Quella mentalità “malandrina” che resiste nella Vibo dei blitz, il monito di Falvo: “La società deve cambiare”

Il procuratore punta sulla prevenzione e la sensibilizzazione delle giovani generazioni per cambiare la "controcultura" della 'ndrangheta

Passare dalla repressione alla prevenzione per cambiare la mentalità “malandrina” ancora radicata in determinati ambiti del territorio per riaffermare definitivamente la cultura della legalità. Il procuratore di Vibo Camillo Falvo lo sostiene da anni e lo ribadisce in qualsiasi incontro al quale partecipa. Lo ha fatto anche davanti agli studenti dell’Istituto di Criminologia di Vibo nell’ambito della tappa del tour itinerante della Staffetta della Legalità promossa da Sergio Gaglianese. A Palazzo Gagliardi, per l’occasione, oltre al rettore Saverio Fortunato e la procuratore Falvo, c’erano anche il prefetto Paolo Giovanni Grieco, il questore Rodolfo Ruperti, il comandante provinciale dei carabinieri Luca Toti e lo scrittore Luciano Prestia, autore del libro “Il contabile della ‘ndrina” edito da Libritalia, presentato unitamente al volume di Sergio Gaglianese “La Tazzina della legalità” (Giovanelli Editore).

“Territorio intriso della cultura dell’illegalità”

“Territorio intriso della cultura dell’illegalità”

Ad aprire gli interventi è stato proprio Camillo Falvo che è andato diritto al punto: “Purtroppo viviamo in un territorio molto difficile perché intriso della cultura dell’illegalità nella sua eccezione peggiore. Non è la semplice violazione delle regole ma l’esistenza di una controcultura rispetto alla cultura della legalità vera e propria che dovrebbe governare qualsiasi territorio. E’ frutto di tanta negligenza e trascuratezza che negli anni purtroppo ha visto lo Stato non dico assente, ma che ha sofferto molto nel cercare di affermare la legalità”. Al vice presidente del Csm il procuratore di Vibo ha elencato 22 maxi procedimenti trattati nell’ultimo decennio. Non solo Rinascita Scott ma anche Imponimento, Maestrale-Cartagho, Olimpo, Imperium e, andando più indietro nel tempo, Conquista, Stammer, Costa Pulita. L’impegno delle forze dell’Ordine e della magistratura oggi non è in discussione: c’è stato, c’è e ci sarà. “Nonostante questo investimento verso la legalità – denuncia Falvo – le cose stentano a cambiare perché stenta a cambiare la mentalità. Dobbiamo sensibilizzare soprattutto le giovani generazioni perché sono quelle che possono modificare questo stato delle cose. Dobbiamo investire di più per raggiungere quella fascia di popolazione e quelle famiglie che difficilmente riescono ad emanciparsi da questo sistema e da questa mentalità. Molto è stato fatto, tanto resta da fare e verrà fatto, ma è la società che deve cambiare e noi dobbiamo investire molto di più in questo incontri e su questi temi”. (mi.fa.)

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
L'appuntamento è per domenica 16 giugno e al centro dell'iniziativa ci sarà la terza età. Il titolo è già tutto un programma: "Siamo tutti anziani"
Secondo quanto raccontato da "Basta vittime sulla statale 106": il conducente della vettura sbalzato fuori dall'abitacolo e incastrato nel guardrail
Ci sono anche due deputati calabresi tra i parlamentari sanzionati dall'ufficio di presidenza della Camera dei deputati
Soddisfazione da parte del presidente di Coldiretti Calabria Franco Aceto: "Ma non basta, la mobilitazione continua"
l'inviato
Centinaia di chilometri di arenile ubicati a ridosso della statale 18 invasi da erbacce, rifiuti e liquami fognari
L'Intervista
Il testo licenziato dal Senato - spiega il governatore della Calabria al Corriere della Sera - è un buon testo, ma deve essere migliorato”
I messaggi social con la firma delle “Brigate Rosse” diretti a due cosiddetti "diarchi fascisti": "Siete condannati a morte"
La Cgil incalza di fronte all'ennesimo episodio "Bisogna prendere provvedimenti drastici e urgenti affinché i colleghi vengano tutelati"
Accolte le istanze dei difensori del 31enne, di Spadola. Il Tribunale di Messina ha ritenuto inammissibile la richiesta della Dda
Accusati in concorso tra di loro di peculato, erano stati arrestati nell'ambito di un'inchiesta della Guardia di finanza. Accolte le le richieste della difesa
RUBRICHE

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved