LA SENTENZA

Processo alla cosca Cerra-Torcasio-Gualtieri di Lamezia, assolto Villella dopo nove anni

Dopo due sentenze di annullamento da parte della Corte di Cassazione, è stato assolto per non aver commesso il fatto
estorsione cooperativa

Dopo nove anni, e due sentenze di annullamento da parte della Corte di Cassazione, Antonio Villella, arrestato nel 2015 nell’ambito dell’operazione “Chimera”, è stato assolto dal delitto di partecipazione ad associazione mafiosa per non aver commesso il fatto.

Villella arrestato nell’ambito di una vasta operazione di polizia culminata con l’arresto di oltre sessanta persone, tutte denunciate per varie ipotesi di reati di mafia. In particolare a Villella veniva contestato di essere un partecipe dell’associazione a delinquere di stampo mafioso denominata “Cerra, Torcasio Gualtieri”e per tale ragione era stato condannato, in primo grado, alla pena di sette anni e otto mesi di reclusione perché ritenuto, appunto responsabile di essere un partecipe dell’associazione mafiosa. Con la stessa sentenza furono pronunciate altre trentacinque condanne in abbreviato ed altre venti all’esito del giudizio ordinario, sempre per delitti di mafia. Tale sentenza di condanna, confermata dalla Corte di Appello di Catanzaro (presidente Barone), fu annullata, una prima volta, dalla Corte di Cassazione, con rinvio per un nuovo giudizio alla Corte di Appello di Catanzaro.

Il lungo iter giudiziario

La Corte di Appello di Catanzaro, quale giudice del rinvio, presieduta da Marco Petrini, nonostante la Corte di Cassazione avesse ritenuto illegittima la condanna del Villella, confermò ugualmente la sentenza di condanna, così come inflitta dal giudice di primo grado. Da qui un nuovo ricorso in Cassazione da parte dei difensori, conclusosi, in data 8 gennaio 2020, con la pronuncia, da parte del Supremo Collegio, di una seconda sentenza di annullamento, con l’ennesimo rinvio, per un nuovo giudizio, alla Corte di Appello di Catanzaro. Si è quindi svolto l’ennesimo giudizio di appello durante il quale il procuratore generale della Corte di Appello, ha chiesto ed ottenuto l’acquisizione di numerose sentenze pronunciate nell’ambito di altri processi, al fine di motivare la finale richiesta di conferma della condanna del Villella, così come inflitta dal giudice di primo grado. Dopo la discussione dei difensori del Villella, ieri, nella tarda serata, dopo ben due annullamenti da parte della Corte di Cassazione, si è concluso il processo a carico di Villella, con una sentenza di assoluzione per non aver commesso il fatto. Lungo tutto questo lungo iter processuale, Villella è stato difeso dagli avvocati Francesco Gambardella e Gianluca Careri.

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
Polemica sulla tempistica dei soccorsi allertati immediatamente dalle persone presenti sul posto. L'ambulanza è arrivata dopo 40 minuti
Oltre all'avvocato Pittelli e a sua moglie, la Procura ha chiuso le indagini nei confronti di professionisti e imprenditori
Stavolta l'impresa non riesce e le Aquile vengono travolte dalla tempesta grigiorossa che si abbatte sulla squadra di Vivarini già nel primo tempo
Falcomatà :"Siamo veramente stanchi. Un impianto sportivo in periferia, abbandonato da tempo e in cui c'era l'attenzione del quartiere"
Alle 12 di oggi era previsto il sorvolo di prova delle Frecce Tricolori. La manifestazione è stata annullata
E' stato ritrovato all'interno della sua automobile. Ancora da chiarire le cause e le modalità del decesso
Un fenomeno drammatico e particolarmente preoccupante. La Polizia fornisce i numeri per consentire l'avvio immediato delle ricerche
Si terrà venerdì 31 maggio nell’Auditorium del Campus “Salvatore Venuta”, all’Università “Magna Graecia” di Catanzaro
RUBRICHE

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved