Sanità in Calabria, l’appello di una mamma a ‘Fuori dal Coro’: “Mia figlia ha bisogno di cure”

"Chiedo una giusta assistenza. Le istituzioni non riescono a recepire il bisogno di sostegno, siamo stanchi"

In Calabria i disservizi nella sanità pubblica rischiano di minare la qualità dell’assistenza domiciliare continuativa: lo sanno bene Benedetta e sua figlia Giorgia, residenti a Gioiosa Ionica (Reggio Calabria), che ai microfoni di “Fuori dal Coro” raccontano le difficoltà quotidiane nelle cure a Martina, 17enne affetta da una disabilità grave. 

 La notizia è riportata su Tgcom 24: “Per mia sorella ho dovuto lasciare la scuola”, spiega Giorgia che da 7 mesi deve sopperire ai tagli imposti dall’azienda sanitaria che ha dimezzato, senza alcuna motivazione, l’assistenza continuativa nei confronti della giovane. Come spiega la madre di Martina mostrando gli ultimi referti, le sue condizioni di salute sono nettamente peggiorate dopo la riduzione delle cure. “Con dignità riusciamo ad andare avanti ma chiedo una giusta assistenza”, dice Benedetta. E aggiunge: “Le istituzioni non riescono a recepire il bisogno di sostegno, siamo stanchi”. A quel punto la donna, insieme all’inviata del programma di Rete 4, decide di incontrare la direttrice del Distretto Sanitario Jonico. “Non voglio tirarmi indietro ma sono una sostituta, vi saluto”, afferma Silvana Murdaca prima di lasciare la stanza. “Non vado a disturbare- aggiunge- il Direttore generale perché oggi è un prefestivo”. 

 La notizia è riportata su Tgcom 24: “Per mia sorella ho dovuto lasciare la scuola”, spiega Giorgia che da 7 mesi deve sopperire ai tagli imposti dall’azienda sanitaria che ha dimezzato, senza alcuna motivazione, l’assistenza continuativa nei confronti della giovane. Come spiega la madre di Martina mostrando gli ultimi referti, le sue condizioni di salute sono nettamente peggiorate dopo la riduzione delle cure. “Con dignità riusciamo ad andare avanti ma chiedo una giusta assistenza”, dice Benedetta. E aggiunge: “Le istituzioni non riescono a recepire il bisogno di sostegno, siamo stanchi”. A quel punto la donna, insieme all’inviata del programma di Rete 4, decide di incontrare la direttrice del Distretto Sanitario Jonico. “Non voglio tirarmi indietro ma sono una sostituta, vi saluto”, afferma Silvana Murdaca prima di lasciare la stanza. “Non vado a disturbare- aggiunge- il Direttore generale perché oggi è un prefestivo”. 

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
Confermato l'ordinanza di custodia cautelare nei confronti di Francesco Putortì, indagato per omicidio e tentato omicidio
L'appuntamento è per domenica 16 giugno e al centro dell'iniziativa ci sarà la terza età. Il titolo è già tutto un programma: "Siamo tutti anziani"
Secondo quanto raccontato da "Basta vittime sulla statale 106": il conducente della vettura sbalzato fuori dall'abitacolo e incastrato nel guardrail
Ci sono anche due deputati calabresi tra i parlamentari sanzionati dall'ufficio di presidenza della Camera dei deputati
Soddisfazione da parte del presidente di Coldiretti Calabria Franco Aceto: "Ma non basta, la mobilitazione continua"
l'inviato
Centinaia di chilometri di arenile ubicati a ridosso della statale 18 invasi da erbacce, rifiuti e liquami fognari
L'Intervista
Il testo licenziato dal Senato - spiega il governatore della Calabria al Corriere della Sera - è un buon testo, ma deve essere migliorato”
I messaggi social con la firma delle “Brigate Rosse” diretti a due cosiddetti "diarchi fascisti": "Siete condannati a morte"
La Cgil incalza di fronte all'ennesimo episodio "Bisogna prendere provvedimenti drastici e urgenti affinché i colleghi vengano tutelati"
Accolte le istanze dei difensori del 31enne, di Spadola. Il Tribunale di Messina ha ritenuto inammissibile la richiesta della Dda
RUBRICHE

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved