mafioso. Per l’omicidio risulta al vaglio dell’autorità giudiziaria la posizione di Gaetano Emanuele, Franco Idà, Michele Idà, Antonio Raffaele Pisani, Agela Vono e Domenico Zannino.

La dinamica dei fatti ipotizzata

Gaetano Emanuele, Franco Idà e Angela Vono sono sospettati di essere i mandanti dell’uccisione del 27enne. Secondo le ipotesi investigative Luca Ciconte, Michele Idà e Domenico Zannino lo avrebbero minacciato in più occasioni, anche con l’uso della violenza fisica, inducendolo a porre fine alla relazione sentimentale con la figlia di un elemento di spicco del clan Emanuele (cosca intranea al locale di Ariola, con influenza sul territorio di Gerocarne, Vazzano, Soriano Calabro e Sorianello) e allontanarsi dalla Calabria. Un divieto che però Bruno Lazzaro non aveva rispettato fino in fondo. Da pochi giorni era rientrato a Sorianello e viene accusato dai suoi aguzzini di aver riallacciato i contatti con la ragazza, la quale aveva avuto una relazione con il cugino Muller. Invitato con una scusa ad uscire di casa e raggiungere l’abitazione di Pisani, indagato, verrà ferito a morte dal cugino Gaetano Muller con un pugnale e poi accompagnato a casa di Angela Vono. I ritardi nel chiamare i soccorsi ne causeranno il decesso e la prematura scomparsa in circostanze ad oggi non ancora chiarite.

I NOMI DEGLI INDAGATI

  1. Gaetano Emanuele nato a Vibo Valentia il 28/07/1975 e residente a Gerocarne;
  2. Luca Ciconte nato a Soriano Calabro il 23/10/1992 e residente a Sorianello;
  3. Franco Idà nato a Vibo Valentia il 12/04/1965 e residente a Gerocarne;
  4. Michele Idà nato a Soriano Calabro il 29/06/1997 e residente a Gerocarne;
  5. Giovanni Alessandro Nesci nato a Soriano Calabro il 20/09/1990 e residente a Gerocarne;
  6. Antonio Raffaele Pisani nato a Soriano Calabro il 22/05/1998 e residente a Gerocarne;
  7. Angela Vono nata a Lodi il 06/08/1980 e residente a Gerocarne;
  8. Domenico Zannino nato a Soriano Calabro il 21/11/1989 e residente a Sorianello.

(mti)

La gelosia, il clan e il nuovo pentito. La Dda di Catanzaro riapre il caso dell’omicidio Lazzaro

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Regionali, il “ritorno” dei fratelli Gentile e i risvolti in vista delle comunali a Catanzaro

bruno mirante

“Ricominciare dà speranza”, il ritorno tra i banchi degli studenti catanzaresi (VIDEO)

Mirko

Violazione norme anti-Covid, sospese 2 palestre e sanzionati oltre 70 clienti

Mirko
Click to Hide Advanced Floating Content
Click to Hide Advanced Floating Content